Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Campagna elettorale americana: il candidato presidenziale Trump inizia la corsa con un “bagno di sangue”.

Campagna elettorale americana: il candidato presidenziale Trump inizia la corsa con un “bagno di sangue”.

al di fuori Campagna elettorale americana

Il candidato presidenziale Trump inizia la corsa con un “bagno di sangue”.

Trump e Biden sono in competizione tra loro

Il presidente degli Stati Uniti Biden e il suo rivale Trump hanno ottenuto il numero necessario di voti dei delegati per candidarsi nuovamente alla presidenza alle primarie. Secondo le aspettative, Biden e Trump hanno vinto le primarie per i loro partiti negli stati di Georgia, Mississippi e Washington.

Puoi ascoltare i nostri podcast WELT qui

Per visualizzare il contenuto incorporato è necessario ottenere il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché i fornitori del contenuto incorporato richiedono questo consenso come fornitori di servizi terzi. [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l'interruttore su “On”, accetti questo (revocabile in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali a paesi terzi, inclusi gli Stati Uniti, ai sensi dell'articolo 49, paragrafo 1, lettera a) del GDPR. Puoi trovare ulteriori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in ogni momento utilizzando il tasto privacy a fondo pagina.

Donald Trump entrerà nella corsa presidenziale repubblicana. Dietro le quinte, ha consolidato il controllo sul suo partito attraverso un’epurazione senza precedenti, compreso un trattamento preferenziale dei membri della famiglia. I media americani parlano di “bagno di sangue”.

DottDonald Trump non può più accettare la nomina a candidato presidenziale del Partito Repubblicano. Martedì sera ha vinto le primarie in Georgia, Mississippi e Washington. Con la sua rinnovata vittoria, ha superato i 1.215 voti dei delegati necessari per ottenere la maggioranza repubblicana.

ma questo non è tutto. Parallelamente alla sua ormai indiscutibile candidatura, l'ex presidente ha anche portato interamente sotto il suo controllo l'apparato del partito. Solo venerdì scorso il 77enne è stato riconfermato alla guida del Partito repubblicano secondo le sue idee. All'inizio della settimana, la nuova squadra si è messa al lavoro.

Il Comitato Nazionale Repubblicano (RNC), la leadership del Partito Repubblicano, ha rapidamente messo in strada 60 membri dello staff. Secondo l'Associated Press tra le amministrazioni colpite figurano, tra le altre, quelle che dovrebbero aumentare il numero degli elettori repubblicani tra le minoranze come gli afroamericani nei distretti elettorali dominati dai democratici.

Leggi anche

Donald Trump in Florida all'inizio di marzo

Lo storico Angelos Chaniotis

“Il MAGA ha ora preso il controllo completo del Partito Repubblicano”, ha dichiarato la deputata Marjorie Taylor Greene, una delle più famose lealiste di Trump, che promuove il suo slogan “Make America Great Again” (MAGA) sul suo account Twitter.

Non è insolito che democratici e repubblicani ristrutturino le strutture dei loro partiti una volta scelto il candidato per le prossime elezioni presidenziali. Tuttavia, le riduzioni del personale nel “Grand Old Party” (GOP) sono così ampie che i media statunitensi come Politico descrivono i licenziamenti come un “bagno di sangue”.

La nuova presidenza sta subendo “una valutazione dell’organizzazione e del personale per allinearsi alla versione che vincerà le elezioni di novembre”, ha riferito la CNN, citando un’e-mail interna.

La nuora ottiene il lavoro migliore

Nel ristrutturare la leadership del partito, Trump fa affidamento su stretti rapporti non solo con il suo personale team elettorale. Come nel 2016, ai familiari viene nuovamente assegnato un ruolo di primo piano, anche prima delle elezioni presidenziali.

Venerdì scorso, la Convenzione di Primavera del Partito Repubblicano ha eletto vicepresidente la nuora di Trump, Lara Trump. La 41enne è sposata con il figlio di Trump, Eric. “Mio suocero mi ha chiesto di assumere questa posizione. Lotterò ogni minuto per lui, per l'America, per i patrioti e per tutti i candidati America First. Abbiamo bisogno di una macchina mortale e precisa per vincere le elezioni”, ha affermato. ha detto poco prima del voto. Ogni centesimo va in questa lotta.

Alla fine si tratterà di soldi. Il rivale di Trump, Joe Biden, ha appena iniziato una campagna pubblicitaria televisiva di sei settimane per un costo equivalente a 27 milioni di euro. Il democratico ha attualmente raccolto circa 120 milioni di euro per la sua rielezione. Sul conto del suo partito ci sono altri 22 milioni di euro.

Leggi anche

Il presidente americano Joe Biden pronuncia il discorso sullo stato dell'Unione

Le casse del Comitato Nazionale Repubblicano sono solo moderatamente piene rispetto a quelle dei Democratici. Secondo il rapporto contabile, a fine gennaio i repubblicani avevano sul loro conto l'equivalente di 8,2 milioni di euro. La raccolta fondi del partito è lenta, il che è qualcosa che Trump vuole cambiare. Lui stesso ha raccolto circa 28 milioni di euro per la sua campagna elettorale e ora spera di integrarli con i fondi del partito.

Secondo il consigliere di Trump Chris LaCivita, che ora guiderà il lavoro operativo del partito, i licenziamenti mirano a eliminare le strutture doppie e a snellire l’apparato del partito. Intanto La Civita conferma che non verrà speso “un centesimo” per coprire le spese legali di Trump.

Ma la nuora di Trump, Lara, non ha escluso questa opzione nel suo discorso di insediamento. Nel periodo precedente alle nuove elezioni, si è criticato il fatto che l'ex presidente avesse accesso alle casse del partito per difenderlo in diversi procedimenti.

Leggi anche

L’ex presidente Donald Trump vuole tornare al potere

Trump aveva iniziato mesi prima una riorganizzazione del personale e aveva anche nominato uno stretto lealista a capo del Comitato Nazionale Repubblicano. Michael Whatley è stato eletto presidente all'unanimità. Dopo le elezioni del 2020, Whatley faceva parte di un circolo di Trump che distorceva vigorosamente la vittoria elettorale di Biden definendola una frode. L’ex capo del Partito repubblicano della Carolina del Nord ha anche accusato i democratici di manipolare regolarmente le elezioni.

Ma Ronna McDaniel, il predecessore di Whatley, ha sconvolto Trump. Sebbene una volta l'abbia selezionata personalmente per la posizione, l'ha pubblicamente incolpata per aver perso le elezioni nel 2020 e nel 2022. McDaniel si è dimesso dalla presidenza alla fine di febbraio.

L'ultimo rivale di Trump nella battaglia per la nomination ha criticato aspramente le sue manovre al Comitato nazionale repubblicano. Nikki Haley, che si è ritirata dalla corsa la settimana scorsa, ha detto che l'ex presidente stava trasformando la leadership del partito in un “campo di gioco per Donald Trump”. “La massiccia presa di potere da parte di Trump dimostra che la leadership del partito è già stata decisa prima delle primarie”.

READ  Guerra di Gaza: immagini false esplosive – create utilizzando l'intelligenza artificiale | Politica