Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

La Giordania ora “non vuole più restare in silenzio” nella guerra israeliana

La Giordania ora “non vuole più restare in silenzio” nella guerra israeliana

  1. Home page
  2. Politica

I paesi islamici si incontrano in Arabia Saudita per discutere della guerra in Israele. Il primo esige a gran voce. Ticker delle notizie.

Aggiornato all’11 novembre 2023 alle 15:05: Il presidente iraniano Ebrahim Raisi ha criticato duramente Israele, il suo acerrimo nemico, durante il vertice speciale dei paesi arabi e islamici sulla guerra di Gaza. “Siamo qui per prendere una decisione storica su una delle questioni più importanti nel mondo islamico e uno dei crimini più atroci contro l’umanità”, ha detto Raisi. Raisi ha affermato che gli attacchi contro Gaza devono essere fermati immediatamente e che deve essere aperto un corridoio di aiuti per consentire il trasferimento di cibo e medicine alla popolazione civile. Ha inoltre invitato i paesi islamici a interrompere le loro relazioni politiche ed economiche con Israele.

Aggiornato all’11 novembre 2023 alle 13:45: Al vertice straordinario dell’Organizzazione della Conferenza islamica tenutosi in Arabia Saudita sono state espresse critiche nei confronti di Israele per i combattimenti nella Striscia di Gaza. Secondo Haaretz, il re giordano Abdullah ha parlato di “una guerra terribile che deve finire immediatamente”. Il mondo arabo “non può più rimanere in silenzio su ciò che sta accadendo nella Striscia di Gaza”. Abdullah ha anche indirettamente messo in dubbio il diritto di esistere di Israele quando ha osservato che “questa ingiustizia va avanti da più di settant’anni”.

Oltre ad Abdullah, al vertice di Riad è intervenuto anche il presidente dell’Autorità palestinese Mahmoud Abbas. Ha chiesto la fine degli attacchi israeliani e la fornitura di aiuti umanitari agli abitanti della Striscia di Gaza.

Mohammed bin Salman (al centro), principe ereditario dell'Arabia Saudita, durante un vertice a Riad, dove si tiene un incontro speciale dei paesi arabi islamici sulla guerra con Israele.
Mohammed bin Salman (al centro), principe ereditario dell’Arabia Saudita, durante un vertice a Riad, dove si tiene un incontro speciale dei paesi arabi islamici sulla guerra con Israele. ©EPA

Birbock spera in un cessate il fuoco nella guerra in Israele

Aggiornato dall’11 novembre 2023 alle 11:00: Il ministro degli Esteri federale Annalena Baerbock (Verdi) ha confermato il sostegno della Germania ad un cessate il fuoco umanitario nella guerra tra Israele e il movimento islamista Hamas. Continua a criticare il cessate il fuoco. Venerdì sera ad Abu Dhabi, durante la sua visita negli Emirati Arabi Uniti, ha dichiarato di aver compreso la “motivazione” dietro la richiesta.

Il politico verde ha affermato che chiunque chieda un “cessate il fuoco generale” dovrebbe anche “dire cosa significa per il potere di Hamas e per il destino degli ostaggi”. Anche la sicurezza di Israele deve essere presa in considerazione. A Riad, in Arabia Saudita e negli Emirati Arabi Uniti la gente ne è sicura dpa– Informazioni concordate sulla necessità di un cessate il fuoco per ragioni umanitarie. C’erano anche timori comuni che i combattimenti si sarebbero estesi alla Cisgiordania.

Aggiornato all’11 novembre 2023 alle 8:20: L’Iran sarà rappresentato anche al vertice dell’Organizzazione della Conferenza islamica in Arabia Saudita. L’agenzia di stampa ufficiale ha affermato che il presidente Ibrahim Raisi si recherà personalmente a Riad per questo scopo Irna con. I rapporti tra Arabia Saudita e Iran sono caratterizzati da una forte concorrenza con origini regionali e religiose. Al vertice si discuterà soprattutto della situazione attuale della guerra israeliana e di possibili ulteriori passi.

L’Arabia Saudita chiede lo svolgimento di un vertice speciale sulla guerra a Israele

Primo rapporto del 10 novembre 2023: Riad – La diplomazia va bene anche tra Paesi arabi e islamici. I presidenti di Egitto e Qatar, Abdel Fattah al-Sisi e Tamim bin Hamad Al Thani, si sono incontrati venerdì per discutere sulle possibili modalità per raggiungere un cessate il fuoco nella guerra tra Israele e il Movimento di resistenza islamica palestinese (Hamas). La presidenza egiziana ha dichiarato dopo l’incontro che i due politici hanno discusso “del modo migliore” per “proteggere i civili innocenti nella Striscia di Gaza e fermare lo spargimento di sangue”.

L’incontro tra Sisi e Al Thani precede il vertice dell’Organizzazione per la cooperazione islamica sulla guerra di Gaza di domenica in Arabia Saudita, dove i leader religiosi mondiali e musulmani intendono spingere per la fine dei combattimenti. Sabato, su richiesta dei palestinesi e dell’Arabia Saudita, la Lega araba si riunirà nuovamente per discutere della guerra in Israele. L’organizzazione ha affermato in una dichiarazione iniziale che l’incontro a Riyadh si concentrerà “sull’aggressione israeliana contro Gaza”.

Birbock fa appello agli Stati arabi del Golfo a causa della guerra tra Israele e Hamas

Anche il ministro degli Esteri Annalena Baerbock (Partito dei Verdi) ha iniziato venerdì i suoi colloqui sulla guerra di Gaza in un incontro con il ministro degli Esteri degli Emirati Arabi Uniti Abdullah bin Zayed Al Nahyan. La conversazione nella capitale Abu Dhabi verterà probabilmente sugli ostaggi detenuti dal movimento islamista Hamas, sulla situazione umanitaria nella Striscia di Gaza e sui passi verso una possibile pace attraverso una soluzione a due Stati.

Prima della sua partenza, il ministro degli Esteri tedesco ha lanciato un appello ai Paesi arabi del Golfo affinché lavorino su un’iniziativa congiunta per una soluzione a due Stati. “Solo un ritorno alla promessa di vivere fianco a fianco – in due Stati – può portare una vita di pace, sicurezza e dignità sia agli israeliani che ai palestinesi”, ha affermato.

Berbock si reca in Israele

In serata Berbock voleva recarsi nella capitale saudita, Riyadh. Sabato vuole parlare lì con il primo ministro e ministro degli Esteri del Qatar Mohammed bin Abdul Rahman Al Thani e il ministro degli Esteri saudita Faisal bin Farhan Al Saud. Allora Berbock vuole recarsi in Israele. Lì sono previsti colloqui, tra gli altri, con il ministro degli Esteri Eli Cohen e il leader dell’opposizione Yair Lapid. E’ previsto anche un incontro con un rappresentante dell’Autorità Palestinese.

Come il Qatar, anche l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti sono mediatori influenti, ad esempio per quanto riguarda il rilascio degli ostaggi di Hamas, ma anche per una futura soluzione pacifica. Hamas ha preso 239 ostaggi nel suo attacco a Israele. Secondo le famiglie tra i rapiti ci sarebbero circa 20 persone che hanno anche passaporto tedesco. (Erby / Agenzia di stampa tedesca)

READ  Sconfitta per Erdogan e i nazionalisti alle elezioni turche