Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Una serie di morti misteriose: il vicepresidente di Lukoil è morto “improvvisamente” in Russia

Una serie di morti misteriose: il vicepresidente di Lukoil è morto “improvvisamente” in Russia

Una misteriosa serie di morti
Il vicepresidente di Lukoil è morto “improvvisamente” in Russia

Ascolta il materiale

Questa versione audio è stata creata artificialmente. Maggiori informazioni | Invia la tua opinione

L’elenco delle morti misteriose tra i top manager del settore energetico russo si allunga sempre di più. Questa volta è toccato a Vitaly Robertus, 53 anni, vicepresidente del colosso petrolifero Lukoil. È il quarto alto dipendente dell'azienda a morire dall'inizio della guerra in Ucraina.

È morto in Russia un altro dirigente del colosso petrolifero Lukoil. La società ha dichiarato in un comunicato che Vitaly Robertus, vicepresidente della società energetica, è morto “improvvisamente” all'età di 53 anni. La causa della morte non è stata menzionata. Ha aggiunto: “Rimarrà nei nostri ricordi come un leader di talento, una persona istruita e un compagno compassionevole”. La dichiarazione aggiunge che la società si rammarica della morte del vicepresidente, che ha lavorato per Lukoil per 30 anni.

Dall’inizio della guerra d’aggressione in Ucraina sono aumentate le morti misteriose tra i top manager del settore energetico russo. Lukoil deve pubblicare i rapporti sui decessi molto più spesso. Robertus è il quarto direttore senior dell'azienda a morire inaspettatamente negli ultimi due anni.

Nell'ottobre dello scorso anno, il CEO Vladimir Nekrasov è morto all'età di 66 anni, secondo l'azienda, a causa di un'insufficienza cardiaca acuta. Anche Nekrasov ha lavorato per decenni alla Lukoil. Tuttavia, mantenne la carica principale solo per pochi mesi prima della sua morte.

È stato nominato nel 2022 quando il suo predecessore, l’allora amministratore delegato Raul Maganov, morì dopo essere caduto dalla finestra di un ospedale di Mosca, come riportato dai media russi. Lukoil scrisse all’epoca che Maganov “morì dopo una grave malattia”. Aveva 67 anni.

Un altro direttore senior del gruppo, Alexander Subbotin, è morto in strane circostanze nel maggio 2022. Come riportato all'epoca dai media russi, il 44enne morì mentre era misteriosamente in cura per dipendenza da alcol. Si diceva che l'uomo fosse andato da una coppia di sciamani per “curare i postumi di una sbornia” dopo aver bevuto troppo alcol. Tra le altre cose, gli tagliarono la pelle e applicarono veleno di rana sulle sue ferite. Allora Subbotin si sentì male e morì poco tempo dopo.

Anche un numero insolitamente elevato di manager dell'altro gigante energetico russo, Gazprom, morirono nei primi mesi dopo l'inizio della guerra. A metà del 2022, nel giro di poche settimane, sono morti almeno cinque uomini d’affari vicini all’azienda controllata dallo Stato.

READ  Trump non è stato invitato alla festa: Obama è in ritardo alla Casa Bianca