Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Secondo i piani di ritiro degli Stati Uniti: il ritiro della NATO dall’Afghanistan inizia il 1 maggio

Stato: 14/04/2021 22:53

La NATO inizia il suo ritiro formale dall’Afghanistan il 1 ° maggio: una decisione simile è stata presa quella sera in una conferenza di 30 ministri degli esteri e della difesa. La coalizione risponde all’annunciato ritiro degli Stati Uniti.

Dopo la decisione degli Stati Uniti di ritirare le proprie forze dall’Afghanistan, anche la Nato sta iniziando a concludere la sua operazione nell’Hindu Kush: l’alleanza ha deciso di iniziare il ritiro dal 1 maggio, secondo un collegamento video dei ministri degli esteri e della difesa di 30 paesi della NATO.

Attualmente ci sono circa 10.000 soldati regolari della NATO in Afghanistan. Dovrebbero sostenere il governo nella loro lotta contro il movimento estremista islamico talebano addestrando e consigliando le forze di sicurezza. Con circa 1.100 soldati attualmente, la Germania è il secondo più grande fornitore di forze dopo gli Stati Uniti.

I diamanti afgani promettono più sostegno

La notizia del ritiro della NATO non è sorprendente, perché dopo la decisione di Washington, la continuazione delle operazioni per altri paesi della NATO è stata possibile solo con costi e rischi aggiuntivi significativi. Il ministro della Difesa federale Angret Kramp-Karenbauer lo ha già chiarito Che anche la Bundeswehr se ne va.

Ha dichiarato il ministro degli Esteri Heiko Maas Argomenti quotidianiSi vuole ora assicurare il ritiro ordinato delle forze internazionali. Questo è possibile solo con più tempo, motivo per cui l’estrazione inizierà solo il 1 ° maggio anziché essere completata per allora. Questo è ciò che il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha concordato con i talebani. Maas ha sottolineato che il governo afghano continuerà a ricevere sostegno con denaro, equipaggiamento militare e addestramento.

READ  L'esercito israeliano attacca le forze anticarro di Hamas

“È ora di porre fine alla guerra più lunga d’America”

Nel frattempo, a Washington, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden è apparso nuovamente davanti alla stampa per annunciare formalmente i piani di ritiro già noti: il ritiro deve avvenire anche in Inizia il 1 maggio e si completa entro l’11 settembreBiden ha spiegato. È tempo di porre fine alla guerra più lunga d’America. È ora che le forze statunitensi tornino a casa. Gli Stati Uniti hanno impedito che l’Afghanistan diventasse di nuovo un terreno di scena per attacchi terroristici contro gli Stati Uniti. Pertanto, l’obiettivo originale della missione in Afghanistan è stato raggiunto.

Teme che i talebani prendano il potere

Il ritiro pone una serie di problemi al governo afghano. Non è chiaro, ad esempio, quali conseguenze potrebbe comportare una decisione della NATO Negoziati di pace Con i talebani. Si teme che gli islamisti prenderanno il potere nel Paese subito dopo il ritiro internazionale. L’arduo progresso democratico che il paese ha compiuto negli ultimi anni sarà inutile.

Ghani: ci difendiamo

Il presidente afghano Ashraf Ghani ha dichiarato in una dichiarazione iniziale che la Repubblica islamica dell’Afghanistan rispetta la decisione degli Stati Uniti di ritirarsi. Lavoreranno con i partner statunitensi per garantire una transizione graduale. Nel frattempo, Ghani ha sottolineato che le forze di sicurezza afghane sono in grado di difendere il Paese e la popolazione.

READ  Byron Bay: protesta contro Netflix nel paradiso dei surfisti australiani