Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Kiev: Trasporto di missili da guerra: un aereo militare russo precipita con a bordo presunti prigionieri di guerra

Kiev: Trasporto di missili da guerra: un aereo militare russo precipita con a bordo presunti prigionieri di guerra

Kiev: I missili sono stati trasferiti
Un aereo militare russo si è schiantato con a bordo presunti prigionieri di guerra

Ascolta il materiale

Questa versione audio è stata creata artificialmente. Maggiori informazioni | Invia la tua opinione

Un aereo da trasporto russo si è schiantato sopra la Russia vicino al confine con l'Ucraina. Secondo il ministero della Difesa russo, a bordo c'erano 65 prigionieri di guerra ucraini che furono portati a Belgorod per lo scambio.

Un aereo da trasporto militare russo con a bordo più di 70 persone si è schiantato intorno alle 11 (9:00 CET) sopra la regione di Belgorod, al confine con l'Ucraina. Lo ha annunciato il ministero della Difesa a Mosca. La TASS ha riferito che a bordo dell'Ilyushin Il-76 c'erano 9 membri dell'equipaggio russo e 65 prigionieri di guerra ucraini. I prigionieri furono trasportati in aereo per uno scambio programmato. Inizialmente non c'erano ulteriori conferme di queste informazioni.

A Kiev, il portale di notizie Okryzhinska Pravda, citando fonti militari, ha riferito che la parte ucraina ha confermato l'incidente. Secondo le informazioni dello Stato Maggiore, l'aereo avrebbe dovuto trasportare al fronte missili antiaerei S-300. Il quotidiano Okrajinska Pravda aveva inizialmente riferito che l'esercito ucraino aveva parlato di abbattere l'aereo. Poi questa versione è stata modificata.

Il governatore della regione di Belgorod, Vyacheslav Gladkov, ha dichiarato sul suo canale Telegram: “Si è verificato un incidente nel distretto di Korochansky. Una squadra investigativa e dipendenti del Ministero per le situazioni di emergenza stanno attualmente lavorando sulla scena”.

READ  Catene di approvvigionamento: questa è la vera ragione della carenza in America