Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Squadre di soccorso nel Donbas: “Non penso a più di un giorno”

Squadre di soccorso nel Donbas: “Non penso a più di un giorno”


un report

Al: 22 febbraio 2024 alle 13:33

Lesioni cerebrali traumatiche, organi rotti, ossa rotte: questa è la vita quotidiana dei medici ucraini al fronte nel Donbass quando salvano i soldati feriti. I fattori della guerra del gas russa rappresentano un rischio crescente.

Era già buio quando la squadra di evacuazione ha portato i tre soldati. Sono stati appena colpiti sul fronte vicino nella regione di Donetsk. Rimangono lì pallidi, infreddoliti ed esausti. Hanno gli occhi rossi e acquosi, la gola secca e il respiro corto. Si tossisce molto forte.

Per il capo chirurgo Victor Rodin, la diagnosi iniziale è fatta rapidamente: “Si tratta di avvelenamento con un’arma a gas sconosciuta”. È stato lasciato cadere dalla parte russa e inalato dagli uomini. “Adesso odora di cloro, ma dobbiamo ancora analizzare di cosa si tratta”.

La squadra di evacuazione ha portato tre soldati feriti dal fronte. Sospetto: avvelenamento da gas

Nuovi vestiti per i soldati

L'équipe presente al punto di stabilizzazione comprende chirurghi, anestesisti e paramedici che si prendono cura dei tre feriti. Non possiamo dire pubblicamente quanti ce ne siano e dove sia il punto di stabilizzazione.

Misurano la pressione sanguigna, illuminano gli occhi con la luce, somministrano ossigeno e antidolorifici e si assicurano che gli uomini siano al caldo. Anche i cinque letti nel punto di installazione sono sempre riscaldati. I soldati si tolgono i vestiti e ricevono pantaloni della tuta, magliette, giacche, calzini e scarpe.

Vengono controllate le uniformi

Le loro uniformi vengono messe in sacchetti di plastica nera e inviate al laboratorio per un'analisi dettagliata, afferma il chirurgo Rodin. Scopriremo il tipo di sostanza tossica e poi lo documenteremo.

La Convenzione delle Nazioni Unite sulle armi chimiche vieta l’uso di armi chimiche. L’Ucraina accusa da tempo la Russia di utilizzare bombe a mano contenenti gas CS. Secondo l’esercito ucraino, dall’inizio della grande invasione russa fino all’inizio di febbraio 2024, il gas è stato utilizzato più di 800 volte. È stato lanciato da droni o bombardamenti russi.

Vass: territori occupati dalla Russia

Amputazioni nel posto sbagliato

Fino alla grande invasione russa del 24 febbraio 2022, Viktor Rudin era un civile ed eseguiva operazioni nella sua clinica privata a Zaporizhia. Adesso si deve fare a meno di lui perché è stato mobilitato l’esperto medico d’urgenza. “La medicina è medicina”, dice laconicamente il 57enne.

READ  False informazioni sulla morte dell'aereo 737 Max - inganno - collaudatore accusato da Boeing - notizie estere

Ma ammette che deve ancora abituarsi alle gravi ferite della guerra. Ad esempio, quando le squadre di evacuazione in prima linea amputano i feriti nel posto sbagliato, ad esempio nella parte superiore della gamba. Tuttavia, il medico dall'aspetto calmo spiega che ora sa che qualcosa del genere potrebbe accadere e cosa fare. “Dobbiamo lavorare molto velocemente qui”, aggiunge.

Molti feriti con traumi multipli

In media, i feriti vengono trasferiti in un ospedale vicino dopo 20-30 minuti. C'è una sala di riposo per le persone con ferite lievi dove possono aspettare. Le operazioni non vengono eseguite nel punto di installazione. La maggior parte dei feriti presentava i cosiddetti traumi multipli, ovvero uno o più feriti mortali.

Ad esempio, lesioni cerebrali traumatiche aperte, lesioni polmonari e lesioni toraciche, addominali o ossee. “Un soldato può avere tutto questo”, dice Victor Rudin. I feriti devono respirare, non sanguinare e necessitano di antidolorifici, il che riassume ciò che significa essenzialmente stabilizzazione.

Tinnito, vertigini e nausea

Molti soldati feriti presentano quelli che vengono chiamati lividi. In parole povere, questo è uno shock per il corpo causato dalla forza delle esplosioni. Le conseguenze sono molteplici: lividi ai polmoni, agli organi interni, al midollo spinale o lesioni cerebrali traumatiche. Vengono rilasciati da una pressione tremenda, come una bomba da mina in una trincea o una granata che penetra in un veicolo.

Il medico dice che molti soldati soffrono contemporaneamente di più di questi lividi, le cui conseguenze possono sovrapporsi e portare a danni permanenti. Questi includono mal di testa, tinnito, vertigini, nausea, vomito o tremori. I lividi non sono un fenomeno nuovo. Durante la prima guerra mondiale, i soldati con questa diagnosi venivano chiamati “tremori di guerra”.

Intervento chirurgico d'urgenza Nel Avanti veloce

I chirurghi dicono che ci sono abbastanza anestetici, farmaci e sostituti del sangue. Ma c’è una mancanza di sonno e riposo perché le persone lavorano 24 ore su 24 in un punto di stabilità. “Una buona giornata è una giornata tranquilla in cui posso dormire e bere un caffè”, dice Volodymyr in tono autoironico.

READ  Ursula von der Leyen deve passare attraverso l'uscita per i passeggeri regolari in Cina

Il 39enne di Dnipro spiega di non essere a conoscenza del 90% delle ferite riportate nella sua vita civile come neurochirurgo, come braccia o gambe mozzate. Ma imparò il suo mestiere e la sanguinosa realtà della guerra gli insegnò presto il resto. I colleghi, Internet o i grossi libri di testo americani sulla chirurgia d’urgenza militare sono stati utili.

Il chirurgo Volodymyr con un libro di testo sulla chirurgia militare d'urgenza. Dice di non essere a conoscenza del 90% delle lesioni subite nella sua vita civile come neurochirurgo.

“Non tutti possono gestirlo.”

“Ho già trascorso due Natali qui”, scherza Denis dalla città di Nikopol, in prima linea. Il 37enne dalla barba bruna ha cambiato il suo lavoro presso un'azienda industriale per un punto di stabilizzazione vicino al fronte nel Donbass.

Ha ricevuto i tre soldati feriti e li ha interrogati mentre conduceva le statistiche. Negli ultimi mesi ogni giorno sono stati ricoverati circa 30 feriti. Si sospetta che ciò sia dovuto al clima invernale. In estate erano molti di più, dai 150 ai 200.

Dennis non è stato mobilitato ma si è offerto volontario dalla sua professione non medica. All'inizio è stato difficile. “Abbiamo fatto venire persone da qui al reparto psichiatrico. Cerchiamo di fare battute e alleggerire l'atmosfera. Ma mentalmente è difficile e non tutti riescono a gestirlo”.

24 ore in attesa della squadra di soccorso

Alle pareti erano appese immagini colorate e disegnate da loro stessi di bambini i cui genitori soldati erano sopravvissuti con l'aiuto della squadra. Ma non tutti i pazienti riescono. Muoiono lungo il percorso, nel punto di insediamento oppure vengono salvati dal fronte quando sono già morti.

I combattimenti in corso rendono difficili le evacuazioni dal fronte. È un po' più facile la sera o la notte. Anche coloro che sono rimasti gravemente feriti dovrebbero essere in grado di resistere. Come Bogdan, che combatte da un anno e mezzo ed è stato ferito cinque volte.

READ  Praga: morti e feriti dopo una sparatoria all'Università Carolina - Panorama

L'ultima volta è stata a metà febbraio. Nel frattempo, un frammento di proiettile di mortaio gli ha colpito la gamba. Dice che la sua evacuazione è stata difficile e che il suo sangue era già congelato. “Il nemico ci ha bombardato molto intensamente e non è stato possibile evacuare”, dice Bogdan, “ho aspettato 24 ore per l'evacuazione”.

I soldati rimasero indietro mentre Avdiivka si ritirava

Ci sono casi in cui le squadre di evacuazione non sono in grado di recuperare o salvare i morti e i feriti, come è accaduto dopo la sconfitta ucraina ad Avdiivka, quando i soldati feriti rimasero o dovettero essere lasciati indietro.

Morte, bombardamento, ferimento e invalidità: questa è anche la vita quotidiana del chirurgo Oleksandr Kosi. “Lo faremo finché sarà necessario. Non possiamo dire: ragazzi, siamo stanchi di tutto questo. Continueremo fino alla fine, come intero Paese”. Due dei tre soldati feriti nel punto di stabilizzazione si sono parzialmente ripresi. Dicono di essere stati attaccati da un drone russo e gasati.

“Non pensi molto al futuro qui.”

“Recentemente abbiamo assistito a diversi casi di avvelenamento da gas”, dice il chirurgo Kosi al punto di stabilizzazione dopo aver esaminato i feriti. Si ritiene che sui tre soldati siano stati lanciati alcuni prodotti chimici. Forse qualcosa con il cloro. “Le armi chimiche sono state utilizzate con particolare frequenza negli ultimi mesi”.

Oleksandr Tarnavsky, il comandante del gruppo ucraino Tavria che ha combattuto ad Avdiivka, ha detto in un telegramma questa settimana che la parte russa stava usando bombe a gas nella regione di Donetsk.

Il chirurgo Kosi viene da Mariupol occupata dai russi. I suoi genitori sono rimasti sotto occupazione. Il padre, 27 anni, sogna una vita civile dopo la guerra. Vorrebbe augurare buon compleanno a suo figlio ad aprile, ma non ha altri progetti per il futuro. “Non penso oltre un giorno. Non stai pensando troppo in avanti qui.”

Andrea Beer, ARD Kiev, Tagesschau, 22 febbraio 2024, 10:50