Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Embargo petrolifero: l’Ungheria annuncia il veto contro la decisione sulle sanzioni dell’UE

un lavoro Il ministro degli Esteri Peter Szijjarto

‘La proposta equivale a una bomba nucleare’ – L’Ungheria pone il veto all’embargo petrolifero

La Russia deve fare i conti con tagli e arresti alla produzione.

La Commissione dell’Unione Europea propone di imporre un embargo petrolifero alla Russia. Dopo un periodo di transizione di sei mesi, verrà applicato il divieto di importazione di greggio. Discuti il ​​dott. Frank Umbach, esperto di sicurezza energetica presso l’Università di Bonn.

Puoi ascoltare il podcast WELT qui

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché tale consenso è richiesto dai fornitori di contenuti incorporati in quanto fornitori di terze parti [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore a levetta su ON, accetti questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali ad altri paesi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con la Sezione 49(1)(a) del GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite il toggle e tramite Privacy in fondo alla pagina.

L’Ungheria vota contro il divieto dell’Unione Europea sulle importazioni di petrolio russo. Il pacchetto di sanzioni significa “solo problemi” per l’Ungheria. Il popolo ungherese non deve pagare il prezzo della guerra. Ora Ursula von der Leyen si reca in Ungheria per mediare.

DottL’Ungheria, membro dell’Unione Europea, vuole porre il veto all’embargo dell’UE sulle importazioni di petrolio russo. “L’Ungheria non voterà (nel Consiglio dell’Unione Europea) per questo pacchetto perché il popolo ungherese non dovrebbe pagare il prezzo della guerra (in Ucraina)”, ha detto lunedì il ministro degli Esteri Peter Szijjarto al parlamento di Budapest. Affinché il pacchetto di sanzioni venga implementato, tutti i paesi devono essere d’accordo.

Nei negoziati in corso dalla scorsa settimana e che proseguiranno questa settimana, i paesi dell’Unione Europea non hanno ancora raggiunto un accordo su un embargo petrolifero contro la Russia. La Commissione dell’Unione Europea ha proposto di concedere a Ungheria, Slovacchia e Repubblica Ceca più tempo per attuare completamente la moratoria sulle consegne. Tuttavia, la proposta non è andata abbastanza lontano per l’Ungheria, ma anche per altri paesi.

Szijjarto ha affermato lunedì che il pacchetto di sanzioni significava “solo problemi” per l’Ungheria. Non ha soluzioni su come il paese, che dipende dal petrolio russo, sostituirà le importazioni perse. “Questa proposta di Bruxelles equivale a sganciare una bomba nucleare sull’economia ungherese”, ha affermato. Il primo ministro di destra Viktor Orban aveva già tentato lo stesso confronto in un’intervista radiofonica venerdì scorso.

Leggi anche

Nella lotta contro l’embargo petrolifero dell’Unione europea, la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen si reca ora in Ungheria. Un portavoce di von der Leyen a Bruxelles ha detto che von der Leyen vuole incontrare Orban lunedì per parlargli della sicurezza delle forniture.

Puoi ascoltare il podcast WELT qui

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché tale consenso è richiesto dai fornitori di contenuti incorporati in quanto fornitori di terze parti [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore a levetta su ON, accetti questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali ad altri paesi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con la Sezione 49(1)(a) del GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite il toggle e tramite Privacy in fondo alla pagina.

La giornalista russa Marina Ovsianikova parla con Jean-Philippe Burgard, caporedattore del canale di notizie WELT, del 9 maggio e della guerra in Ucraina. Iscriviti al podcast “WELT talks”, ad esempio spotifyE Podcast di AppleE musica amazzonicaE Deezer o direttamente tramite RSS Feed.

READ  Indagini in Austria: quali sono le prospettive per il consigliere Kurtz?