Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Rapporto di mercato: Wall Street è in modalità di crisi

Rapporto di mercato: fai un respiro profondo a Wall Street


Rapporto di mercato

Al: 5 febbraio 2024 alle 22:52

Le preoccupazioni emergenti sui tassi di interesse hanno fermato il recente rally record, almeno a Wall Street. L'incertezza sui tassi d'interesse è tornata sempre più al centro dell'attenzione degli investitori, smorzando l'euforia.

All’inizio della settimana, il recente rally tecnologico a Wall Street non è continuato. L'incertezza sui tassi d'interesse, che in precedenza era stata relegata in secondo piano dagli impressionanti risultati economici del settore tecnologico, è tornata sempre più al centro dell'attenzione degli investitori. Dopo i dati positivi sull'occupazione pubblicati venerdì, gli investitori hanno sempre più ritirato le loro scommesse su un rapido calo dei tassi di interesse statunitensi.

Soprattutto, le significative perdite di prezzo in tutte le condizioni del mercato obbligazionario hanno fatto sì che il tema continuasse a recuperare terreno rispetto ai mercati. Al contrario, i rendimenti dei titoli di Stato a dieci anni sono aumentati di 13 punti base al 4,17%, mentre il rendimento dei titoli di stato a due anni si attesta ora al 4,47% dal precedente 4,37%.

Venerdì tutti i principali indici azionari hanno toccato nuovi massimi storici, ma oggi la situazione era molto più tranquilla. L'indice principale Dow Jones ha chiuso le sue contrattazioni a 38.380 punti, con una perdita giornaliera dello 0,71%. Il Nasdaq, ad alto contenuto tecnologico, è andato leggermente meglio, perdendo un modesto 0,2%. L'indice Standard & Poor's 500 ha chiuso leggermente in ribasso a 4.942 punti, in calo dello 0,32%.

Le speranze degli investitori per rapidi tagli dei tassi di interesse sono diminuite di recente. Venerdì, i dati positivi provenienti dal mercato del lavoro statunitense hanno effettivamente dato un forte impulso ai rendimenti nei mercati obbligazionari, smorzando così l'umore sui mercati azionari. Anche le recenti dichiarazioni del presidente della Federal Reserve Jerome Powell si esprimono contro qualsiasi imminente taglio dei tassi di interesse. In un’intervista con la CBS Television, Powell ha messo in guardia dai pericoli derivanti da un taglio troppo rapido dei tassi di interesse. L'intervista è stata registrata giovedì.

“Ci saranno tagli, ma forse solo la metà della velocità prevista dal mercato quest’anno perché i politici avevano previsto solo tre tagli”, ha detto Susannah Streeter, un’esperta di Hargreaves Lansdowne.

Tra i singoli titoli, il produttore di macchine edili e di veicoli commerciali Caterpillar Inc. ha beneficiato della maggiore domanda da parte dei settori dell'energia e dei trasporti nel quarto trimestre. Le azioni non possono sostenere guadagni iniziali più alti, ma finiscono comunque per salire del 2,00% e in cima al Dow Jones. A causa della sua elevata volatilità ciclica, Caterpillar è tradizionalmente considerato un indicatore economico a sé stante tra gli osservatori del mercato azionario.

Tuttavia, negli ultimi mesi, la società di fast food McDonald's ha avvertito le conseguenze della guerra di Gaza nel mondo arabo. Le vendite su base comparabile nel quarto trimestre non sono cresciute tanto quanto gli analisti si aspettavano. Le azioni sono scese del 3,7% e si sono collocate in fondo all'indice Dow Jones.

Il DAX continua a trovare il suo trend. All'inizio della settimana, l'indice principale tedesco si è indebolito leggermente dopo che le negoziazioni erano instabili. Il livello di chiusura ha raggiunto i 16.904 punti, con una leggera perdita dello 0,1%. Il trading range di oggi variava tra 16.880 e 16.972 punti. Venerdì il DAX ha quasi raggiunto un nuovo massimo storico di 17.004 punti, ma l'indice fatica a raggiungere questo livello elevato da dicembre. L'indice MDAX delle azioni di medie dimensioni è sceso moderatamente dello 0,25% a 25.588 punti.

READ  Profitto record: Tesla fa un balzo in avanti nelle vendite e nei profitti: la quota di Tesla con quell'accendino | Messaggio

Da un lato, il mercato azionario nazionale è ancora a un livello elevato e si sta quindi “muovendo” verso l’alto, sostenuto dalla tecnologia di mercato. D’altro canto, in questo momento semplicemente non riesce a tenere il passo con la vertiginosa crescita tecnologica di Wall Street.

Ciò ha recentemente messo in ombra le deboli speranze sui tassi di interesse dopo che gli ultimi dati del mercato del lavoro statunitense si sono rivelati sorprendentemente forti. L’economia statunitense è stabile anche sotto altri aspetti, a differenza della situazione in Germania ed Europa. Non c’è da stupirsi che il mercato azionario locale stia attualmente cercando la sua direzione. Soprattutto quando non ci sono aziende così importanti nell’agenda dell’IA come quelle di New York.

L'euro è stato messo sotto pressione dal rialzo del dollaro all'inizio della settimana ed è sceso a 1,0723 dollari, il livello più basso da metà novembre. La moneta unica è stata scambiata l'ultima volta negli Stati Uniti a 1,0739 dollari, leggermente al di sopra del suo livello più basso. La Banca Centrale Europea ha fissato il prezzo di riferimento a 1,0746 (venerdì: 1,0883) dollari. Nel pomeriggio l'euro è stato sottoposto ad ulteriore pressione a causa dei dati economici provenienti dagli Stati Uniti. Nel mese di gennaio l'indice ISM dei fornitori di servizi è salito notevolmente.

La lira turca è stata al centro dell'attenzione anche sul mercato dei cambi dopo le dimissioni del presidente della Banca centrale Hafez Gay Erkan nel fine settimana. Tuttavia, gli investitori hanno generalmente affrontato la questione con calma.

Erkan si è dimesso per accuse di nepotismo ed è stato sostituito dall'ex vicepresidente Fatih Karahan. Sembra che Karahan abbia fiducia nel continuare la linea rigorosa del suo predecessore. Erkan è in carica da poco più di sei mesi ma, a differenza dei suoi predecessori, ha combattuto con decisione l’elevata inflazione attraverso ampi aumenti dei tassi di interesse.

L'inflazione in Turchia rimane elevata anche dopo l'improvviso cambio di leadership della banca centrale. Nel mese di gennaio i prezzi al consumo sono aumentati del 64,9% rispetto allo stesso mese dell'anno scorso, ha annunciato oggi ad Ankara l'Ufficio nazionale di statistica. Ciò significa che il deprezzamento della moneta è quasi allo stesso livello dei due mesi precedenti. Gli analisti si aspettavano in media un’inflazione leggermente inferiore.

I principali ostacoli per l’euro sono arrivati ​​dalla Germania. Gli attuali dati sul commercio estero di dicembre hanno causato delusione nel mercato. In ogni caso non si parla di un'economia florida: le esportazioni sono diminuite del 4,6% su base mensile a dicembre, come annunciato dall'Ufficio federale di statistica di Wiesbaden. Si tratta del calo più grande dalla fine del 2022.

Gli analisti si aspettavano una contrazione delle esportazioni, ma in media si aspettavano un calo solo del 2,8%. “In definitiva, l’economia globale è troppo debole per fornire dinamismo”, ha affermato Alexander Krueger, capo economista della banca privata Hoche Aufhauser Lampe.

READ  La tradizionale casa automobilistica Eisenwerk Hasenclever fallisce – dopo 250 anni

Dopo le perdite iniziali, i prezzi del petrolio hanno registrato una certa ripresa nel corso del tempo. Recentemente il prezzo di un barile di greggio Brent (159 litri) proveniente dal Mare del Nord è aumentato dello 0,77%. Il prezzo del barile del greggio statunitense West Texas Intermediate è aumentato dello 0,6%.

La situazione del mercato resta fragile. Recentemente, secondo gli ultimi dati sul mercato del lavoro negli Stati Uniti, il calo dei prezzi del petrolio è stato guidato dalla forza del dollaro. Un dollaro forte rende il petrolio greggio scambiato in dollari più costoso sul mercato globale. Ciò rallenta la domanda e mette sotto pressione i prezzi. Recentemente, l’aumento delle forniture di greggio da parte dei paesi non OPEC ha esercitato pressioni sui prezzi. I prezzi del petrolio sono scesi significativamente la scorsa settimana.

I timori per l'escalation della situazione in Medio Oriente hanno temporaneamente sostenuto i prezzi del petrolio in mattinata. Durante il fine settimana, gli Stati Uniti e la Gran Bretagna hanno dichiarato di aver attaccato diversi obiettivi dei ribelli Houthi sostenuti dall’Iran.

Oggi la quota di Morphosys quotata su TecDAX è già aumentata di oltre il 36% nelle negoziazioni XETRA in seguito alle voci di acquisizione. La conferma è arrivata in tarda serata. Novartis offre quindi 68 euro in contanti per ogni azione Morphosys, che equivale a un prezzo di acquisto di 2,7 miliardi di euro.

L'accordo di fusione è stato concluso e la quota minima di accettazione è pari al 65% delle azioni Morphosys. Per completare l’operazione sono inoltre necessarie le necessarie approvazioni antitrust. Le azioni di Morphosys hanno continuato a salire dopo la negoziazione su Tradegate. Il giorno precedente, il giornale aveva chiuso a 42,16 euro su XETRA.

Nel pomeriggio le azioni del gruppo di beni di consumo Beiersdorf con sede ad Amburgo sono balzate in cima all'indice DAX. Dopo anni di dividendi stabili, la società ha aumentato significativamente i pagamenti agli azionisti. Il gruppo ha annunciato oggi che per l'esercizio 2023 sarà proposto un dividendo di 1,00 euro per azione.

Ciò è una sorpresa, perché nonostante molte critiche, dal 2012 viene pagato un importo fisso di 0,70 euro, come si può vedere dalle informazioni sulla homepage di Beiersdorf. Anche Beiersdorf vuole riacquistare le proprie azioni. Il volume dovrebbe raggiungere i 500 milioni di euro. Lei ha aggiunto che il programma di riacquisto di azioni dovrebbe iniziare a maggio e essere completato entro la fine del 2024. Secondo le informazioni, le azioni proprie di proprietà di Beiersdorf verranno ritirate nella misura necessaria per attuare il programma di riacquisto di azioni. La famiglia Herz possiede la maggioranza delle azioni di Beiersdorf, con poco meno del 31% delle azioni in flottante.

La società energetica nazionalizzata Uniper ha accolto con favore l'approvazione da parte del governo federale dei principi fondamentali della sua strategia per le centrali elettriche. “Siamo molto sollevati che il governo federale abbia concordato un approccio comune alla strategia sulle centrali elettriche e allo stesso tempo sostenga l'introduzione del meccanismo di capacità in Germania a partire dal 2028”, ha affermato il CEO Michael Lewis. È urgentemente necessaria un’azione rapida perché il processo di approvazione e la costruzione effettiva delle centrali elettriche e degli impianti di stoccaggio richiederanno diversi anni.

READ  La disoccupazione è in aumento, ma le imprese della zona sono ancora alla ricerca di lavoratori

Anche la società energetica RWE ha confermato il proprio interesse nella costruzione di centrali elettriche a gas alimentate a idrogeno. “RWE prevede di partecipare alle gare d'appalto”, ha detto oggi DAX. Il portavoce ha spiegato che le gare d'appalto a breve termine per centrali elettriche per un totale di dieci gigawatt sono la via giusta. Ma ciò che conta sono i dettagli e che le offerte vengano invitate il più rapidamente possibile. Secondo le informazioni precedenti, entro il 2030 RWE intende costruire in Germania almeno tre gigawatt di capacità, principalmente su siti di centrali elettriche a carbone.

Lufthansa e i suoi clienti dovranno affrontare la prossima ondata di scioperi, con molti voli cancellati e ritardati. A seguito di uno sciopero dei piloti presso la filiale Discover della compagnia, il sindacato ver.di ha invitato il personale di terra di diverse società Lufthansa, comprese le società tecnologiche, a intraprendere uno sciopero di avvertimento di un'intera giornata mercoledì (7 febbraio).

MDAX ha sviluppato oggi un piano di volo alternativo e prevede che saranno interessati più di 100.000 passeggeri. Quindi, dal 10 al 20 per cento dei voli originariamente previsti durante lo sciopero di avvertimento previsto dovranno essere effettuati da personale di terra. Un portavoce della compagnia ha detto che tra i 100 ei 200 voli possibili questo mercoledì saranno voli intercontinentali e continentali.

Supportato da una forte crescita e da misure di austerità, Delivery Hero ha raggiunto i propri obiettivi con i suoi numeri aziendali per il 2023. Secondo i calcoli preliminari, il valore totale delle merci scambiate sulla piattaforma è aumentato del 6,8% a 47,6 miliardi di euro. Il risultato operativo rettificato supera i 250 milioni di euro. Su questa base, per il 2024 l’azienda prevede una crescita del GMV dal 7 al 9% e un risultato operativo compreso tra 725 e 775 milioni di euro.

La grande banca italiana Unicredit vuole cedere quasi tutto il denaro ai suoi azionisti dopo aver registrato profitti sorprendentemente elevati. La società madre della Hypovereinsbank tedesca ha dichiarato che nei prossimi anni almeno il 90% dell'eccedenza rettificata andrà agli azionisti. L’anno scorso UniCredit ha guadagnato 8,6 miliardi di euro al netto di alcuni impatti fiscali, circa una volta e mezza quanto guadagnato l’anno precedente. Il presidente di Unicredit Andrea Orcel ha ora annunciato riacquisti di azioni proprie per un valore di 5,6 miliardi di euro e il pagamento di dividendi per 3 miliardi di euro.

Il produttore di aerei americano Boeing, in crisi, ha annunciato il rinvio della consegna di 50 aerei passeggeri 737 MAX. La società ha citato ulteriori lavori sull'aereo come motivo dopo che il fornitore Spirit Aero Systems ha scoperto fori praticati in modo improprio in alcune fusoliere. Lo ha confermato Boeing dopo una richiesta dell'agenzia di stampa Reuters.