Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Misure Corona sul posto di lavoro: le aziende chiedono maggiori opportunità e sicurezza legale

Misure Corona sul posto di lavoro: le aziende chiedono maggiori opportunità e sicurezza legale

Cartello nell’area di ingresso che indica le basi della corona (Imago / Sachelle Babbar)

Le aziende in Germania si chiedono sempre più se la politica protegga adeguatamente loro e i loro dipendenti dal coronavirus in autunno e in inverno. Il capo dell’industria Siegfried Rosrum ha avvertito la DPA che i politici hanno minacciato di abbandonare misure efficaci e coerenti a livello centrale. Un’opzione potrebbe essere la regola aziendale di terza generazione, che i governi federale e statale dovranno creare una base che le aziende possano implementare nelle prossime settimane. In futuro potranno recarsi sul posto di lavoro solo chi è guarito, vaccinato o sottoposto a test.

Corona virus

Panoramica del tema del coronavirus (imago / Rob Engelaar / Hollandse Hoogte)

Il politico in buona salute dell’FDP Andrew Ullman ha reagito con scetticismo a questa richiesta. “Penso che sia molto meglio se dici che i medici dell’azienda assicurano che i dipendenti siano vaccinati di conseguenza. E le persone che non possono essere vaccinate per motivi medici, perché ovviamente dobbiamo tenere conto anche dei controlli regolari in modo che sono anche protetti dalle infezioni. La domanda è, ovviamente, cosa porta il test alla fine della giornata? Non direi che la terza generazione è sempre obbligatoria sul posto di lavoro in un caso o nell’altro, come in Deutschlandfunk , penso che abbia molto senso”, ha detto un membro dell’FDP del Bundestag al Deutschlandfunk.

Vale la pena considerare le limitazioni in campo medico

Andreas Jassin, presidente dell’Associazione nazionale dei medici legali dell’assicurazione sanitaria, ha sottolineato che mentre era scettico sulle vaccinazioni obbligatorie, le restrizioni sul personale medico meritavano considerazione. “Tuttavia, è un problema in queste aree se i nostri tassi di vaccinazione sono probabilmente solo del 60, 70 percento. Devi davvero porti la domanda. Devi discutere anche di questo. Almeno questo è quello che suggerirei. Il personale infermieristico, a meno che non sia vaccinato, non può effettivamente contattare il paziente”.

READ  7 consigli per migliorare la sicurezza informatica nelle aziende

Una potenziale alleanza semaforica sta ancora cercando risposte a queste domande. In altri paesi è già stata presa una decisione. Dopo la Francia e l’Italia, anche i dipendenti in Austria devono dimostrare di essere stati vaccinati, guariti o testati. Allo stesso tempo, alcune aziende tedesche sembrano prendere le proprie misure. Come riportato da diversi media, Bayer, Eon e Alltours stanno valutando l’introduzione della regolamentazione 2G nelle mense. Cioè, i lavoratori che si sono ripresi e sono stati vaccinati mangeranno separatamente da quelli che non sono stati vaccinati. Chi non ha la vaccinazione deve attenersi alle norme igieniche, ovvero mascherina e distanze. I muri divisori separeranno gruppi di persone. Una procedura che richiede, però, la collaborazione dei dipendenti. Le aziende devono fare affidamento sul fatto che i dipendenti stessi rivelino il loro stato di vaccinazione.

È necessario un maggiore controllo sullo stato di vaccinazione

Di norma, le aziende non hanno il diritto di informarsi su questo. Ma c’è un’eccezione attuale, che è l’indennità di malattia. “La maggior parte delle aziende non ha il diritto di porre domande, ma BMG ha chiarito che in relazione a una richiesta di rimborso, ai sensi dell’Infection Protection Act 56, il datore di lavoro ha il diritto di porre domande. Ciò significa che, in questo contesto, il datore di lavoro può e deve chiedere informazioni sulla vaccinazione “, ha detto. Caroline Vesper dalle associazioni di imprese di Berlino-Brandeburgo all’Ufficio regionale per la Russia e il Pacifico.

Ad esempio, gli appaltatori Corona continueranno a ricevere salari. Ma da ieri chi non è stato vaccinato a causa di un viaggio o per contatto con il Corona viene lasciato in quarantena a mani vuote, purché sia ​​anche in grado di farsi vaccinare o consigliare la vaccinazione. L’Associazione federale delle piccole e medie imprese chiede che vengano intraprese ulteriori azioni affinché le aziende possano informarsi sullo stato di vaccinazione dei propri dipendenti. Il direttore generale federale Markus Jäger ha confermato che la norma 3G è già diventata una realtà in molte aziende. La richiesta regolamentata di indagini da parte dei datori di lavoro creerebbe certezza giuridica.

READ  Il CEO di Tesla Elon Musk presenta la sua famiglia allargata Berlino - BZ Berlin