Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Limite di velocità in Italia: Roma vuole controllare il limite di velocità di Bologna

Limite di velocità in Italia: Roma vuole controllare il limite di velocità di Bologna

Al: 27 gennaio 2024 16:48

A Bologna dall'inizio dell'anno su molte strade vige il limite di velocità di 30 chilometri orari. Il governo populista di destra di Roma è contrario e vuole calmare il traffico con un decreto.

L'infermiera Laura si sposta ogni giorno in macchina nella sua città natale, Bologna. Inizialmente era contrario alle nuove regole, dice il 56enne. Ma la bolognese adesso pensa: “Se le statistiche dicono che a 30 km/h gli incidenti sono pochissimi, noi automobilisti dobbiamo accettarlo”. “Non è facile 'abituarsi a guidare lentamente', ma se lo fai giorno per giorno, non è poi un grosso dramma,” dice.

L'autista abituale Laura ha fatto pace con le nuove regole a Bologna. All'inizio dell'anno la metropoli fieristica è stata la prima grande città in Italia a introdurre il limite di velocità di 30 km/h quasi ovunque, lontano dalle strade principali: una mossa pioneristica che ha suscitato scalpore a livello nazionale. Il governo di Roma vuole in gran parte sostituire il modello Bologna.

Ministro dei trasporti Salvini era furioso

Il ministro dei Trasporti Matteo Salvini sostiene che è importante che le persone possano andare rapidamente al lavoro: “Penso che la tutela dell'ambiente debba andare di pari passo con il diritto delle persone a vivere e lavorare”. Il leader della Lega di destra non vuole accettare che Bologna abbia ormai dichiarato il 70% della città zona a 30 km/h. Ha annunciato una direttiva e un decreto volti a limitare il diritto delle città e dei comuni italiani di introdurre zone di velocità di 30 km/h.

Secondo quanto riportato dalla stampa, la bozza del Ministero prevede di limitare il limite di velocità a 30 km/h nelle zone sensibili in Italia, come le strade con asili, scuole o ospedali. Salvini si fa beffe della decisione Pro-30 del Bologna in un video su Instagram: “Guidando lentamente i bolognesi adesso sentono il canto degli uccellini. Il canto degli uccellini! Forza, chi deve lavorare!”

READ  Cinque stelle in Italia risolvono le controversie sulla leadership

I tassisti lamentano “stress”.

Seduto nel Palazzo d'Accurzio intonacato di rosso, sede dell'amministrazione cittadina nel cuore di Bologna, Matteo Lebor sembra un po' stanco del confronto con Salvini e il governo di Roma. Il sindaco, che appartiene al Partito socialdemocratico, dice: “Penso che questo sia un dibattito molto politico”. Ora sono in corso colloqui con il ministero e si spera che si trovi “una soluzione comune”. “Vogliamo rendere le strade più sicure e dimostreremo che è possibile”, insiste Lepore.

Il sindaco afferma che l'introduzione del limite di velocità a 30 km/h in una città di circa 400.000 abitanti si è svolta più agevolmente di quanto si aspettasse. In una settimana sono state emesse solo 20 multe per eccesso di velocità.

Ma Bologna ha anche i suoi detrattori. Azioni simili accadono spesso, i tassisti, altri, si lamentano. Mentre aspetta la corsa dietro il municipio, Rubens, 60 anni, si lamenta: “Le corse durano più a lungo, il traffico è più congestionato”. In più: “Adesso devi controllare costantemente il tachimetro. È troppo stressante”.

Salvini vuole anche frenare gli autovelox

All'insegna del motto “Già che ci sei…” il Ministro Salvini ha annunciato che il suo decreto non solo limiterà le zone a 30 km/h in Italia, ma utilizzerà anche gli autovelox contro gli speeder. La convinzione di Salvini: “Ha senso mettere gli autovelox davanti a un ospedale o a una scuola dove ci sono molti incidenti. Mettere autovelox a caso per fare soldi, invece, no”. Quindi regolerà nuovamente anche l’uso degli autovelox.

Intanto il sindaco di Bologna Lebor tace. Il suo annuncio: Il progetto Tempo 30 non vacilla. “È più forte che mai”, afferma Lepore. E, crede: è un progetto “in futuro andranno avanti anche altre città italiane”.