Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Dio ha avuto un incidente mortale: indaga la Procura

Dio ha avuto un incidente mortale: indaga la Procura

  1. tz
  2. il mondo

Premere

Due esperti subacquei sono morti nei fondali della Sardegna. Volevano aprire la strada a un naufragio della Seconda Guerra Mondiale.

Aggiornato all’8 maggio, 12:40: Sono ripresi i lavori di recupero del corpo di Stefano, 56 anni, trovato morto a 106 metri di profondità, dopo che il suo compagno di immersione Mario B. (60) rapporti. fanpage.it. Martedì il robot subacqueo che aveva già recuperato il corpo di Mario B. è stato calato di nuovo in acqua. Sull’omicidio indaga il pubblico ministero Rita Carriello Tutto è iniziato quando gli amici piangevano due morti sui social network.

Martedì è stato chiuso Giovanni Stella, comandante della guardia costiera di Cagliari Unionesarda.it “Uno potrebbe aver avuto un problema di salute e l’altro potrebbe aver cercato di aiutarlo.” I risultati dell’autopsia e l’analisi dei computer da polso indossati dai subacquei dovrebbero far piena luce su quanto accaduto nelle acque antistanti Villasimius. Verrà inoltre ispezionata l’attrezzatura subacquea. Un errore di manutenzione o regolazione può essere fatale.

Un dramma subacqueo durato un’ora in Italia: i due si sono schiantati a 100 metri di profondità

Aggiornato al 7 maggio, 14:40: La morte dei due sub era una triste certezza, i loro cadaveri facevano rumore Unionesarda.it È stato scoperto una ventina di metri sotto le rovine, ad una profondità di 106 metri. Sono stati trovati dai robot subacquei dei vigili del fuoco dotati di telecamere. L’operazione di salvataggio è iniziata intorno alle 13.

Il gommone porta prima il defunto alla Guardia Costiera. © Vigilio del Fuoco

La prima salma è stata caricata su un’imbarcazione e trasportata via nave al porto di Villasimius, da dove è stata trasferita all’Istituto di Medicina Legale del Policlinico Monserato di Cagliari. Lì verrà effettuata l’autopsia. Il patologo forense professor Roberto Demontis effettuerà l’autopsia. È un subacqueo esperto. In passato è stato il presidente del sottoclub di Chinnai. Le autorità ora ritengono che la causa dell’incidente sia stata la cattiva salute. Il salvataggio della seconda persona deceduta è stato annullato a causa del maltempo.

READ  உண்மையான Cucina vera come in Italia - live streaming e cucina da Belbase

Primo rapporto 7 maggio 2024, 14:00: Villasimius – Per la maggior parte dei vacanzieri, le spiagge della Sardegna sono principalmente una destinazione per le vacanze al mare. In nessun altro posto del Mediterraneo è così bello Spiagge blu e pulite Come la seconda isola più grande dopo la Sicilia d’Italia. Ma anche gli escursionisti ne trarranno vantaggio, così come i subacquei. Oltre alla fauna selvatica, dozzine di relitti ti invitano a esplorare l’avventura sottomarina. Ma ora potrebbe diventare una trappola mortale per i due subacquei.

Otto uomini morirono tra le rovine di San Marco nel 1941

A sud dell’isola si trova il relitto della nave mercantile italiana San Marco, silurata da un sottomarino britannico nel 1941 e affondata ad una profondità di oltre 100 metri. L’imbarcazione, lunga 103,7 metri, carica di carbone e senza equipaggio, affondò in rotta verso Cagliari in Sardegna dal porto di Civitavecchia vicino a Roma. Fu silurato dal sottomarino HMS Clyde e affondò entro un minuto, cinque miglia a est di Capo Carbonara (Sardegna). Otto uomini furono uccisi; i sopravvissuti, tra cui sette feriti, furono salvati dal piroscafo Langano di passaggio e dalla nave pilota Gloria. Un video di YouTube documenta l’immersione sulla nave.

Il relitto ben conservato si trova sulla sinistra e si ritiene sia il più profondo tra i relitti di sommergibili conosciuti nel sud della Sardegna. È popolato da coralli molli e coralli neri, e nello scenario c’è un cannone nella parte posteriore e grandi quantità di carbone ancora nella stiva. Tuttavia, tali immersioni sono riservate solo a subacquei altamente esperti e ben equipaggiati.

Domenica (5 maggio) altri due uomini esperti si sono tuffati per esplorare il relitto. Volevano segnare i percorsi e allestire boe per i subacquei in visita. L’immersione dovrebbe essere rumorosa Corriere della Sera Ci è voluta un’ora, ma i loro compagni sulla barca per i tuffi, Mario B. di Cagliari. (55) e Stefano B. dell’Umbria di terraferma. (56) Aspettarono invano il suo ritorno.

READ  Quasi 100 milioni di litri: l'Italia esporta più Prosecco che mai

I due sub italiani erano professionisti e conoscevano bene le acque

Secondo il rapporto i due conoscevano il mare intorno a Villasimius e lavoravano per conto dell’organizzazione subacquea. Stefano B. Si è trasferito in Sardegna 20 anni fa ed è specializzato nell’esplorazione dei fondali marini e nello studio dei relitti. Domenica il tempo era bello e da diversi giorni era prevista un’ispezione del relitto.

Il relitto fu scoperto 25 anni fa dall’appassionato di immersioni Massimo Domenico Bandone, che scoprì il sottomarino britannico B311 al largo delle coste della Sardegna. Affondò al largo dell’isola di Davolara con 71 marinai a bordo dopo aver colpito una raffica di mine poste a protezione della base navale sarda a La Maddalena.

Motovedette, elicotteri e robot subacquei sono alla ricerca delle persone scomparse in Sardegna.

L’equipaggio della barca appoggio ha aspettato invano che i due sommozzatori fossero in superficie e ha lanciato l’allarme quando nessuno dei due è riemerso. Per tutto il pomeriggio di domenica una motovedetta e un elicottero hanno cercato i due sommozzatori tra la costa di Villasimius e gli isolotti di Serpentara e Cavoli.

La Guardia costiera e i vigili del fuoco stanno utilizzando imbarcazioni per cercare gli annegati nella zona.
La Guardia costiera e i vigili del fuoco stanno utilizzando imbarcazioni per cercare gli annegati nella zona. ©Vigilio del Fuoco

Le ricerche sono proseguite fino a sera, con la Guardia Costiera e i vigili del fuoco che hanno illuminato diverse zone del mare al calare della notte. Le operazioni di ricerca sono riprese nelle prime ore di lunedì (6 maggio). Successivamente, due robot sottomarini furono utilizzati per l’esplorazione a maggiori profondità. La Marina Militare e i Vigili del Fuoco hanno pianificato di valutare le condizioni lunedì e di allestire una squadra di sommozzatori per compiere un ultimo sforzo per ritrovare le persone scomparse, con gli aerei a disposizione per alcune ore.

Tuttavia, l’inizio di una tempesta di scirocco ha agitato i mari. Fino a sera non ci sono stati nuovi risultati nella ricerca. Su Facebook Gli amici dei due pregano per un altro miracolo e si salvano. “Spero che vengano ritrovati”, ha scritto una donna. Un altro scrive. “Speriamo che vivano. Una preghiera per entrambi”, scrive un altro.

L’anno scorso c’era un sub in Sardegna Scoperto un tesoro di monete Era sdraiato lì. Nel mese di ottobre un turista svizzero ne ha lasciato uno nel nord dell’isola Aragosta per vivere in libertà Il mare l’ha comprato in un ristorante per 200 euro.