Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Alleanza Militare: la NATO celebra il suo 75° anniversario

Alleanza Militare: la NATO celebra il suo 75° anniversario

Giovedì la NATO celebra il suo 75° anniversario in una riunione a Bruxelles. Il Segretario Generale della NATO vuole farlo Jens Stoltenberg Tenendo un discorso sulla storia e il futuro dell'alleanza militare. Prima di ciò, è prevista una cerimonia di deposizione di corone per commemorare i soldati della NATO uccisi in guerre e conflitti.

Nella successiva cerimonia presso la sede della NATO, Stoltenberg ed i ministri degli Esteri dei 32 stati membri vogliono sottolineare la solidarietà dell'Alleanza di fronte alle nuove sfide. Dovrebbero essere celebrati anche i processi e gli sviluppi passati che sono visti come successi. Lo scopo effettivo dell'incontro è quello di preparare il prossimo vertice della NATO a Washington, D.C., all'inizio di luglio

Dopo le celebrazioni sono previste sessioni di lavoro con i rappresentanti dei paesi partner dell'Indo-Pacifico Australia, Giappone, Nuova Zelanda e Corea del Sud, nonché con il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba. Verrà affrontata anche la questione di come rendere più efficace il sostegno all’Ucraina. Secondo i diplomatici, il segretario generale Stoltenberg ha avanzato diverse proposte, tra cui una controversa missione di formazione e coordinamento. NATO Per l'Ucraina.

Baerbock descrive la NATO come “un’ancora di sicurezza centrale” contro Putin

L'anniversario non è dovuto solo alla guerra aggressiva della Russia contro l'Ucraina nel contesto delle crescenti sfide che la NATO e i suoi Stati membri devono affrontare. Il ministro degli Esteri Annalena Baerbock (Verdi) ha sottolineato l'importanza centrale dell'alleanza. “Abbiamo sempre creduto che possiamo vivere insieme in pace nel nostro continente europeo”, ha detto a Deutschlandfunk.

READ  Corridoio Corona per i lavoratori: dopo il decreto gli italiani spingono per le vaccinazioni

Ha aggiunto: “Ora che il presidente russo ha interrotto tutta questa coesistenza pacifica attaccando l'Ucraina e con essa il sistema di pace europeo, la nostra massima responsabilità è ovviamente quella di proteggere l'Europa, proteggere il nostro Paese e proteggere le persone nel nostro Paese. ” Proteggiamo il continente nel miglior modo possibile.” Ecco perché la NATO è “la nostra ancora centrale di sicurezza”.

Alla luce della posizione aggressiva assunta dal regime russo sotto la presidenza di Vladimir Putin, Bierbock e i suoi omologhi francesi e polacchi, Stefan Sigourny e Radosław Sikorski, hanno chiesto maggiori armamenti in Europa.

Trump preoccupa anche la Nato

Ci sono preoccupazioni anche all'interno della NATO riguardo alle elezioni presidenziali americane del prossimo novembre. Molti stati membri della NATO temono che gli Stati Uniti si ritireranno dai loro impegni nei confronti dell’alleanza alla luce del potenziale vincitore delle elezioni Donald Trump. Trump ha ripetutamente minacciato di farlo.

Alla fine di quest'anno verranno rieletti anche i più importanti collaboratori dell'alleanza: l'attuale segretario generale della NATO Stoltenberg vuole finalmente dimettersi in ottobre dopo dieci anni in carica. L'olandese Mark Rutte è considerato il candidato più promettente per succedergli e alle elezioni avrà bisogno del sostegno di tutti i membri della NATO. Tuttavia, l’Ungheria ha già annunciato che non sosterrà Rutte.

READ  Nessuna approvazione in Brasile: virus sani trovati in Sputnik V.

Resti della Guerra Fredda

Durante la cerimonia, la versione originale della NATO sarà esposta per la prima volta presso la sede di Bruxelles. È il documento fondativo della NATO. Gli Stati Uniti e altri undici paesi firmarono l'accordo a Washington il 4 aprile 1949. La Repubblica Federale Tedesca si unì alla coalizione solo nel 1955 come perdente nella guerra.

La NATO è stata fondata nel contesto dell’inizio della Guerra Fredda. Nel 1950 seguì il Patto di Varsavia, l’equivalente dell’Unione Sovietica e dei suoi alleati, che fu sciolto nel 1991. Dopo la fine della Guerra Fredda, la NATO fu coinvolta in diverse guerre, tra cui Afghanistan e Kosovo.