Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Il ciclista professionista Marco Brenner ha fatto scalpore in Italia

Il ciclista professionista Marco Brenner ha fatto scalpore in Italia


Nella corsa a tappe di cinque giorni “Coppi e Bartali”, il nativo di Augusta della squadra “Tudor” non solo ha ottenuto la sua prima vittoria professionale, ma ha anche acquisito molta fiducia.

Armato della sua prima vittoria da ciclista professionista e di un rinnovato senso di fiducia, il ciclista professionista di Augusta Marco Brenner ha lasciato domenica l'aeroporto di Bologna per la sua casa adottiva, Andorra. Nella corsa a tappe di cinque giorni “Coppi e Bartali” in Emilia-Romagna, nel nord Italia, ha fatto scalpore non solo vincendo la prima tappa ma anche per il suo stile di guida aggressivo per tutta la settimana.

Nell'ultimo giorno, il 21enne ha provato a ripetere la sua impresa da solista, ma è stato ripreso a cinque chilometri dal traguardo. Nella tappa finale ha tagliato il traguardo al Cycle Stadium di Forlì con un ottimo settimo posto. “È stata una buona settimana, ne sono assolutamente soddisfatto”, ha spiegato domenica Brenner.

Marco Brenner si è crogiolato nei festeggiamenti

È crollato in forma solo il giorno dopo la sua più grande vittoria fino ad oggi come ciclista professionista. Brenner ha effettuato l'ultima discesa il primo giorno e ha tagliato il traguardo in solitaria. Il trambusto dopo la sua prima vittoria da professionista nella sua carriera è stato un po' troppo per lui. “Ero un po’ sopraffatto. Non ho dormito bene e la vittoria mi ha emozionato. “Non ho avuto una buona giornata con la maglia da capitano”, ha detto Brenner. Nella seconda tappa era più di undici minuti indietro. Le cose sono andate meglio nella terza tappa, ma una discesa lungo la discesa è costata molto tempo al Brennero.

READ  La nuova mossa per i turisti ha fatto arrabbiare gli operatori dei lidi

Ma negli ultimi due giorni l'Augsburg ha reagito. Il fatto che sia arrivato 51° assoluto, a quasi 22 minuti dal vincitore Koen Bowman (Team Wisma), è stato di secondaria importanza: “È fantastico che finalmente ho ottenuto la mia prima vittoria da professionista”, ha detto. Brenner felicemente. All'età di 18 anni aveva già firmato il suo primo contratto professionale con il team World Tour TSM. Con alcuni alti e bassi, sono stati tre anni difficili di apprendimento per il nativo di Augusta. Prima di questa stagione è passato alla seconda divisione svizzera Tudor Pro Cycling. Questo ritiro sembra essere la strada giusta per il Brennero. “Mi sento davvero in buone mani. L'ho sentito anche adesso. Senza i miei compagni di squadra non avrei potuto vincere la tappa.

“Koppi e Bartali” non è una gara World Tour

Per Brenner il fatto che la “Coppi e Bartoli” non sia una delle gare più importanti del World Tour non sminuisce il suo successo: “La differenza non è poi così grande. I primi dieci o venti migliori corridori sono forti quanto i big gare, solo che il campo dietro di loro si dirada velocemente.” Il Brennero ha ormai più di due settimane libere prima della partenza del “Giro d'Abruzzo”. (quattro tappe) in programma dal 9 al 12 aprile.

Venerdì le cose sono andate meno bene per Georg Zimmermann, il secondo ciclista professionista di Augusta del Team Intermarche. Il 26enne non ha vinto la gara diurna dell'E3 Saxo Classic World Tour intorno ad Harelback in Belgio, finendo 62esimo, sei minuti dietro al vincitore Mathieu van der Poel (Alpecin-Deceunick).

READ  Italia: gli attivisti per il clima si attengono ai dipinti