Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Attacco ai gasdotti Nord Stream: la Svezia fornisce nuovi dettagli

Attacco ai gasdotti Nord Stream: la Svezia fornisce nuovi dettagli

  • daNeill Acquione

    Vicino

La Svezia ha indagato per mesi sulle esplosioni del Nord Stream. Ora il pubblico ministero vuole ottenere informazioni importanti.

STOCCOLMA – Sono passati sei mesi da quando diversi gasdotti Nord Stream sono stati fatti saltare in aria vicino all’isola danese di Bornholm, nel Mar Baltico. Ma nonostante le varie indagini e le numerose speculazioni, non è ancora chiaro chi ci fosse dietro l’attacco. Mentre le tracce di un presunto gruppo filo-ucraino hanno recentemente indicato denunce, Vladimir Putin ha accusato pubblicamente gli Stati Uniti in passato.

Ora l’ufficio del pubblico ministero svedese ha affermato che una “agenzia statale” è molto probabilmente responsabile degli attentati. Ma hanno anche notato che l’identità dell’autore rimane poco chiara. “Non escludiamo che attori non statali possano farlo”, ha detto il procuratore Mats Ljungqvist all’agenzia di stampa svedese. TT. “Ma poi abbiamo a che fare con pochissime aziende o gruppi. In ogni circostanza, la nostra risorsa più importante è che dietro c’è lo Stato”.

Svezia: le indagini sulle esplosioni del Nord Stream rimangono impegnative

Ljungqvist ha sottolineato che il caso è molto complesso e quindi le indagini richiedono molto tempo. Il pubblico ministero non ha detto quando si concluderà l’inchiesta svedese. Il pubblico ministero ha detto che le esplosioni del “delitto” sono avvenute “a 80 metri sotto il livello del mare sul fondale”.

Autorità e investigatori in Danimarca, Svezia e altri paesi hanno sospettato fin dall’inizio che gli attentati del settembre 2022 fossero attacchi deliberati. L’anno scorso, è stato riferito dalla Svezia che sono state trovate tracce di esplosivo in molti dei “corpi estranei” che sono stati trovati. Gli oleodotti non erano operativi in ​​quel momento a causa dei disaccordi tra la Russia e l’Unione Europea sulla guerra in Ucraina.

READ  Ponomaryov, un critico di Putin, vuole impadronirsi militarmente del Cremlino

Gli Stati Uniti e alcuni dei loro alleati hanno spesso criticato i gasdotti in passato, avvertendo che rappresentano un rischio per la sicurezza energetica dell’Europa: paesi come la Germania si renderanno dipendenti dalla Russia, si è detto per anni. (nasco)