Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

“I Paesi Baltici furono catturati in sette giorni”

“I Paesi Baltici furono catturati in sette giorni”

  1. Home page
  2. Politica

Insiste

Pronto per la difesa: un soldato estone nel suo veicolo blindato durante l’addestramento. Gli stati baltici sono ora fortificati contro ogni possibile attacco da parte della Russia. Si è discusso anche dell’uso delle mine antiuomo. (Avatar) © IMAGO/Jaap Arriens

Un generale ucraino chiede attualmente coerenza: teme l’espansione aggressiva russa. Gli sforzi della NATO arrivano troppo tardi.

KIEV – “Dobbiamo aiutare l’Ucraina a difendersi dai carri armati russi e dall’artiglieria pesante”, ha detto il politico Vytautas Landsbergis, e l’Europa non deve arrendersi a Putin. Tempo in linea. Era il 2015 e la realtà ha dato ragione all’ex capo di stato lituano: all’epoca Vladimir Putin aveva appena annesso la Crimea in violazione del diritto internazionale. I Paesi Baltici temono ancora l’orientamento espansionista del dittatore russo. “Sentiamo che la guerra è vicina a noi”, ha citato il giornale. ZDF Gabrielus Landsbergis. Ora i timori del ministro degli Esteri lituano sono stati rafforzati dal maggiore generale ucraino Vadim Skibitsky, che si aspetta che Putin possa invadere i paesi baltici entro sette giorni.

Newsweek Riferisce un’intervista con Skibitsky EconomistaSecondo la rivista, il vice capo dell’intelligence militare ucraina ha chiesto all’Occidente di intraprendere un’azione decisiva contro la Russia: “I russi occuperanno la regione baltica in sette giorni”, ha detto ad alta voce. Newsweek. “Il periodo di risposta della NATO è di dieci giorni.” Skibitsky usa il 9 maggio come un’opportunità per mettere in guardia dalle ambizioni della Russia: il 9 maggio viene celebrato in Russia come il “Giorno della vittoria” dell’Unione Sovietica sulla Germania nazista, così come lo è il 9 maggio. Deutschlandfunk Vengono pubblicati, ma con la loro interpretazione storica: lo Stato costruisce storie eroiche piuttosto che ricordare la sofferenza, dicono Thelko Grace e Florian Kellermann. Secondo l’ufficiale dell’intelligence ucraina Skibitsky, nel prossimo futuro i combattimenti si trasformeranno in un attacco russo.

Il giorno fatidico: il 9 maggio potrebbe spingere la Russia a lanciare ulteriori attacchi

Ci si aspetta che la Russia porti avanti il ​​piano di “liberazione”, ha detto Economista Lui ha detto che tutte le regioni orientali di Donetsk e Lugansk verranno spinte avanti e che le sue ulteriori misure dipenderanno da questo. “La velocità e il successo dell’avanzata determineranno quando e dove i russi colpiranno il prossimo”, ha detto Skibitsky. Secondo le stime potrebbe essere il 9 maggio Deutschlandfunks In effetti, attiva le azioni della Russia: la Russia, secondo il suo stesso pensiero, è sulla difensiva; Anche il popolo russo ne verrà informato attraverso vari canali, dai manifesti ai social network: “Questa volta il nazismo ha messo radici a Kiev e riceve un aiuto attivo da Varsavia, Berlino e Washington, la Russia ora come allora. ” Dicono Gries e Kellerman. “Combatti come un campione del bene contro il male, il che è inevitabile per i russi.”

“Il lato baltico del confine diventerà probabilmente uno dei confini in tempo di pace più pesantemente fortificati al mondo”.

Secondo loro, la guerra in Ucraina, nel pensiero russo, è la continuazione della “Grande Guerra Patriottica”, come viene chiamata in Russia la Seconda Guerra Mondiale. I Paesi Baltici potrebbero effettivamente diventare il secondo capitolo dopo l’Ucraina. “L’era delle guerre di Putin è iniziata”, scrisse nel 2015 il quotidiano lituano Landsbergis. Tempo in linea. In ogni caso, gli Stati baltici si preparano a difendere la propria indipendenza. L’11 marzo 1990 la Lituania dichiarò la propria indipendenza dall’Unione Sovietica, seguita dall’Estonia e poi dalla Lettonia il 20 e 21 agosto 1991.

READ  Guerra in Ucraina: Hero Grandpa percorre 1.000 km per salvare la sua famiglia - Notizie all'estero

All’inizio della seconda guerra mondiale, Hitler e Stalin si spartirono l’Europa orientale attraverso un patto di non aggressione per affermare la loro influenza nei paesi coinvolti. Agenzia federale per l’educazione civica Scrive: L’Unione Sovietica occupò quindi la regione baltica, stabilì il proprio regime e dichiarò “l’adesione degli stati come Repubbliche socialiste sovietiche all’URSS, mentre gli stati baltici classificano tutto ciò come occupazione e annessione in violazione del diritto internazionale. ” Legge.”

Mesi fatidici: “Sapevano sempre che aprile e maggio sarebbero stati un periodo difficile per noi”

In ogni caso, il soldato ucraino Skibitsky vede un futuro roseo per il suo Paese, come ha affermato Economista Gli ho spiegato: “Il nostro problema è molto semplice: non abbiamo armi. “Hanno sempre saputo che aprile e maggio sarebbero stati tempi difficili per noi”, dice l’ufficiale dell’intelligence di fronte al suo capo, Volodymyr Zelenskyj, che ha interrotto i negoziati di pace con la Russia. Skibitsky si esprime contro questo Economista Per le trattative. Potrebbe diventare inevitabile ad un certo punto. D’altro canto, i paesi baltici sembrano intensificare il corso dello scontro.

È chiaro da metà gennaio che i tre Stati baltici, Estonia, Lettonia e Lituania, stanno lavorando per creare una linea di difesa comune – una serie di bunker lungo la linea di contatto tra i Paesi baltici e la Russia. Lukasz Milewski vede questa cintura difensiva come “una risposta del tutto logica alle particolari sfide geostrategiche” che gli Stati baltici devono affrontare nei confronti della Russia. Istituto di ricerca sulla politica estera Da Filadelfia. D’altra parte, il mondo esprime dubbi sul fatto che questo rafforzamento dei confini dei tre partner della NATO possa rafforzare la claustrofobia dei russi nei confronti della NATO e incoraggiarli ad impegnarsi in uno scontro strategico, tattico o operativo. O più semplicemente: Vladimir Putin potrebbe sentirsi più sfidato da questo.

READ  Rapimenti e torture: i critici di Kadyrov uccisi in Cecenia

Una comunità di destino: minoranze baltiche e russe

Dopotutto, i problemi alle frontiere sono la causa dei disturbi aerei tra gli Stati baltici e i loro vicini; La Russia reagisce con uguale fastidio all’alleanza del Baltico con la NATO così come alla situazione delle minoranze russe nella regione baltica, che alla fine infiamma ancora una volta la disputa sull’autonomia degli Stati baltici: è chiaro che entrambe le parti vedono equamente politica estera dell’altra parte. Poiché una minaccia alla loro rispettiva indipendenza è vera. IL Agenzia federale per l’educazione civica L’etnia russa costituisce il 25,6% della popolazione della Lettonia, il 24,9% in Estonia e il 4,8% in Lituania – un motivo potenzialmente interessante per Vladimir Putin per intraprendere un’azione simile nei Paesi Baltici come ha fatto con l’annessione della Crimea nel 2014.

“La speranza ultima è che la maggiore preparazione degli Stati baltici e la più ampia coalizione per combattere la Russia, che comprende la costruzione della linea di difesa baltica, siano sufficienti a convincere il Cremlino ad agire”, ha scritto Milevskij. Il mondo nell’Europa orientale è attualmente in un limbo.

Un anno inquietante: la costruzione dei primi bunker anti-russi è prevista per il 2025

La costruzione del primo dei 600 rifugi è prevista per il 2025, scrive la rivista Rompere la difesa; Inoltre, si stanno creando magazzini per immagazzinare i materiali necessari per le barriere anticarro. IL ZDF Parla di “Cortina di ferro 2.0”. Milewski dice il contrario ZDF: “Il lato baltico del confine diventerà probabilmente uno dei confini in tempo di pace più fortificati al mondo”. In generale, gli stati baltici si aspettano che le forze russe marcino sul loro territorio entro un massimo di cinque anni, o più probabilmente entro tre anni. Lo ha detto il primo ministro estone Kaja Kallas volte esprimere a. Ma allo stesso tempo, è dubbio che la Russia permetterà che queste misure vengano attuate senza reazioni.

READ  Guerra di Gaza | Israele attacca il centro di comando di Hamas presso la scuola

Finora la NATO aveva fatto affidamento sulla propria capacità di spostare rapidamente rinforzi negli Stati baltici in caso di difesa. Diventa sempre più chiaro che gli sforzi logistici sotto l’influenza nemica saranno difficili. D’altro canto, la guerra in Ucraina dimostra che il rafforzamento delle mura degli Stati baltici può effettivamente ritardare le forze d’attacco, scrive Justina Budgenite Fröhle Centro per l’analisi della politica europea A Washington, DC. Si parla delle forze baltiche e dei loro sforzi come delle “forze di caduta” della NATO, cioè delle forze contro le quali la Russia deve inciampare per prima. Come il portale di notizie della Lettonia lsm.lv Come riportato a metà gennaio, l’ex comandante supremo delle forze armate lettoni si è espresso alla radio a favore del ritiro del suo Paese dall’accordo di Ottawa.

Questione di destino: Putin sta semplicemente cronometrando tutto questo?

Raymonds Graub vuole essere libero di operare al di fuori dell’accordo per proteggere il proprio territorio con mine terrestri o antiuomo; E anche perché la stessa Russia si è allontanata dall’accordo. Graub lo ha dichiarato ad alta voce a gennaio lsm.lv“,”Che le mine possono ridurre la velocità di avanzata del nemico. “E nel caso della Lettonia, date le dimensioni del territorio e altre caratteristiche particolari, penso che sia un’arma molto importante”. Ma i bunker e le barriere anticarro previsti potrebbero essere sufficienti. Lukasz Milewski rimane scettico: in assenza dell’azione di Putin, nessuno può dire con certezza perché rimanga in silenzio. Forse ha rimandato, dice Milewski, o forse non è veramente interessato, o forse sta solo aspettando il momento giusto.