Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Regno Unito: il primo ministro Johnson è sopravvissuto a un voto di sfiducia

Stato: 6/6/2022 22:28

Il voto di sfiducia al primo ministro britannico Johnson è fallito. Nel voto del gruppo parlamentare conservatore, ha vinto con 211 voti contro 148. Johnson rimane il leader e il primo ministro del partito.

Il primo ministro britannico Boris Johnson è sopravvissuto al voto di sfiducia del suo partito conservatore. Il presidente del comitato Graham Brady ha affermato che la maggioranza di 211 parlamentari conservatori ha votato per Johnson. Hanno votato per mantenere Johnson come leader del partito. D’altra parte, 148 deputati hanno votato sfiducia per lui. Nei conservatori britannici, la posizione di primo ministro è legata a quella di leader del partito.

Il voto è stato spinto dalla questione dei partiti nella residenza ufficiale di Johnson durante il blocco di Corona. Affinché il voto di sfiducia avesse successo, oltre il 50% dei parlamentari conservatori ha dovuto votare per la mossa a scrutinio segreto.

Solo in mattinata Brady ha annunciato che si sarebbe svolta la votazione: era stato ricevuto il numero necessario di lettere – almeno 54 -. La soglia di almeno il 15 per cento è stata così raggiunta.

Ne chiede le dimissioni per il caso Partigate

Johnson è stato sottoposto a pressioni politiche interne da quando è emerso gradualmente in inverno che si tenevano feste eccessive nella sua residenza ufficiale di Downing Street a Londra, in un momento in cui i britannici erano in isolamento prolungato e non erano in grado di dire addio ai loro parenti morenti.

READ  Indice Corona: i paesi si affidano alle offerte di vaccinazione mobile

I colleghi di partito hanno ripetutamente chiesto le dimissioni di Johnson. Il primo ministro è stato anche multato per aver partecipato a una celebrazione, diventando il primo primo ministro britannico a infrangere la legge.

Tuttavia, il numero dei critici non ha raggiunto la soglia necessaria per avviare un voto di sfiducia. Lo scoppio della guerra in Ucraina ha portato alcuni a credere che questo non fosse il momento per un cambio di leadership.

rapporto investigativo devastante

Solo il rapporto investigativo pubblicato di recente dall’alto funzionario Sue Gray, che ha rilasciato ai funzionari di Downing Street una devastante testimonianza di buona condotta, ha incoraggiato altri parlamentari a scrivere le loro lettere al comitato responsabile del 1922. Venerdì, durante le celebrazioni per il centenario della regina, il primo ministro è stato fischiato tra i fan reali.

Johnson si è scusato ripetutamente in Parlamento per gli incidenti, ma ha rifiutato di dimettersi. Dopo che il voto di sfiducia è diventato noto, il suo portavoce ha affermato che il primo ministro l’ha vista come un’opportunità per “porre fine alla speculazione che andava avanti da mesi”. Consente al governo di “tracciare una linea” e di prendersi cura delle reali preoccupazioni del popolo.