Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

La Camera dei Rappresentanti americana cerca un presidente: i repubblicani nominano Jim Jordan

La Camera dei Rappresentanti americana cerca un presidente: i repubblicani nominano Jim Jordan

  1. Home page
  2. Politica

Venerdì i repubblicani si sono accordati su un candidato a presidente del Parlamento. L’alleato di Trump Jim Jordan. Ticker delle notizie.

Aggiornamento dal 13 ottobre alle 22:20: Nel mezzo della caotica ricerca di un nuovo presidente della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti, i repubblicani hanno ora nominato l’estremista di destra Jim Jordan. I rappresentanti del Partito repubblicano hanno annunciato che un alleato dell’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha sconfitto il suo rivale, Austin Scott, in una votazione interna condotta dalla fazione repubblicana venerdì. Ma non è chiaro se la Giordania raggiungerà la maggioranza necessaria di 217 voti nella sessione plenaria della Camera dei Rappresentanti.

Il repubblicano Jim Jordan diventerà il nuovo presidente del Congresso. La Giordania è considerata un alleato di Donald Trump e un estremista di destra. ©Julia Nickinson/AFP

Aggiornato dal 13 ottobre, 7:31: Il crollo di Steve Scalise nel caos della Camera: i repubblicani lo avevano nominato presidente, ma gli mancava il sostegno tra i suoi ranghi per ottenere la maggioranza necessaria dei voti. “Ci sono ancora alcune persone là fuori che hanno la propria agenda”, ha detto Scalise, secondo uno di loro. dpaSegnala quando ha annunciato il suo ritiro dal giornalismo.

Caos permanente nel Parlamento americano: si dimette il repubblicano Scalise

Aggiornato dal 13 ottobre, 5:13: Il candidato conservatore alla carica di Presidente della Camera, il deputato Steve Scalise, ha ritirato la sua candidatura. Il giocatore 58enne lo ha annunciato giovedì sera (ora locale) a causa della mancanza di sostegno tra le sue fila. Ciò significa che la Camera dei Rappresentanti rimane paralizzata in tempi di grandi crisi internazionali.

La Camera dei Rappresentanti americana cerca un presidente: le elezioni vengono nuovamente rinviate

Aggiornamento del 12 ottobre, 18:45: Il voto sulla nuova presidenza della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti è stato rinviato a data da destinarsi. L’aula parlamentare si è riunita formalmente brevemente giovedì e la sessione è stata aggiornata. Non è stata fissata alcuna nuova data. La votazione era già stata rinviata mercoledì. Secondo i media, giovedì i repubblicani avrebbero voluto discutere a porte chiuse su come procedere.

READ  La morte di Prigozhin fu annunciata e furono deposti fiori davanti alla residenza di Wagner

I repubblicani erano divisi sulla nomina di Scalise

Aggiornamento del 12 ottobre, 10:20: Non è ancora del tutto chiaro quando si terrà finalmente la prima votazione alla Camera dei Rappresentanti. Secondo le informazioni ricevute da Washington Post Un gran numero di repubblicani si oppone ancora all’elezione di Steve Scalise come nuovo presidente della Camera dei rappresentanti. Ma poiché i repubblicani hanno solo una ristretta maggioranza alla Camera, non possono permettersi alcuna deviazione. Circa una dozzina di rappresentanti hanno espresso le loro preoccupazioni. Ma Scalise può consentire un massimo di quattro disertori.

Non è stata ancora fissata la data per lo svolgimento delle elezioni ufficiali per la Camera dei Rappresentanti. Ma il tempo sta per finire. Le due Camere del Congresso (Camera dei Rappresentanti e Senato) devono concordare un nuovo bilancio americano entro il 17 novembre. Se entro quella data non verrà raggiunto un accordo, gli Stati Uniti dovranno affrontare il prossimo shutdown.

I repubblicani nominano Steve Scalise per il ruolo di oratore

Aggiornamento dal 12 ottobre, 6:00: Riepilogo di stasera: i repubblicani hanno scelto un candidato per l’importante incarico di vertice del Congresso degli Stati Uniti, ma a Steve Scalise non è affatto garantito un voto a maggioranza. Mercoledì la fazione dissidente ha nominato il rappresentante conservatore, che in precedenza era il repubblicano n. 2 alla Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti.

In una votazione in linea di partito, Scalise ha ricevuto 113 voti su 99, sconfiggendo il deputato radicale Jim Jordan. Ma il voto cruciale sulla presidenza della Camera dei Rappresentanti americana è stato rinviato a tempo indeterminato, perché alcuni dissidenti si sono già espressi. Il tempo è essenziale, soprattutto quando si tratta di sostenere Israele e Ucraina.

Rinvio del voto sul presidente della Camera dei rappresentanti

Aggiornamento dell’11 ottobre, 21:30: Il voto sulla nuova presidenza della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti è stato rinviato a data da destinarsi. Mercoledì la Camera si è riunita formalmente brevemente e poi si è aggiornata. Non è stata fissata alcuna nuova data. Secondo i media, mercoledì difficilmente i parlamentari voteranno sulla carica più importante. Il repubblicano Steve Scalise era stato precedentemente nominato candidato in una votazione interna al partito a porte chiuse.

Dato che i repubblicani hanno solo una risicata maggioranza alla Camera, Scalise non può permettersi alcun dissidente tra le sue fila quando verrà eletto presidente. Non era chiaro quanti dei suoi colleghi di partito lo avrebbero effettivamente sostenuto e votato per lui. Scalise è l’ex repubblicano n. 2 alla Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti e, secondo quanto riferito, ha vinto il voto interno del partito con 113 voti contro 99.

Aggiornamento dell’11 ottobre, 20:30: Dopo essere stato nominato presidente della Camera dei rappresentanti americana all’interno del partito, il repubblicano Steve Scalise ha espresso chiaramente il suo sostegno a Israele. Se eletto, una risoluzione a sostegno del partner sarà in cima all’ordine del giorno, ha detto Scalise mercoledì pomeriggio, ora locale a Washington. Il parlamento deve ora tornare rapidamente al lavoro e accettare, ad esempio, di fornire maggiori aiuti militari a Israele dopo gli attacchi di Hamas. “Dobbiamo assicurarci di mandare il messaggio alla gente di tutto il mondo che la Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti è aperta e si occupa degli affari della gente”.

Caos alla Camera dei Rappresentanti: i repubblicani al momento sono d’accordo sui candidati

Aggiornamento dell’11 ottobre, 19:35: Secondo i media, come parte della ricerca di un candidato alla guida della Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti, i repubblicani hanno nominato il deputato Steve Scalise. Scalise è l’ex repubblicano alla Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti e, secondo i media statunitensi, ha vinto le elezioni interne del partito con 113 voti contro 99. Erano necessari 111 voti. La nomina non significa automaticamente che Scalise otterrà la maggioranza necessaria nelle elezioni ufficiali per la Camera dei Rappresentanti. I repubblicani hanno solo una maggioranza risicata alla Camera, quindi una manciata di dissenzienti è sufficiente per bloccare una nomina. La sua elezione alla carica principale richiede attualmente 217 voti nella Camera parlamentare.

Scalise, 58 anni, della Louisiana, guida il blocco repubblicano alla Camera. Attualmente sta ricevendo cure per la leucemia. Tuttavia, è la seconda persona, dopo il repubblicano radicale Jim Jordan, ad annunciare dopo l’impeachment di McCarthy che si sarebbe candidato alla corsa per la presidenza. Scalise fece notizia nel 2002 con un discorso tenuto a un gruppo di suprematisti bianchi, per il quale in seguito si scusò. Ha un chiaro profilo di oppositore dell’aborto. Tuttavia, alcuni sostenitori della linea dura del partito lo vedono ancora come parte integrante dell’establishment di Washington.

La crisi repubblicana continua

Aggiornamento dell’11 ottobre, 16:10: Anche se i repubblicani riuscissero a mettersi d’accordo su un candidato durante il voto interno di mercoledì sera, la crisi è lungi dall’essere finita. Perché i parlamentari non sono vincolati dalla loro decisione derivante da un voto di prova quando l’intera Camera dei Rappresentanti alla fine elegge il proprio Presidente.

I rappresentanti democratici, a loro volta, probabilmente rimarranno fuori dal processo. Lo ha confermato anche Hakeem Jeffries, capo della minoranza democratica alla Camera dei Rappresentanti. Ha semplicemente assicurato ai repubblicani che “è giunto il momento di porre fine alla guerra civile all’interno del partito”.

La Camera cerca un nuovo relatore: McCarthy non disponibile

Primo rapporto datato 11 ottobre 2023: WASHINGTON, D.C. – Kevin McCarthy non si ricandiderà quando la Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti eleggerà un nuovo presidente. Lo ha annunciato l’ex leader della fazione repubblicana nell’aula del Congresso. Il canale di notizie ha riferito, tra l’altro, che avrebbe chiesto ai suoi colleghi di partito di non nominarlo CNN. Nel frattempo, McCarthy ha detto che avrebbe sostenuto qualcuno su cui il suo gruppo potesse essere d’accordo.

L’attore 58enne originario dello stato americano della California la scorsa settimana è stato destituito dalla carica di presidente della Camera dei rappresentanti e quindi di fatto presidente della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti. La sua caduta fu il risultato di una ribellione dei repubblicani radicali all’interno della fazione. Alla fine, tutti i democratici e otto membri del Grand Old Party hanno votato a favore dello storico impeachment di McCarthy. Per la prima volta nella storia degli Stati Uniti, il presidente della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti è stato messo sotto accusa durante un’elezione.

Tutti i repubblicani che hanno votato hanno votato per Kevin McCarthy alla Camera

  • Andy Biggs (Arizona)
  • Ken Buck (Colorado)
  • Tim Burchett (Tennessee)
  • Eli Crane (Arizona)
  • Matt Gaetz (Florida)
  • Bob Good (Virginia)
  • Nancy Mays (Carolina del Sud)
  • Matt Rosendahl (Montana)

Martedì 10 ottobre si è tenuta a porte chiuse la prima riunione del Republican Caucus alla Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti. I potenziali candidati dovrebbero essere discussi lì. Mercoledì è prevista la prima votazione interna. Non esiste ancora una data per una votazione ufficiale alla Camera dei Rappresentanti tra tutti i rappresentanti.

Ci sono già candidati per succedere a Kevin McCarthy alla guida della Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti. Il repubblicano di estrema destra Jim Jordan ha già gettato il cappello sul ring. La Giordania è uno stretto alleato di Donald Trump. L’ex presidente, che vuole tornare alla Casa Bianca, ha già sostenuto la candidatura del suo caro amico al Congresso americano. La Giordania divenne famosa durante la pandemia di Corona e grazie alle sue ampie discussioni con l’immunologo ed epidemiologo Dr. Antonio Fauci.

Due candidati vogliono diventare presidente della Camera dei rappresentanti

Oltre a Jim Jordan, anche Steve Scalise ha annunciato la sua candidatura a relatore. È considerato un repubblicano moderato e un politico esperto. Il 58enne ha già prestato servizio nel Senato americano della Louisiana ed è membro della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti dal 2008. Quando McCarthy divenne presidente della Camera nel 2022, Scalise gli succedette come leader del gruppo. Conta ad alta voce Il New York Times In quanto acerrimo rivale di McCarthy, cerca di riunire la fazione profondamente divisa.

Ma se Scalise avrà successo è altamente dubbio. Per essere eletti al terzo posto più importante nel governo americano dopo il presidente Joe Biden e la sua vice Kamala Harris, è necessaria la maggioranza assoluta dei membri presenti della Camera dei Rappresentanti. I repubblicani hanno solo una maggioranza risicata alla Camera, quindi una manciata di dissenzienti è sufficiente per bloccare una nomina. Quando è stato eletto lo scorso gennaio, McCarthy è riuscito a ottenere tale maggioranza solo al quindicesimo turno.

Gli aspiranti ribelli repubblicani sono guidati da Matt Gaetz. Ha anche votato per Kevin McCarthy, al contrario di Jim Jordan.