Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

“Insegnante” non era solo una parola per uomini

La linguista femminista Louis F. Bush nel 1984 che il tedesco è “la lingua dell’uomo” ei linguisti hanno respinto le sue tesi come inaccettabili e non scientifiche. Ma hanno contribuito al fatto che alcune persone oggi credono che “maestri” intendano solo uomini.

Un nuovo studio ora mostra che termini come “insegnante” in tedesco sono sempre stati usati per entrambi i sessi. Secondo gli autori, lo studio pilota è la prima indagine sistematica del suo genere.

I linguisti Ewa Trotkowski e Helmut Weiss riferiscono nel loro lavoro che precedenti ricerche sull’indoeuropeo hanno dimostrato che non c’è accordo tra i generi grammaticali e biologici nelle designazioni personali.

Di conseguenza, nella “lingua di base” indoeuropea è stata fatta una distinzione in termini di persone, animali, piante e cose solo tra “motile” e “inanimato”. Pertanto, la categoria “Animazione” comprendeva sia donne che uomini. Il cosiddetto sostantivo maschile si è evoluto in seguito dal “genere comunitario”. L’uso del maschile in tedesco attraverso il genere (“maschile generale”) risale al periodo indoeuropeo, secondo l’autore dello studio Weiß.

I ricercatori hanno scritto che il cosiddetto femminile è apparso più tardi e inizialmente includeva termini collettivi e astratti. A questi primi nomi femminili appartengono anche alcune designazioni di carattere, ad esempio “lada” (“donna”) ma anche “exuga” (“nonno”). “Questi risultati mostrano effettivamente che le relazioni di genere non si riflettono nelle regole”, afferma Weiß.

Confutando la tesi della linguistica femminista

Per il loro studio, i due ricercatori hanno analizzato l’uso maschile nei primi tempi della Germania. Per fare ciò, hanno valutato, tra l’altro, canzoni d’amore, poesie, storie e testi di fatti biografici. Il testo più antico risale al IX secolo (“Bible Harmony” fu scritto tra l’863 e l’871).

READ  I denti di gesso nei bambini in Turingia sono una malattia nuova e diffusa | Discussioni

“Si scopre che parole come ‘cittadino’, ‘amico’, ‘vicino’, ‘ospite’ o anche ‘giudice’ possono quasi sempre essere usate in un modo non specifico per genere”, afferma Ewa Trotkowski. Ciò confuta anche la tesi della linguistica e della sessualità femminista.

I precedenti lavori accademici dei linguisti di genere utilizzavano solo designazioni per occupazioni e lavori precedentemente riservati agli uomini.E il Secondo gli studiosi. Quindi “Maurer” o “sindaco” è citato come prova che il maschile originariamente si riferiva solo agli uomini – ed era usato solo come forma inclusiva di genere quando le donne venivano spinte in queste professioni e posizioni. Questo è un “grave errore e errore”, dice Trotkowski, “I nostri risultati lo mostrano molto chiaramente. In generale, i nomi maschili sono stati a lungo usati in tedesco per entrambi i sessi”.

Dopo l’analisi, il linguista è enfatico: “Non vi è alcuna valida ragione linguistica per supporre che il nome maschile generico ponga le donne o le persone non binarie in una posizione di svantaggio. Non ci sono prove di discriminazione né in termini di storia linguistica né di metodologie linguistiche. “

Un altro motivo per cui i linguisti non credono nel genere è la parola “insegnante” come termine neutrale rispetto al genere da evitare. Secondo Trotkowski, il maschile generale è usato e inteso dalle persone come naturale. “Pertanto, non vi è alcun motivo per sostituirlo con altre forme.”

Studio “Testimoni ricercati! Nella storia del generale maschile in tedesco” sotto https://lingbuzz.net/lingbuzz/006520 A disposizione.

Questa è una voce inviata come parte della nostra iniziativa open source. insieme a open source Berliner Verlag offre agli autori freelance ea chiunque sia interessato l’opportunità di inviare testi con contenuti pertinenti e standard di qualità professionale. I contributi selezionati saranno pubblicati e premiati.

Questa pubblicazione è concessa in licenza sotto una licenza Creative Commons (CC BY-NC-ND 4.0). Il grande pubblico può utilizzarlo liberamente per scopi non commerciali, a condizione che l’autore e la Berliner Zeitung siano nominati e qualsiasi trattamento sia escluso.