Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Il primo ministro francese presenta un piano d'azione per combattere la violenza giovanile

Il primo ministro francese presenta un piano d'azione per combattere la violenza giovanile

Al: 18 aprile 2024 alle 21:37

Dopo una serie di crimini estremamente brutali, in Francia si torna a parlare di violenza tra i giovani. Il primo ministro Atal vuole introdurre un piano d'azione e responsabilizzare gli studenti e i loro genitori.

La Francia sta nuovamente discutendo dei giovani autori di violenza e viene nuovamente lanciato un piano d'azione. Questa volta dal primo ministro Gabriel Attal, in carica da 100 giorni. Ha promesso di voler fare un duro inventario: “Tutti i sindaci ci assicurano che solo pochi praticano queste violenze e rendono la vita di tutti nella zona un inferno. I politici locali conoscono questi giovani, ma hanno le mani legate”. .”

Numerosi atti di violenza orribili

Devi esaminare la questione e punirlo senza esitazione. “Abbiamo bisogno di un vero cambiamento di potere e di andarcene”, ha chiesto Attal dal luogo in cui il quindicenne Chamseddine è stato picchiato a morte fuori dal cancello della scuola qualche settimana fa: a Ferry Chatillon, a sud di Parigi. I cinque autori, tranne uno, erano tutti minorenni. Il motivo del delitto: si dice che Shams Al-Din abbia parlato in modo inappropriato alla sorella di uno degli autori del reato.

A Montpellier, una ragazza è stata picchiata fino a cadere in coma da un gruppo di adolescenti; In precedenza è stata vittima di bullismo per i suoi abiti europei rivelatori. A Marsiglia, una madre e sua figlia hanno aggredito il preside di una scuola. L'elenco potrebbe continuare.

Focus su genitori, studenti e social media

Atal ha spiegato che ci sono diverse ragioni dietro questi eccessi di violenza. Ad esempio, genitori oberati di lavoro o indifferenti, individualismo spietato e islamismo dilagante. Andare alla radice del problema significa anche combattere senza pietà l’islamismo.

READ  Sciame sismico sul vulcano gigante in Italia - Ricercatori: 'Evacuerò'

Sempre più spesso questi giovani hanno reagito calpestando i valori repubblicani e ignorando la laicità, ovvero la separazione tra Stato e religione. “È inaccettabile che un’ideologia religiosa metta in discussione le nostre leggi”, ha detto Attal. “E che una giovane donna non abbia la libertà di camminare in questi quartieri senza hijab se lo desidera la Repubblica.” .

Il primo ministro ha annunciato diverse misure. Tra le altre cose, gli studenti aggressivi dovrebbero essere allontanati precocemente dal loro ambiente ed educati in un collegio, la magistratura dovrebbe punire i crimini più rapidamente e i genitori dovrebbero essere meglio supportati ma anche ritenuti più responsabili. Inoltre, le scuole dovrebbero rimanere aperte più a lungo per lasciare i giovani incustoditi il ​​meno possibile.

Anche il consumo dei media deve essere limitato, come hanno dimostrato le rivolte della scorsa estate. A quei tempi i giovani utilizzavano i social network per incitarsi ad una vera e propria competizione per la distruzione. “Lo organizzeremo”, ha detto Atal. “Abbiamo già adottato le misure necessarie per impedire ai rivoltosi di utilizzare i social media”.

Nessuna nuova idea

Gli educatori hanno spesso sentito tutto questo, ma manca una strategia di investimento a lungo termine per attrezzare adeguatamente le scuole e il lavoro sociale a lungo termine. Per questo motivo anche i sindacati degli insegnanti e i ricercatori nel campo dell'istruzione hanno criticato Al-Attal per non aver menzionato la questione cruciale.

L’insegnante Ghislaine David del sindacato SNUIP-FSU si è lamentata su BFMTV: “Non ho sentito Atal parlare del personale scolastico nemmeno una volta nel discorso. Abbiamo bisogno di personale più qualificato: assistenti sociali, psicologi, insegnanti”.

A Saint-Denis, nel povero nord di Parigi, gli insegnanti sono in sciopero da sei settimane. La loro richiesta di aiuto attira l’attenzione sul fatto che hanno un disperato bisogno di più personale. Ma finora non hanno ricevuto risposta dal ministero.

READ  I talebani chiedono il ritiro delle forze statunitensi entro il 31 agosto - Esercito tedesco schierato fuori dall'aeroporto di Kabul

Nuovo piano aziendale

Ora è necessario riunire i rappresentanti di tutti i settori rilevanti – scuola, assistenza sociale, giustizia e polizia – e sviluppare un programma antiviolenza in sole otto settimane. Ma sorge la domanda se questo nuovo piano d’azione sarà adatto a risolvere i problemi a lungo termine.

Il governo si trova ad affrontare un problema enorme e di vecchia data: afferma che i giovani di età compresa tra i 13 e i 17 anni sono più violenti e criminali della popolazione generale. Nelle statistiche, compaiono due volte più spesso nella categoria “percosse e lesioni”, quattro volte più spesso nel traffico di droga e fino a sette volte più spesso nelle rapine a mano armata.

Le analisi non mancano

In effetti, l’analisi non manca. Quando Macron entrerà in carica, il problema delle periferie dovrà essere affrontato alla radice. Il neoeletto presidente aveva elaborato un piano generale. Quando minacciava di diventare troppo costoso e sembrava promettere solo un successo a lungo termine, Macron ha lasciato che il cosiddetto “piano Borlot” sparisse in un cassetto.

Dopo le rivolte dell'estate scorsa, il primo ministro Elizabeth Bourne ha annunciato i risultati di settimane di consultazioni con i politici locali. Recentemente il Senato ha presentato il proprio bilancio di queste notti di disordini: i danni ammontano a un miliardo di euro e i feriti sono 1.000. Si dice che abbiano partecipato un totale di 50.000 rivoltosi. Un terzo di loro erano minorenni.

Giulia Borrota, RD Parigi, Tagesschau, 18 aprile 2024, 20:36