Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Ursula von der Leyen deve passare attraverso l’uscita per i passeggeri regolari in Cina

Ursula von der Leyen deve passare attraverso l’uscita per i passeggeri regolari in Cina

Durante le visite di Emmanuel Macron e Ursula von der Leyen, il governo di Pechino ha trattato con freddezza il capo della Commissione dell’Unione Europea.

Non una grande stazione ferroviaria a Pechino: Ursula von der Leyen esce da una conferenza stampa alla Delegazione dell’Unione Europea. Francia Agenzia di stampa

Le visite a Pechino del presidente francese Emmanuel Macron e della presidente della Commissione Ue Ursula von der Leyen hanno seguito protocolli contrastanti. ANALISI POLITICA: “Questa settimana Macron ha ricevuto rituali da tappeto rosso a Pechino, celebrato in un banchetto di stato e salutato con parate militari e colpi di cannone in piazza Tiananmen. Quando l’aereo di Macron è atterrato, è stato salutato personalmente dal ministro degli Esteri cinese. Quando la Commissione UE La presidente Ursula von der Arrived Line, il ministro dell’Ambiente l’ha scortata – alla consueta uscita passeggeri.

La coreografia è stata particolarmente evidente il giovedì prima dell’incontro nella Sala Grande del Popolo: il presidente cinese Xi Jinping ha percorso tutti i gradini per accogliere personalmente Macron. Quando von der Leyen arrivò più tardi, dovette salire le scale da sola. Anche la stampa di stato cinese ha mostrato un chiaro pregiudizio a favore di Macron. Ci sono stati molti rapporti e analisi sui colloqui e sulle relazioni sino-francesi. La presenza di Leyens in poche frasi lontane è stata trattata educatamente. Le apparizioni alla stampa sono state molto diverse: Macron e Xi sono apparsi insieme davanti alla stampa, a cui non era permesso fare domande. Von der Leyen ha ricevuto i media da sola presso la filiale dell’Unione Europea a Pechino, dove sono state accettate le domande. Ma le risposte sono state riportate solo dai media occidentali.

Macron ha fatto un piccolo passo falso diplomatico durante le sue apparizioni alla stampa: ha parlato il doppio di Xi e si è rivolto a lui direttamente, un “falso errore” che ha fatto infuriare i cinesi, ma che alla lunga non dovrebbe farli arrabbiare. Perché la Cina vuole trattare con la Francia e sviluppare scambi culturali e scientifici. Ciò è stato evidente durante la visita di Macron a Guangzhou. Macron tenne un discorso storico, come riportato dal South China Morning Post (SCMP): Quando la nave francese Amphitrite lasciò il porto di La Rochelle e arrivò a Canton — l’odierna Guangzhou — nel 1698, a bordo non c’erano né soldati né mercanti, ma matematici, ha detto Macron a studenti e studiosi della Sun Yat-sen University. Macron ha detto che il viaggio è stato “un po’ una metafora” per il momento. Lavorando insieme nel campo della scienza e della conoscenza, ha affermato, “l’amicizia può essere coltivata”. Ha discusso con gli studenti e li ha invitati a mantenere le critiche, e le domande degli studenti sono state poste in francese. Pechino ha cercato di mostrare lo stretto rapporto personale tra i due politici. Il rapporto SCMP afferma: “La rara uscita di Xi con un leader straniero fuori dalla capitale, Pechino, si è svolta presso il Songyuan Hotel, un lussuoso e tradizionale luogo in stile giardino cinese tipicamente utilizzato dai leader provinciali per ricevere i leader statali e di partito di alto rango. In 2018, Xi e il primo ministro indiano Narendra hanno tenuto un Modi peaks in un lago nel centro di Wuhan”.

Durante l’incontro sono stati ostentatamente firmati alcuni contratti con le aziende. Macron aveva portato con sé una delegazione di direttori di alto livello, ed è stato ben accolto a Pechino. Questi accordi sono importanti per Macron perché è sotto un’enorme pressione a causa dei disordini sociali in Francia. D’altra parte, nella guerra in Ucraina, la Cina non voleva che Macron la spingesse in nessuna direzione. Il francese ha detto in precedenza che avrebbe cercato di convincere Pechino a esercitare maggiori pressioni su Mosca. Ma Xi ha lanciato un appello molto generico alla moderazione a tutti i soggetti coinvolti. In precedenza, Xi von der Leyen aveva affermato che le relazioni tra Ue e Cina non dovrebbero essere dettate da “terze parti”. Nel contesto dell’escalation del conflitto geopolitico, il leitmotiv cinese da tempo mette in guardia il mondo intero a non diventare troppo dipendente dagli Stati Uniti. Anche il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha preso la stessa linea venerdì durante una visita in Turchia. Lavrov ha affermato che i colloqui di pace per risolvere la guerra in Ucraina sono possibili solo come parte di un “nuovo ordine mondiale” senza l'”egemonia” degli Stati Uniti.

READ  Gli assassini costringono una donna (21) a scavarsi la fossa!

In ogni caso, la lotta per l’attuale “ordine mondiale” è accompagnata da un crescente clamore militare: dopo l’incontro tra il presidente taiwanese Tsai Ing-wen e il presidente della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti, Kevin McCarthy, la Cina ha tre navi da guerra per il secondo giorno consecutivo, secondo le informazioni di Taipei pubblicate vicino a Taiwan. Il segretario di Stato Antony Blinken ha avvertito Pechino che un’invasione di Taiwan potrebbe portare a una crisi economica globale.