Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Costi, dimensioni e collaborazione: acquisto di ETF: questi fattori giocano un ruolo nella selezione

Costi, dimensioni e collaborazione: acquisto di ETF: questi fattori giocano un ruolo nella selezione

Costi, dimensioni e cooperazione.
Acquistare ETF: questi fattori giocano un ruolo nella scelta

Ascolta il materiale

Questa versione audio è stata creata artificialmente. Maggiori informazioni | Invia la tua opinione

Sono considerati ad alto rendimento, ampiamente diversificati e convenienti: gli ETF (ETF) sono molto popolari tra i risparmiatori. Ma in quale degli innumerevoli ETF conviene investire? Cosa è importante nella scelta? Cinque punti a cui gli investitori dovrebbero prestare attenzione.

1. Classe di attività, regione e settore

Azioni, obbligazioni e materie prime? Se vuoi investire in un ETF, dovresti prima considerare la classe (o le classi) di asset in cui il fondo dovrebbe investire. La scelta e la ponderazione dovrebbero essere coerenti con le vostre preferenze personali e la vostra propensione al rischio.

Dovresti quindi selezionare la regione e il settore in cui desideri investire tramite il tuo ETF. L'ETF dovrebbe contenere solo azioni di società tedesche o dovrebbe avere una posizione internazionale? Un ETF dovrebbe investire in aziende di tutti i settori o solo in aziende di determinati settori, come quello tecnologico o farmaceutico? “Ci sono altri fattori che potrebbero limitare la scelta, ad esempio se l'ETF deve tenere conto di criteri sostenibili”, afferma Thomas May del Centro consumatori di Brema.

È anche importante se l'ETF deve distribuire o reinvestire (accumulare) i dividendi e se si desidera effettuare l'investimento con un pagamento una tantum o con un rollover mensile: l'ETF deve essere idoneo per un piano di risparmio. Solo dopo aver preso queste decisioni di base dovresti iniziare a scegliere un ETF specifico.

2. Costi

Dopo il primo screening preliminare, molti degli ETF offerti avrebbero dovuto essere dimenticati. Tuttavia, potrebbe essercene ancora qualcuno. Ora seleziona tutti coloro che hanno un rapporto di spesa totale elevato, il cosiddetto TER. Di norma i costi dovrebbero aggirarsi tra lo 0,1 e lo 0,4% annuo.

“Gli ETF con temi esotici sono talvolta ben al di sopra di questa fascia di prezzo”, afferma Nicholas Pilz della Societas Vermögensverwaltung di Düsseldorf. Secondo la sua esperienza, alcuni fornitori hanno pagato il prezzo della loro popolarità e hanno chiesto di più. Pertanto gli investitori privati ​​dovrebbero confrontare attentamente.

3. Dimensioni della scatola

Quanti soldi gestisce effettivamente l’ETF? Anche questo è un fattore a cui gli investitori privati ​​dovrebbero prestare attenzione. Alcune banche d’investimento fissano una dimensione minima per gli ETF di 50 milioni di euro – e non investono prima. May, sostenitore dei consumatori, raccomanda una dimensione minima del patrimonio gestito per i fondi di 100 milioni di euro, o meglio ancora, 500 milioni di euro. Nel caso di nuovi offerenti o di ETF con temi esotici le dimensioni possono inizialmente essere molto ridotte, nell’ordine di qualche milione di euro. “La struttura dei costi qui è generalmente molto elevata”, avverte Nicola Belz.

Allo stesso tempo aumenta il rischio che prima o poi l’ETF venga chiuso o fuso con un altro fondo, altrimenti a lungo termine non sarà economicamente sostenibile per l’offerente. “Ciò potrebbe causare costi aggiuntivi per gli investitori se tutto dovesse essere nuovamente reinvestito, e in quel momento potrebbero anche essere introdotte tasse”, afferma Thomas May.

4. Data di rilascio

Anche l’ETF non dovrebbe essere troppo piccolo. May, sostenitrice dei consumatori, ha affermato: “I piccoli fondi e i giovani sono più a rischio di chiudere nuovamente”. “Se gli ETF esistono da molti anni, questo è un ottimo segno” per gli investitori, spiega Markus Schulz di Unikat Vermögensverwaltung di Mannheim. Gli ETF più vecchi spesso raggiungono automaticamente la dimensione minima richiesta.

Gli investitori possono vedere anche dagli sviluppi degli ultimi anni se l'investimento ha senso oppure no. “Gli ETF in circolazione da tre o cinque anni si confrontano molto bene con altri ETF o fondi attivi”, afferma Schulz. È possibile verificare se l'indice su cui si basa l'ETF ha effettivamente una composizione ragionevole e può resistere alla concorrenza a lungo termine.

5. Status fiscale

Dovresti anche prestare attenzione allo status fiscale dell’ETF. Idealmente, il fondo dovrebbe essere lanciato nell’Unione Europea, che può essere facilmente identificata dalle prime due lettere del numero internazionale di identificazione dei titoli (ISIN). “DE” sta per Germania, “LU” per Lussemburgo e “IE” per Irlanda. “Gli ETF con sede negli Stati Uniti o quelli provenienti dalla Svizzera hanno svantaggi fiscali”, afferma May, difensore dei consumatori. Secondo lui, per gli ETF globali che contengono molte azioni statunitensi, è meglio che il fondo abbia sede in Irlanda. “Di solito c'è una ritenuta alla fonte più bassa”, dice May.

READ  Panoramica di dpa-AFX: Aziende - Le principali notizie del fine settimana