Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Percezione: come vivono gli animali nel mondo

La Terra è piena di odori, vibrazioni, sapori e campi elettrici e magnetici diversi, ma “ogni essere vivente percepisce solo una piccolissima parte di un mondo molto grande”, afferma il giornalista scientifico Young, scrivendo per The Atlantic. Quindi tutti gli animali vivevano nella loro bolla sensoriale unica.

La scienziata Cliodhna Quigley del Dipartimento di Biologia Comportamentale e Cognitiva dell’Università di Vienna spiega anche come il concetto di animali possa essere diverso, anche all’interno delle specie animali. Nell’ambito del progetto di ricerca “Comparative Aesthetics” sostenuto dal Fondo di Vienna per la scienza, la ricerca e la tecnologia (WWTF), un gruppo di ricerca guidato da Quigley sta studiando il concetto di bellezza negli animali utilizzando i piccioni ridenti. Nel video, Quigley ha detto a ORF.at: “Non si può presumere che ogni femmina troverà attraente lo stesso maschio”.

Serie di foto con 5 foto

Per le vesciche sensoriali degli animali, il giornalista scientifico usa il termine “ambiente” che è stato coniato dallo zoologo estone Jakob von Uexküll nel 1909. Uexkull non significa solo l’ambiente dell’animale, ma in particolare quella parte dell’ambiente che l’animale vive e percepisce. Oxkull considerava gli animali esseri senzienti – e la sua idea di “bolle sensoriali” animali è rimasta inattiva per quasi un secolo prima che gli scienziati moderni li raccogliessero, secondo il Washington Post.

Sapore di pesce gatto con il corpo

Negli ultimi decenni, la ricerca si è moltiplicata sul modo in cui gli animali vedono il mondo. Young riassume le ultime scoperte scientifiche nella biologia sensoriale e avanza significato per significato: il libro inizia con l’olfatto e il gusto e termina con i campi magnetici ed elettrici.

Editore Antje Kunstmann

Ed Young: “I fantastici sensi degli animali: esplorazioni di un mondo incommensurabile”. Kunstmann, 528 pagine, € 36,00

Spiega come funzionano i sensi – a volte le spiegazioni vanno oltre la biochimica – e permette al lettore di immaginare come potrebbe sentirsi essere un altro animale. E mette in evidenza cose sorprendenti: anche prima che gli embrioni di raganella si schiudano dalle loro uova, possono distinguere tra vibrazioni innocue e pericolose. Una volta che sentono le basse frequenze dei serpenti che attaccano, gli embrioni di rana rilasciano enzimi nei loro volti che rompono le uova e i girini possono scappare.

Il giornalista scientifico descrive il pesce gatto come “lingue che nuotano” perché i loro corpi sono ricoperti di papille gustative dalla bocca alla coda: hanno il più grande senso del gusto in natura. D’altra parte, i coccodrilli possono vedere le migliori vibrazioni sulla superficie dell’acqua con rigonfiamenti molto sensibili sulla bocca, seguendo così la loro preda.

I sensi sono misteriosi

Si scopre più e più volte che gli scienziati stanno appena iniziando a capire i sensi degli animali, ad esempio quando si tratta di stimare i colori visti da un altro animale. Ad esempio, la visione della canocchia: mentre da quattro a sette diversi recettori di colore nell’occhio sono sufficienti per catturare l’intero spettro (da due a quattro sono comuni nel regno animale), alcune specie di canocchie contengono dodici classi di fotorecettori, Come spiega un gruppo di ricerca internazionale guidato dal biologo Justin Marshall, capo del Sensory Neurobiology Group Research Laboratory presso l’Università del Queensland (Australia). Lo scienziato sospetta che i gamberi mantide non distinguano le sfumature, ma i loro occhi fanno esattamente l’opposto, cioè combinano diverse forme in soli dodici colori.

balene scintillanti

Per capire l’ecologia di un animale, scrive Young, bisogna prima capire “per cosa usa i suoi sensi”. Il calamaro gigante, ad esempio, ha gli occhi più grandi e sensibili del regno animale (il loro diametro varia da 25 a 30 cm) e vive in uno degli habitat più bui della Terra: il mare profondo. Young si chiede perché hanno gli occhi grandi.

Sono le nuvole luminose che circondano i capodogli che il calamaro gigante può vedere con i propri occhi, anche da 130 metri di distanza. Ad esempio, mentre le balene dentate seguono la loro preda usando il sonar e le balenottere azzurre sopravvivono grazie ai microrganismi, la capacità di vedere le “balenottere luminose” al buio è essenziale per la sopravvivenza del calamaro gigante.

Comprendi “gli animali come animali”.

Alla fine del suo libro, Young sottolinea le conseguenze dell’impatto dell’uomo sul pianeta Terra sugli animali. Ad esempio, quando circa sette milioni di uccelli muoiono ogni anno negli Stati Uniti e in Canada a causa delle collisioni con le torri di trasmissione, le loro luci rosse lampeggianti disturbano la loro direzione durante la notte. “Abbiamo reso più difficile che mai avere altri animali”, scrive il giornalista. Con i “sorprendenti sensi degli animali”, Young è riuscito a creare un resoconto scientifico che voleva capire “gli animali come animali”, come inizialmente affermato dal giornalista. Un libro che non parla di “eccellenza, ma di diversità”, secondo Young.

READ  Eclissi lunare totale il 16 maggio 2022: uno spettacolo raro nel cielo