Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Misurare il greenwashing nelle aziende

Misurare il greenwashing nelle aziende

02/04/2024

Quando le aziende si presentano come più rispettose dell’ambiente di quanto non siano in realtà, danneggiano la società. Finora questo greenwashing è stato difficile da quantificare. Ora due economisti del Centro per la resilienza climatica dell’Università di Augusta hanno sviluppato un concetto per un indice di greenwashing.

Ciò consentirebbe di individuare più rapidamente i casi di greenwashing in futuro, hanno scritto in un articolo sulla Review of Administrative Sciences. Il greenwashing avvantaggia le aziende facendo apparire le loro attività più rispettose dell’ambiente di quanto non lo siano in realtà, ma danneggia l’ambiente e la società. Ad oggi mancano standard uniformi per misurare e misurare il greenwashing nelle aziende.

Questo è ciò che ha detto l'economista Professor Dr.. Sebastian Utz dell'Università di Augusta e il Prof. Dr. Gregor Dorfleitner dell'Università di Ratisbona, entrambi membri del Centro per la resilienza climatica dell'Università di Augusta, con il loro quadro concettuale per l'indice di greenwashing. Ciò rivela a colpo d'occhio la posizione dell'azienda in termini di greenwashing.

Solo apparentemente, ma non proprio verde

L'indice sviluppato da Utz e Dorfleitner viene calcolato come la differenza tra la performance ecologica dichiarata e la performance effettiva dell'azienda. A questo scopo vengono utilizzate diverse informazioni sulle attività verdi dell’azienda: da un lato dati difficilmente misurabili in modo chiaro (“soft”) dal campo ambientale, sociale e di governance (ESG), autopresentazioni testuali e altre attività di azione verde visibile.

Ciò include, ad esempio, il rapporto di sostenibilità dell'azienda o la partecipazione ad iniziative di volontariato. D’altro canto, ciò contrasta con i dati ESG quantificabili (“hard”) che misurano le reali azioni green, come il livello di anidride carbonica2-Emissioni. Il punteggio viene sommato a un valore compreso tra 0 e 1: maggiore è il valore, maggiore è la probabilità che si verifichi un greenwashing in quell'azienda, indipendentemente dal fatto che sia intenzionale o meno.

READ  Investimento da 250 milioni di euro: accumulo di batterie su larga scala pianificato per la Sassonia-Anhalt

“Il nostro indice mira a consentire l'identificazione sistematica e su larga scala del greenwashing”, afferma Utz. Il calcolo utilizza dati che possono essere raccolti sistematicamente per molte aziende o, se non disponibili, possono essere stimati utilizzando un fattore di cattiva condotta aziendale.

Il greenwashing non colpisce solo le aziende

“Finora molti casi di greenwashing potrebbero non essere stati scoperti”, spiega Utz, “perché l'indagine sulle accuse a livello aziendale richiede molto tempo”. Un indice di greenwashing renderebbe comparabili le azioni ecologiche intraprese dalle aziende. “Ecco perché è interessante per gli investitori, i regolatori e i consumatori”, afferma il ricercatore. Ad esempio, i rischi derivanti dalle attività di greenwashing possono essere identificati precocemente e inclusi nei processi decisionali.

“Inoltre, l'indice contribuisce a migliorare la protezione dell'ambiente”, afferma il professor Dr. Gregor Dorfleitner. Può anche aiutare a scoprire cosa ha portato al greenwashing in passato, e quindi a prevederlo in futuro, ma anche a registrare i miglioramenti nel tempo.

Entrambi gli scienziati lavorano insieme presso il Centro per la resilienza climatica di Augusta: Utz come membro a pieno titolo e Dorfleitner come membro affiliato. La sua ricerca sul Greenwashing Index è stata finanziata dalla Fondazione Mercator nell’ambito del progetto “Greenwashing Feasibility Study Results”.

»Post originale

fonte: Università di Augusta