Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

‘Top Secret’: l’FBI ha confiscato documenti top-secret a casa di Trump

all’estero “estremamente confidenziale”

L’FBI sequestra documenti top secret nella residenza di Trump

L’FBI sequestra documenti Top Secret di Trump

L’FBI ha sequestrato documenti top secret durante un raid nella residenza dell’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump. Secondo una ricerca del Washington Post, anche la polizia federale degli Stati Uniti stava cercando documenti sulle armi nucleari.

Il Federal Bureau of Investigation (FBI) ha confiscato documenti etichettati come “Top Secret” nella tenuta di Mar-a-Lago di Donald Trump. Gli inquirenti hanno anche scattato degli album fotografici. Ha aggiunto che la sorprendente ricerca dell’ex presidente rientra nell’ambito dell’Espionage Act degli Stati Uniti.

DottLa polizia federale degli Stati Uniti, il Federal Bureau of Investigation, ha sequestrato un gran numero di documenti classificati come “top secret” durante una perquisizione della proprietà dell’ex presidente Donald Trump. Questo secondo i documenti rilasciati venerdì da un giudice federale, che ha declassificato il mandato di perquisizione.

Lo stesso Trump aveva precedentemente scritto sul social network Truth Social, di cui è co-fondatore, che tutti i documenti sono stati rilasciati, il che significa che la segretezza è stata revocata.

Nel mandato di perquisizione, l’irruzione nella residenza di Trump a Mar-a-Lago, in Florida, era giustificata, tra l’altro, dal possesso di delicati documenti difensivi. Nello specifico, sono elencati tre reati: raccolta, trasmissione o smarrimento di informazioni difensive, rimozione o distruzione di documenti ufficiali e danneggiamento o alterazione di documenti per ostacolare le indagini.

La prima accusa – che rientra nell’US Spionage Act – prevede una pena detentiva fino a 10 anni, la seconda fino a tre anni e la terza fino a 20 anni.

Sequestrati anche gli album fotografici

È stato inoltre pubblicato l’elenco dei documenti sequestrati. Secondo l’elenco dell’FBI, lunedì scorso gli agenti hanno trovato una serie di documenti Top Secret/SCI nella tenuta di Trump a Mar-a-Lago, che sono top secret e possono essere visualizzati solo in speciali strutture governative. Quattro serie di documenti confiscati sono classificati come “top secret”, altri tre come “segreti” e i restanti tre come “segreti”.

Leggi anche

Secondo l’elenco, gli agenti hanno anche sequestrato diverse scatole, la grazia per il confidente di Trump Roger Stone, informazioni non specificate sul “Presidente della Francia” e due album fotografici. I giornali pubblicati ora non dicono nulla sul contenuto dei documenti.

Lunedì la polizia federale degli Stati Uniti (FBI) ha perquisito la tenuta di Trump a Mar-a-Lago in Florida. Il Washington Post ha riferito che gli agenti stavano anche cercando documenti riservati sulle armi nucleari. Trump ha negato questo e ha definito il rapporto di venerdì una “bufala”.

Il procuratore generale Garland ha chiesto il rilascio del mandato di perquisizione

Il procuratore generale Merrick Garland ha chiesto il rilascio del mandato di perquisizione, ma gli avvocati di Trump non si sono opposti, secondo il Dipartimento di Giustizia.

Degno di nota è il fatto che il ministero abbia chiesto il rilascio del mandato di perquisizione, in quanto tali documenti restano di fatto chiusi durante le indagini in corso.

Leggi anche

L'ex presidente Donald Trump: dopo il raid, il suo sostegno al partito è aumentato

Ma il ministero sembra essersi reso conto che il suo silenzio dopo il raid ha dato all’ex presidente e ai suoi sostenitori spazio per violenti attacchi. Sono state avanzate richieste pubbliche di fornire dettagli sul background del lavoro dell’FBI. L’interesse pubblico parla chiaramente del rilascio e il ministero della Giustizia ha finalmente giustificato la sua richiesta.

Trump in precedenza aveva affermato che non si sarebbe opposto al rilascio del mandato di perquisizione. Ma allo stesso tempo, ha ripetuto l’accusa di essere stato vittima di “armamenti politici senza precedenti delle forze dell’ordine” da parte di “democratici di sinistra radicale”.

Il raid ha suscitato indignazione e rabbia tra la destra, alimentando i timori di violenza. Il direttore dell’FBI Christopher Wray ha deplorato le minacce alla polizia federale di mercoledì, definendole “riprensibili e pericolose”.

Il discutibile riferimento a Barack Obama

Nel frattempo, gli archivi nazionali degli Stati Uniti, responsabili della conservazione dei documenti presidenziali, hanno contraddetto l’affermazione di Trump secondo cui il suo predecessore Barack Obama conservava documenti segreti dopo la sua partenza.

Venerdì, l’organizzazione governativa ha affermato che, in conformità con i requisiti legali, dopo che Obama ha lasciato l’incarico nel 2017, gli archivi nazionali “hanno assunto la custodia legale e fisica esclusiva dei documenti presidenziali di Obama”. Nell’area di Chicago sono conservate circa 30 milioni di pagine di documenti non classificati. Le informazioni riservate saranno conservate a Washington.

Leggi anche

Una partecipante alla Conservative Convention di Dallas con il suo idolo di cartone sullo sfondo

Trump ha scritto venerdì su Truth Social che se le autorità glielo avessero chiesto, avrebbe fornito loro tutti i documenti. “Il problema più grande è cosa faranno con i 33 milioni di pagine di documenti, molti dei quali classificati, che il presidente Obama ha portato con sé a Chicago?”, ha scritto nella stessa lettera. Trump aveva precedentemente fatto la stessa affermazione senza fornire alcuna prova a sostegno.

Puoi ascoltare il podcast WELT qui

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché tale consenso è richiesto dai fornitori di contenuti incorporati in quanto fornitori di terze parti [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Portando l’interruttore su ON si acconsente a questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali ad altri paesi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con l’articolo 49(1)(a) del GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite il toggle e tramite Privacy in fondo alla pagina.

“Kick-off Politics” è il podcast di notizie quotidiane di WELT. L’argomento più caldo analizzato dai redattori di WELT e le date di oggi. Iscriviti al podcast su spotifyE il Podcast di AppleE il musica amazzonica O direttamente tramite feed RSS.

READ  Justin Trudeau: vittoria alle elezioni generali in Canada - Politica all'estero