Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

I cittadini inveiscono contro il cibo veneziano: “È un peccato”

I cittadini inveiscono contro il cibo veneziano: “È un peccato”

  1. Pagina iniziale
  2. il mondo

Premere

Le strade affollate di Venezia diventeranno presto un ricordo del passato? Lagoon City introduce una quota di iscrizione controversa Tuttavia, la gente del posto è furiosa.

Venezia – I vacanzieri ora devono pagare un biglietto d'ingresso per una gita di un giorno a Venezia. Dal 25 aprile in determinati giorni si dovranno pagare cinque euro al giorno. Con questo l’Italia vuole dichiarare guerra al turismo di massa, cosa che irriterà la gente del posto.

“Non vogliamo restrizioni”: niente più tasse d'ingresso a Venezia

Nei 29 giorni selezionati, i turisti nella località lacustre italiana devono pagare tra le 8:30 e le 16:00. Chi viene sorpreso a rifiutarsi rischia una multa fino a 300 euro. Tuttavia, gli ospiti che pernottano non richiedono alcun pagamento. Esistono eccezioni per i bambini sotto i 14 anni e altri, come gli studenti. “Il nostro obiettivo è rendere la città di Venezia più vivibile”, ha spiegato il sindaco Luigi Brugnaro a proposito dell'iniziativa.

Ecco come funziona il sistema di biglietteria a Venezia

I visitatori di Lagoon City devono pagare una tariffa di cinque euro in determinati giorni. Il biglietto corrispondente è disponibile la realtà o acquistato allo sportello locale. I vacanzieri riceveranno il codice QR corrispondente. Anche gli ospiti che pernottano necessitano di un codice QR, ma non devono pagarlo. È disponibile presso l'hotel o il proprietario.

Tuttavia, molti locali la vedono diversamente. Ci furono già manifestazioni all'inizio del nuovo regime. “Siamo totalmente contrari a questa entrata. Non vogliamo essere controllati. E la città non può essere trasformata in un museo dei biglietti. È un peccato”, avrebbe detto B.R Un dimostratore. “E' una cosa completamente folle, questa mossa è completamente illegale e incostituzionale. “In nessuna città al mondo si paga un biglietto d'ingresso”, ha criticato l'ex sindaco Massimo Casciari.

READ  18 studenti provenienti da Italia, Spagna e Polonia studiano GMG e la città di Amberg - Regione di Amberg - Notizie

“Dobbiamo fare qualcosa”: il sindaco difende il biglietto d'ingresso a Venezia

Tuttavia, molti vacanzieri dall'estero capiscono. “Va bene”, ha detto l'agenzia di stampa italiana Ansa Un giro. L'unico problema è il tempo di attesa in coda. Il numero totale delle registrazioni il secondo giorno è già salito a 127.900. Molti di loro però pernottano o sono esentati dal regolamento, ad esempio perché visitano parenti.

I turisti giornalieri devono pagare un biglietto d'ingresso per visitare Venezia in determinati giorni. © Joeran Steinsiek/imago

«Direi che la prima vittoria è la cultura. Quindi fate sapere agli italiani e ai turisti quanto è fragile Venezia. E il governo deve sostenere Venezia – ha detto in apertura il sindaco Brugnaro – Mi dispiace per il disagio, ma dobbiamo fare qualcosa, non possiamo parlare.”

La tariffa è in fase di prova fino alla fine dell'anno. Valutiamo cosa succederà dopo. Nelle giornate particolarmente affollate le quote di iscrizione potrebbero aumentare. Ma non è tutto: da giugno 2024 Venezia bandirà anche i grandi gruppi turistici in città. Nuove restrizioni anche per chi viaggia in Italia nelle “Cinque Terre”.