Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

C'è vita sull'esopianeta K2-18b?  Un telescopio spaziale dovrebbe portare chiarezza

C'è vita sull'esopianeta K2-18b? Un telescopio spaziale dovrebbe portare chiarezza

  1. Home page
  2. Lo sappiamo

Insiste

Esistono prove che la vita potrebbe esistere sull’esopianeta K2-18b. Ma non è ancora chiaro, ecco perché un telescopio spaziale dovrebbe aiutare adesso.

CAMBRIDGE – La ricerca ora conosce più di 5.000 esopianeti – pianeti al di fuori del nostro sistema solare. Ma pochi esopianeti ispirano la ricerca tanto quanto il sistema Trappist-1 e l’esopianeta K2-18b. Ora il telescopio spaziale James Webb dovrebbe rivelare un grande segreto sull’esopianeta K2-18b. Esiste davvero una molecola sulla sua superficie che può essere prodotta solo da forme di vita, almeno sulla Terra?

K2-18b o EPIC 201912552b
2015, Telescopio Spaziale Keplero
124 anni luce
Un pianeta extrasolare, il giovane Nettuno
K2-18 (stella nana rossa)
33 giorni
Circa 2,6 volte il diametro della Terra

Ma partiamo dall'inizio: K2-18b è un pianeta minore di Nettuno scoperto nel 2015 secondo i dati del telescopio spaziale Kepler. L’esopianeta si trova nella zona abitabile della sua stella – un punto particolarmente importante quando si tratta di potenziale vita su pianeti alieni: significa che il pianeta si trova proprio alla giusta distanza dalla sua stella in modo che possa esistere acqua liquida sulla superficie.

L'esopianeta K2-18b suscita interesse nella ricerca: c'è vita su di esso?

Questo fatto da solo suscita l’interesse della ricerca su un esopianeta, ma nel caso di K2-18b ci sono ulteriori prove che rendono il corpo celeste così interessante: nel 2019, un gruppo di ricerca ha scoperto tracce di vapore acqueo nell’atmosfera di K2-18b. Solo due anni dopo, un gruppo di ricerca guidato dal ricercatore di Cambridge Nico Madhusudan ha identificato l’esopianeta come una potenziale nuova classe di pianeti potenzialmente abitabili: i pianeti dell’Assia.

READ  Usa questi 6 consigli per ingannarli

Il termine “Assia” – una combinazione dei termini “idrogeno” e “oceani” – chiarisce come potrebbe essere il pianeta: con un’atmosfera ricca di idrogeno e coperto da oceani. Secondo la ricerca potrebbe esserci vita in questi oceani.

Il telescopio spaziale James Webb trova una possibile firma biologica su un pianeta extrasolare

Dopo l’accumulo di prove, anche il telescopio spaziale James Webb (JWST) è stato puntato verso l’esopianeta K2-18b. Un gruppo di ricerca guidato da Madhusudan ha analizzato i dati del telescopio spaziale James Webb e li ha pubblicati nel 2023. Tra le altre cose, sono stati trovati metano e anidride carbonica, entrambi i quali potrebbero indicare che si tratta in realtà di un pianeta dell'Assia. La dichiarazione della NASA sullo studio rileva anche “la possibile scoperta di una molecola chiamata dimetilsolfuro (DMS)”.

Rappresentazione artistica dell'esopianeta K2-18b. È possibile che ci sia vita sopra? © NASA, ESA, CSA, Joseph Olmstead (STScI)

Questa possibilità rende l’esopianeta K2-18b ancora più interessante da indagare. Perché: sulla Terra il DMS è prodotto solo da organismi viventi, in particolare dal fitoplancton. È una cosiddetta firma biologica, un potenziale segno di vita. Se il DMS potesse effettivamente essere rilevato in modo affidabile nell’atmosfera di K2-18b, potrebbe essere un pericoloso indicatore di forme di vita extraterrestre. “Le prossime osservazioni di Webb dovrebbero essere in grado di confermare se il DMS è effettivamente presente in quantità significative nell’atmosfera di K2-18 b”, spiegò all’epoca l’autore principale Madhusudan.

Il telescopio spaziale cerca chiaramente la firma biologica DMS sull'esopianeta K2-18b

E ora sembra che sia giunto il momento: come quello britannico volte menzionato, il telescopio James Webb dovrebbe rivolgere nuovamente il suo sguardo attento a K2-18b venerdì (26 aprile 2024), questa volta esplicitamente per cercare il DMS. Sono state dedicate otto ore alla ricerca della molecola e il gruppo di ricerca guidato da Nico Madhusudan avrebbe dovuto ricevere i dati per la valutazione circa un giorno o due dopo. Ci vorranno dai quattro ai sei mesi prima che i risultati della ricerca del team di Madhusudan vengano pubblicati.

READ  Con il verificarsi di oltre 2000: i Paesi Bassi allentano le misure di Corona

Il ricercatore ricorda il periodo precedente alla scoperta del DMS sull’esopianeta: “Ci aspettavamo che se ci fosse vita su questi mondi, allora il DMS dovrebbe essere visto. Ed ecco i primi segnali che sembrano corrispondere al DMS nell’atmosfera del K2 -18b “Lo scienziato ha detto: “Mi ha colpito duramente.” È consapevole delle implicazioni se il DMS fosse effettivamente confermato sull'esopianeta K2-18b Ci sono state voci secondo cui il telescopio spaziale James Webb ha trovato la vita nello spazio circolante da qualche tempo.

La scoperta del DMS “rivoluzionerà la storia della scienza

“Confermare l’esistenza della vita, tramite DMS o meno, su qualsiasi pianeta extrasolare rivoluzionerebbe la storia della scienza”, ha detto Madhusudan. Dopotutto, basta “un esempio” di vita extraterrestre per dimostrare che l’universo pullula di vita. Tuttavia, il ricercatore non sembra avere fretta di confermarlo. Dopotutto, l’umanità ha aspettato “qualche migliaio di anni” per trovare la vita extraterrestre. Quindi non dovresti trarre “conclusioni affrettate” su K2-18b.

Mentre Madhusudan e il suo team esaminano i dati del James Webb Telescope, altri gruppi di ricerca probabilmente continueranno a preoccuparsi della possibilità del DMS. La domanda più importante: esiste la possibilità che la DMS possa essersi manifestata senza l’intervento della vita? Tuttavia, Madhusudan è certo: “Se rileviamo DMS su K2-18b, sarà in cima alla lista dei possibili segni di abitabilità”. (fattura non pagata)