Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

L’ex cancelliere lascia il consiglio di sorveglianza: Gerhard Schroeder si dimette da Rosneft

L’ex consigliere lascia il consiglio di sorveglianza
Gerhard Schroeder si dimette da Rosneft

Così è ora: l’ex cancelliere Schroeder, che è stato oggetto di pesanti critiche, lascia la compagnia petrolifera russa Rosneft. Era impossibile per lui prolungare il suo mandato nel Board of Oversight.

L’ex cancelliere Gerhard Schroeder vuole lasciare il consiglio della compagnia petrolifera russa Rosneft. Il gruppo ha affermato che Schroeder, capo del consiglio di sorveglianza di Rosneft, ha affermato che era impossibile per lui estendere il suo mandato nel consiglio. Non sono stati forniti dettagli o motivazioni. L’uomo d’affari tedesco Matthias Warnegg lascia il consiglio di sorveglianza con Schroeder.

Il 78enne Schroeder, amico di lunga data del presidente russo Vladimir Putin, è stato recentemente sottoposto a enormi pressioni di fronte alle richieste in Germania di non agire più come lobby del petrolio e del gas per la Russia a causa della guerra di aggressione russa. in Ucraina. Il politico dell’SPD ricopre anche posizioni dirigenziali sui progetti di gasdotti Nord Stream e Nord Stream 2, entrambi gasdotti che attraversano il Mar Baltico e collegano Russia e Germania. Schroeder è anche in corsa per una posizione nel consiglio di amministrazione della compagnia energetica statale russa Gazprom.

La messa in servizio in sospeso di Nord Stream 2 è stata ora sospesa dal governo federale. Warnig è il capo dell’operatore Nord Stream 2. Tra le altre cose, Schroeder ha suscitato scalpore quando, nel bel mezzo dell’escalation prima dell’attacco russo al paese vicino, ha criticato le richieste dell’Ucraina di consegnare le armi definendole “un tintinnio di spade .” Schroeder lascia la decisione presa giovedì nella commissione Bilancio del Bundestag Revisione legale per cancellare i privilegi del suo ex consigliere.

L’anno scorso, oltre 400.000 euro sono stati versati dalle casse statali per coprire le spese del personale nell’ufficio di Schroeder. Secondo la decisione, l’ex cancelliere ha ancora diritto alla pensione e alla protezione personale. All’inizio, lo stesso Schroeder non ha commentato la questione.

READ  Fila della pesca: la Gran Bretagna dà un ultimatum alla Francia