Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Drone killer per la guerra in Ucraina?  I laser abbattono i bersagli aerei dal cielo

Drone killer per la guerra in Ucraina? I laser abbattono i bersagli aerei dal cielo

  1. Home page
  2. Politica

Il Regno Unito sta testando l’arma laser Dragonfire come alternativa economicamente vantaggiosa ai missili. © MOD/DSTL

Rapporti britannici affermano che il test di un nuovo laser militare ha avuto successo. In futuro, “Dragonfire” colpirà bersagli aerei nel raggio visivo. Anche nella guerra in Ucraina?

LONDRA – Abbattere i droni con i missili è spesso sproporzionato visti i costi. La nuova tecnologia dovrebbe aiutare. Gli inglesi hanno sviluppato un laser militare in grado di respingere i droni. Ha detto che con il successo del test “Dragonfire” (in tedesco: Drachenfeuer), un'arma laser ad alta potenza è stata lanciata per la prima volta contro obiettivi aerei in Gran Bretagna. Ministero della Difesa britannico con.

Risultati militari: la nuova arma laser britannica è stata testata con successo contro bersagli aerei

Secondo la dichiarazione, il test è stato il primo lancio ad alte prestazioni di un'arma laser contro bersagli aerei. Ha aggiunto che, sebbene la portata del Dragonfire sia segreta, il laser può attaccare “qualsiasi bersaglio visibile”. “Il laser ha la massima precisione e costi bassi a lungo termine”, ha affermato il britannico.

“Accedere per dieci secondi equivale al costo di utilizzare un normale riscaldatore per una sola ora.” I costi di gestione per scatto si aggirano intorno alle dieci sterline (circa 11,60 euro). Affare negli ambienti militari. Per fare un confronto: i proiettili di artiglieria a volte costano migliaia di euro e un missile Stormshadow a volte costa più di un milione di euro. L'intero sviluppo del laser è costato circa 100 milioni di sterline (circa 116 milioni di euro).

Si dice che “Dragonfire” abbia “il potere di rivoluzionare il campo di battaglia”.

La precisione dell'arma è equivalente alla precisione del lancio di una moneta da una distanza di un chilometro. Secondo il Ministero della Difesa britannico, un altro vantaggio del Dragonfire è la sua incredibile velocità: essendo un laser, gli obiettivi possono essere attaccati alla velocità della luce. Commentando la svolta, il segretario alla Difesa britannico Grant Shapps ha dichiarato: “Questo tipo di arma avanzata ha il potenziale per rivoluzionare il campo di battaglia riducendo la dipendenza da munizioni costose e riducendo al tempo stesso il rischio di danni collaterali”. tecnologia.” […]”, ha affermato Nick Goode della Defense Science and Technology Organization (DST), coinvolta nello sviluppo. Il ricercatore ha sottolineato che “Dragonfire” offre prestazioni molto più elevate rispetto ad altri sistemi della stessa classe.

READ  Il presidente della COP ha pianificato accordi su petrolio e gas

Anche L'esercito tedesco ha già testato un'arma laser nel 2022in Israele Una tecnologia simile, chiamata “trave di ferro”, è già in uso.

Guerra in Ucraina: il nuovo laser britannico potrebbe aiutare anche le forze di Kiev

Nella guerra in Ucraina i droni vengono spesso utilizzati su entrambi i lati del fronte. Sono relativamente economici, manovrabili e possono essere utilizzati in vari modi: per la ricognizione o l’attacco. In alcuni casi, l’Ucraina sta convertendo i droni disponibili in commercio per uso militare. Dato il sostegno occidentale, a volte esitante, questa è una soluzione rapida. Anche la Russia fa affidamento sui droni, come il drone Lancet o i droni Shahed dall’Iran.

A metà gennaio si è saputo che Teheran aveva sviluppato per la Russia un nuovo tipo di drone chiamato “Shahed 107”. Si ritiene che il drone sia dotato di una tecnologia in grado di rilevare obiettivi di importanza strategica sul campo di battaglia, come i molteplici sistemi missilistici britannici e americani utilizzati dalle forze ucraine. La stazione televisiva ha riferito che la portata del drone potrebbe raggiungere i 1.500 chilometri Notizie dal cielo. Una nuova sfida per l’esercito ucraino.

Nonostante la carenza di munizioni, l’Ucraina è attualmente costretta a respingere droni relativamente economici con missili costosi – e sta letteralmente sparando agli uccelli con i cannoni. Utilizzando “droni assassini” come la nuova arma laser britannica, Kiev può risolvere questo problema a un costo ragionevole, risparmiando munizioni cruciali. Tuttavia, non è ancora chiaro quando 'Dragonfire' verrà trasmesso nel Regno Unito. Non è inoltre noto se gli inglesi stiano pensando di mettere questa tecnologia a disposizione di Kiev. Finora il “Terrahawk Paladin” era considerato l’assassino dei droni in Ucraina.

READ  Afghanistan: il corteggiamento di Erdogan ai talebani