Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Climate Economics Foundation in collaborazione con le principali aziende per la politica green

Climate Economics Foundation in collaborazione con le principali aziende per la politica green

La Germania è un Paese di istituzioni. Nel 2022, il numero ha superato per la prima volta i 25.000, la maggior parte dei quali nei Länder della Germania occidentale. Secondo la banca dati dell'Associazione federale, circa il 90 per cento degli istituti di diritto civile godono di privilegi fiscali. Le fondazioni fiscalmente agevolate perseguono scopi filantropici, filantropici o ecclesiastici. Ciò significa che il numero di istituzioni in questo paese supera il numero delle università in Europa, cioè 5.000 istituzioni, ed è difficile crederlo: il numero di negozi di kebab in Germania, 18.000, non si avvicina nemmeno a quello. Più di 25.000 fondazioni Avvicinamento.

Nelle istituzioni, le imprese familiari si stabilizzano o mantengono i propri beni al sicuro dall’inefficacia. Fin qui tutto molto comprensibile. Ma le istituzioni servono anche agli scopi politici dei partiti. Cerchiamo di essere molto chiari: queste istituzioni “affiliate ai partiti”, come vengono eufemisticamente chiamate, sono sostenute da oltre 600 milioni di euro provenienti dal denaro dei contribuenti. E a meno che non si sia vicini all’AfD, come la Fondazione Desiderius Erasmus con sede a Lubecca, non ci saranno soldi.

Fiducia nello Stato

D'altra parte in Germania si possono trovare anche istituzioni con un background politico, che a prima vista potrebbero non indicare l'esistenza di partiti, ma dopo un secondo sguardo lo indicano sicuramente. Questo sentimento implicito è parzialmente supportato anche dalle aziende, il che è sorprendente quando si tratta di temi come il “clima” o la “grande transizione”.

La Climate Economics Foundation è una di queste istituzioni. Descrive la sua missione come segue: “La neutralità climatica richiede niente di meno che una trasformazione radicale in quasi tutti i settori della società. L’economia gioca un ruolo molto centrale in questo: deve passare dall’essere parte del problema all’essere parte della soluzione. Le sfide che devono affrontare le imprese e l’industria, che devono attuarlo in condizioni di competitività globale, sono enormi. “Per raggiungere gli obiettivi climatici di Parigi è necessaria niente di meno che una rivoluzione industriale, che deve essere attuata a livello globale e con successo in meno di 25 anni”.

READ  Aldi introduce nella sua gamma una Smart TV UHD da 65 pollici: Medion Life X16566

Questo è simile alla piattaforma del Partito Verde. Si parla anche di una “transizione verde” che le aziende devono intraprendere per continuare ad avere successo in Germania. In alcuni casi, la missione della Climate Economy Foundation e le richieste dei Verdi sono quasi identiche nella formulazione. “Solo se il Paese farà la sua parte, e se gli investimenti pubblici e privati ​​saranno allineati per raggiungere un unico obiettivo, l’Europa potrà tenere il passo con le moderne tecnologie del futuro e potrà affermarsi nella competizione con gli Stati Uniti. Uniti e Cina”, si legge nel manifesto elettorale del 2021. “Stiamo lanciando una campagna di investimenti nel periodo di prossima legislatura”.

50 aziende in lotta contro la destra

L'organizzazione è appena iniziata Chiamata Con oltre 50 aziende tedesche, tra cui Deutsche Telekom, dm Pharmacies, Rossmann, Bilfinger SE e molte altre. “Le imprese vedono la transizione verso la neutralità climatica come una chiara opportunità per il successo economico della Germania a lungo termine”, afferma. Ciò che serve qui è la solidarietà tra il governo federale e l’opposizione democratica. Anche la Climate Economics Foundation è certa che “la Nuova Destra minacci la nostra democrazia e la Germania come piazza commerciale”.

Se si guarda al Consiglio, diventa chiaro che la Climate Economy Foundation è un’organizzazione in prima linea per il Partito Verde. Il presidente della fondazione è Sabine Nallinger. Nallinger ha lavorato nel Consiglio comunale di Monaco per l'Alleanza 90/Verdi, dove si è occupata principalmente di questioni energetiche, sviluppo urbano e politica dei trasporti. Nel 2014 si è candidata, senza successo, a sindaco di Monaco. È anche membro del gruppo consultivo di Fraport AG. L'operatore aeroportuale è membro sostenitore della Climate Economy Foundation.

READ  E-SUV sportivo: Polestar arriva con il numero 3
Non è la prima né l'ultima organizzazione Green Apron

Anche il suo vice, Martin Kohl, ha un passato politico. È stato direttore dell'ufficio del comitato esecutivo del gruppo parlamentare dell'Alleanza 90/Verdi alla Camera dei rappresentanti a Berlino prima di diventare consigliere personale del membro del partito dei Verdi al Bundestag, Dr. Era Herman E. Ott. Ott non è più membro del Bundestag, ma ha una carriera simile a quella di Kaul come lobbista verde: secondo Wikipedia, dal 1° settembre 2018 ha fondato a Berlino la sede tedesca dell'organizzazione internazionale di diritto ambientale ClientEarth.

ClientEarth ha stretti contatti con Deutsche Umwelthilfe (DUH), che li ha rappresentati nel contenzioso. Ida Westphal ha lavorato anche come avvocato di lunga data per ClientEarth. Era una “Fellow” della Fondazione Mercator. La fondazione che ha sostenuto l'ex presidente della DUH Rainer Bäck nella creazione del centro di ricerca “Agora”. È stata anche assistente di ricerca presso l'OCO Institute. Anche il clan Graichen è imparentato con questo. Rebecca Pope, responsabile della politica europea e internazionale presso la Fondazione, ha lavorato in precedenza presso l'Istituto di ricerca sull'impatto climatico di Potsdam e presso l'Associazione regionale di Berlino dell'Alleanza 90/Verdi. Daniel Hovesen (responsabile della comunicazione) è stato portavoce di Greenpeace Germania e DUH. Quando l'organizzazione si chiamava ancora Stiftung 2°, era partner dell'Agora Verkehrswende ed è ancora oggi partner dell'Agora Energiewende.

La fondazione ha ricevuto la sua più grande donazione singola nel 2022 dalla European Climate Foundation (ECF), una figura chiave nella rete internazionale di lobby ambientale, di cui hanno beneficiato sia DUH che Agora. Il Fondo europeo ha trasferito circa 200mila euro alla Climate Economy Foundation. Dal Ministero dell'Ambiente a Podnice sono arrivati ​​finanziamenti per un valore di circa 170.000 euro. D'altro canto, gli importi ricevuti dagli sponsor aziendali erano spesso nell'ordine delle cinque cifre. I maggiori contributi sono arrivati ​​naturalmente dalle aziende che fanno parte anche del consiglio di fondazione, come Otto, Schwäbisch Hall, EnBW, Salzgitter AG (tutte 50.000 euro) e Schocco (120.000 euro).

READ  Mini impianto fotovoltaico Solix: Anker offre kit di centrali elettriche da balcone a modulo singolo senza staffe

La Climate Economics Foundation non è stata la prima e non sarà l’ultima organizzazione verde primaria. Oltre a salvare il clima, aziende come queste si impegnano anche a combattere la destra. Non sorprende quindi che le grandi aziende tedesche seguano lo spirito dei tempi e sostengano istituzioni come queste. Resta da chiedersi quanto sarà sostenibile a lungo termine questa politica aziendale se la tendenza sociale si allontana dal green di sinistra.

annuncio