Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Scienza: La creatina potenzia il cervello quando manca il sonno: avviso di autotest

Scienza: La creatina potenzia il cervello quando manca il sonno: avviso di autotest

Secondo uno studio, la creatina ad alte dosi migliora le prestazioni cerebrali a breve termine durante la privazione del sonno. Nello studio, 15 adulti hanno ottenuto risultati significativamente migliori nei test durante una notte insonne se avevano precedentemente ricevuto creatina. Tuttavia, il leader dello studio Ali Gordjenejad del Centro di ricerca Jülich mette in guardia dal provarlo tu stesso.

Si tratta di un ottimo studio aggiuntivo che dimostra che la creatina funziona in linea di principio, commenta Peter Jung, esperto del sonno presso la Società tedesca di neurologia. Tuttavia, lo studio non ha esaminato il successo dell’apprendimento a lungo termine. La privazione del sonno non solo riduce le prestazioni cerebrali ma danneggia anche il sistema cardiovascolare.

La creatina (da non confondere con la cheratina presente nei capelli e nelle unghie) viene prodotta nel corpo e assorbita principalmente attraverso il pesce e la carne. Molti atleti lo usano per aumentare la crescita muscolare. Ma gioca anche un ruolo importante cervello.

Nello studio, otto donne e sette uomini di età compresa tra i 20 e i 28 anni sono rimasti svegli tutta la notte e hanno dovuto risolvere piccoli compiti, come ricordare coppie di parole o fare calcoli. A tutti è stata somministrata creatina una notte e un placebo l'altra sera.

Risultato: già dalla terza ora dopo l'assunzione della creatina si è osservato un effetto positivo sul metabolismo cerebrale e sulle prestazioni cognitive. È continuato fino alle nove ore, la fine del periodo di studio. In particolare, sono migliorate le prestazioni di elaborazione e la memoria a breve termine, ha scritto il team sulla rivista Scientific Reports.

READ  Civetteria con dubbio sui vaccini: visita di laboratorio allo stabilimento di vaccini morti Valneva

Effetto come un rifornimento di carburante

I ricercatori hanno utilizzato una speciale spettroscopia di risonanza magnetica per osservare come la privazione del sonno e la creatina modificano il metabolismo cerebrale. La mancanza di sonno riduce la quantità di creatina (creatina fosfato) nel cervello, importante per l'approvvigionamento energetico, afferma Gurdjingjad. Questa diminuzione è stata prevenuta dalla somministrazione di creatina ad alte dosi. “Non sta più esaurendo il carburante, si sta solo riempiendo.”

Secondo Gordjenejad, diversi studi hanno già riscontrato un miglioramento delle prestazioni cognitive dopo l'assunzione di creatina a lungo termine, ad esempio negli anziani o nei vegetariani, che spesso soffrono di carenza di creatina. La novità è che anche le persone sane che vivono una situazione stressante, come la privazione del sonno, possono trarre benefici per un breve periodo in termini di prestazioni cognitive.

“Naturalmente è meglio dormire a sufficienza”, dice Gordjenejad. Tuttavia, la creatina può essere utile per le persone a cui vengono affidati compiti imprevisti e che devono lavorare fino al mattino, come i vigili del fuoco. Tuttavia, è necessario prima condurre ulteriori studi che dimostrino l'effetto anche a piccole dosi di un massimo di 4-5 grammi.

Attualmente mette in guardia contro l'assunzione di dosi elevate, perché dosi elevate di creatina possono esercitare pressione sui reni e causare altri problemi di salute. “Tuttavia, se studi futuri mostrassero un aumento delle prestazioni cognitive anche a dosi più basse, la creatina potrebbe diventare un serio concorrente del caffè nelle lunghe notti di lavoro”. Nello studio sono stati somministrati 0,35 grammi di creatina per chilo di peso corporeo, ovvero 28 grammi per una persona di 80 kg.

READ  Costose attrezzature di ricerca perdute sotto il "Ghiacciaio dell'Apocalisse".

Nessuna domanda ancora

Young ha affermato che i risultati sono entusiasmanti, ma è ancora troppo presto per applicarli. La privazione del sonno non solo incide negativamente sulle prestazioni cerebrali, ma rappresenta anche un danno fisico. Il sistema cardiovascolare è costantemente sotto stress, il che può aumentare il rischio di malattie come ictus, ipertensione e infarti. Inoltre, lo studio ha esaminato solo gli effetti a breve termine e non il successo dell’apprendimento a lungo termine, ad esempio se il vocabolario latino potesse ancora essere riprodotto il giorno successivo. “Per rafforzare i contenuti didattici è necessario dormire”, sottolinea Jung, che è anche membro del comitato consultivo della German Brain Foundation.

Ulrich Ettinger dell'Università di Bonn commenta l'analisi che lo studio è metodologicamente buono e gli effetti sono promettenti. “Se i risultati fossero confermati, l'uso singolo o forse occasionale di creatina sarebbe indicato per la privazione acuta del sonno.” Tuttavia, i risultati devono prima essere replicati con più soggetti di prova e dosi più basse. Nello studio sulle prestazioni cerebrali condotto dal suo team, gli effetti collaterali negativi della creatina si sono verificati anche a dosi significativamente più basse, ma per un periodo di tempo più lungo. “Nel complesso, nonostante questi risultati entusiasmanti, rimane discutibile se l'uso della creatina possa essere raccomandato per la piena prestazione del cervello.”

© dpa-infocom, dpa:240428-99-837124/4