Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Sempre più paesi stanno segnalando casi di vaiolo delle scimmie – Salute

Per la prima volta è stato confermato anche un caso di vaiolo delle scimmie in Germania. Venerdì, il ministero della Salute bavarese ha annunciato l’infezione di un giovane brasiliano di 26 anni che aveva viaggiato dal Portogallo a Monaco attraverso la Spagna. È nella capitale bavarese da circa una settimana, dopo aver visitato Dusseldorf e Francoforte sul Meno. È il primo caso in assoluto di vaiolo delle scimmie in Germania; Secondo il Robert Koch Institute, il virus non è stato rilevato prima in questo paese.

Il paziente presenta solo sintomi lievi con lievi difficoltà di deglutizione e febbre alta e non necessita ancora di alcun farmaco speciale. Rimarrà in ospedale dove dovrebbe essere contagioso per tre o quattro settimane.

Secondo le autorità sanitarie, il virus di solito provoca solo sintomi lievi, ma può anche avere decorso grave. In singoli casi sono possibili malattie mortali. Il virus viene trasmesso principalmente per contatto diretto o contatto con materiali contaminati e può anche essere trasmesso tramite goccioline nell’aria su distanze più brevi, il che è probabilmente raro.

Il ministro federale della sanità Karl Lauterbach non fu sorpreso da questa prima scoperta: “Era solo questione di tempo prima che il vaiolo delle scimmie fosse scoperto in Germania”. Medici e pazienti in Germania sono sensibilizzati dalle segnalazioni di altri paesi. Ha detto che non presume che al momento ci sia un gran numero di casi non segnalati in Germania. “Sulla base delle informazioni disponibili finora, presumiamo che il virus non si trasmetta facilmente e che questo focolaio possa essere contenuto”, ha spiegato Lauterbach. Esistono due diversi tipi di agenti patogeni: al momento si può presumere che sia attualmente in circolazione la variante dell’Africa occidentale, che causa cicli meno gravi, e non la variante del Congo. Il virus sarà analizzato più in dettaglio per chiarezza.

READ  La Turchia rende difficile perseguire lo stupro: le attiviste per i diritti delle donne terrorizzate

Lo scienziato dell’infezione di beneficenza Leif Sander vede più di 100 casi in tutto il mondo sospetti o già confermati, ed è un caso straordinariamente dinamico. “Con il lungo periodo di incubazione, mi aspetto un altro aumento significativo dei casi”, ha scritto su Twitter. Va notato che il vaiolo delle scimmie non è così contagioso che ci si può aspettare che si diffonda su una vasta area come Corona. “È molto pericoloso, ma siamo pronti”.

ha affermato Fabian Linderts, direttore fondatore dell’Helmholtz Institute for One Health (HIOH) a Greifswald e capo del gruppo di progetto, Highly Pathogenic Epidemiology presso il Robert Koch Institute (RKI). I casi possono essere ben circoscritti dal tracciamento dei contatti e ci sono farmaci e vaccini efficaci che possono essere utilizzati. Secondo Leendertz, sono urgentemente necessari più dati per poter capire se i casi registrati sono correlati o meno. È anche importante decodificare il genoma del materiale virale da campioni di persone infette per verificare se l’agente patogeno è cambiato, ad esempio nella direzione di una migliore trasmissibilità.

I virus sono stati rilevati anche in Francia, Canada, Australia e Stati Uniti

L’infezione da Monkeypox viene ora rilevata in un numero sempre maggiore di paesi. Anche la Francia ha segnalato il suo primo caso venerdì e il virus è stato rilevato anche negli Stati Uniti, in Canada, in Australia e quindi in altre regioni del mondo. La misura in cui l’agente patogeno, originario dell’Africa, si sia effettivamente diffuso a livello internazionale non è chiaro. Con così tanti casi, si presume che il virus si sia diffuso inosservato per un po’, ha affermato il dottor Norbert Brückmeer, presidente della Società tedesca per le malattie sessualmente trasmissibili. STI sta per malattia sessualmente trasmissibile.

READ  Spagna: la persona più anziana del mondo è morta all'età di 113 anni

Secondo un resoconto dei media, in Spagna sono stati confermati 30 casi. Il giornale ha riferito che ci sono anche 23 casi sospetti L’Avanguardia Venerdì, citando il ministero della Salute. In Portogallo, secondo il quotidiano il pubblico 23 casi sono stati confermati. La persona contagiata in Australia era già tornata dal Regno Unito. Nel frattempo, il numero di casi registrati lì è aumentato da 9 a 20, ha annunciato venerdì il ministro della Salute britannico Sajid Javid. Lo stato ha acquistato il vaccino contro il vaiolo – all’inizio non era chiaro quanto e chi dovrebbe essere vaccinato con esso.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha chiesto un controllo rigoroso di tutti i contatti delle persone colpite. Le cliniche e i residenti dovrebbero essere informati dei sintomi. La maggior parte o addirittura tutti i casi fino ad oggi coinvolgono uomini e in molti casi si dice che abbiano avuto contatti sessuali con uomini. Secondo Brockmeyer, le persone che hanno rapporti sessuali con molte persone diverse hanno maggiori probabilità di sviluppare infezioni. Il quotidiano tedesco “Eidshelf” ha avvertito di false conclusioni e stigmatizzazione alla luce dei problemi affrontati dagli uomini gay. “Certo che all’epoca c’è una somiglianza superficiale tra vaiolo delle scimmie e HIV – un’altra malattia africana che colpisce gli uomini gay. Ma il confronto non si adatta in molti altri modi”, ha detto il portavoce dell’AIDS Holger Wiech.

A differenza dell’HIV, il virus che causa il vaiolo delle scimmie è noto da molto più tempo negli anni ’80 e ha anche curato la malattia da solo. “Per noi è molto importante che qui non sorgano paure di panico e paure irragionevoli”. Ci sono ancora incertezze quando si valuta la gravità della malattia – ad esempio su quanto bene il sistema immunitario sia compromesso – questo potrebbe includere, ad esempio, le persone con HIV che non sono state curate per molti anni – affrontando la malattia. La malattia è stata chiamata vaiolo delle scimmie dopo che l’agente patogeno è stato scoperto per la prima volta nelle scimmie in un laboratorio danese nel 1958. Gli esperti ritengono che il virus si diffonda effettivamente negli scoiattoli e nei roditori, mentre le scimmie e gli esseri umani sono considerati ospiti fasulli.

READ  Gli avvocati obiettano: Trump combatte la divulgazione delle tasse

Il primo paziente con vaiolo delle scimmie è stato descritto nel 1970 nella Repubblica Democratica del Congo. Fino ad oggi, la malattia è osservata principalmente in villaggi remoti nelle foreste pluviali tropicali dell’Africa occidentale e centrale. Il Congo è stato il più colpito, con oltre 1.000 pazienti registrati ogni anno. Al di fuori dell’Africa, il vaiolo delle scimmie è stato descritto solo in pochi paesi; Questi erano sempre casi importati.