Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Airbnb – L'Italia vuole 790 milioni di euro, accusa: evasione fiscale – Economia

Airbnb – L'Italia vuole 790 milioni di euro, accusa: evasione fiscale – Economia

Dai 46€ per una notte da Giuseppe a Carpineto Sinello ai 993€ per Villa Floriana a Collazzone: se vuoi pernottare in Italia, su Airbnb hai l'imbarazzo della scelta. Ci sono più di 1.000 spettacoli a notte solo da questo martedì a domani mercoledì. La situazione potrebbe cambiare presto. Come si è appreso lunedì, la Procura di Milano vuole confiscare esattamente 779.453.912 euro alla piattaforma di affitti Airbnb. Logica della Guardia di Finanza: Airbnb ha commesso un'evasione fiscale. La società non ha pagato l'imposta sui canoni di locazione incassati, che ammontano a circa 3,7 miliardi di euro. L’importo si riferisce agli anni dal 2017 al 2021. Secondo la legge entrata in vigore nel 2017, la società era obbligata a trattenere il 21% degli onorari e a versarli allo Stato, secondo la Procura italiana. Airbnb ha intentato una causa contro la legge italiana, ma ha perso davanti alla Corte di Giustizia Europea nel dicembre 2022.

È possibile che l’Italia voglia dare l’esempio. Oltre alla normativa emanata nel 2017, quest'anno in Italia si è aggiunta una nuova legge secondo la quale gli appartamenti per vacanze, soprattutto nelle principali città di Milano e Roma, non possono essere affittati per una sola notte. Il governo Meloni ha anche annunciato di voler aumentare l'imposta dal 21 al 26 per cento.

Trattare con i fornitori di case vacanze è un grosso problema nella popolare destinazione turistica, soprattutto da quando le restrizioni di viaggio legate alla pandemia sono state revocate. L’Italia è uno dei paesi con il maggior numero di alloggi offerti sulla piattaforma. Molti italiani affittano stanze o appartamenti liberi per guadagnare qualche soldo in più in tempi di alto costo della vita – un'alternativa in cui molte persone hanno sempre utilizzato Airbnb, ha detto a SZ il fondatore Nathan Blecharczyk in un'intervista a settembre. Inoltre, i fornitori di servizi commerciali hanno scoperto l'attività da soli. Molte offerte contengono una nota “Proprietario dell'attività”. Ma non solo l'uso di Airbnb è molto diffuso in Italia, anche fornitori di servizi come ifflat aiutano le persone con gli affitti e sulla piattaforma littleo Direkt vengono pubblicizzati più di 3.000 alloggi.

READ  Re Carlo apre una pizzeria: 15 euro per una margherita reale – ed ecco che sapore! | divertimento

Il problema che l’Italia sta combattendo è presente in molte grandi città: poiché molti appartamenti vengono utilizzati a fini commerciali, gli affitti aumentano e i residenti non possono più permetterseli. Per questo motivo in molte città esistono già norme severe su quanto e per quanto tempo si può affittare un immobile, ma anche su quanto devono pagare i proprietari. A Monaco sono consentite otto settimane all'anno, a Parigi il periodo massimo per affittare un appartamento è di 120 giorni all'anno e un'unità separata dell'amministrazione comunale cerca gli affitti illegali. A Londra una stanza o un appartamento possono essere pubblicati su Airbnb per un massimo di 90 giorni, mentre ad Amsterdam solo per 30 giorni. A New York, da settembre di quest’anno è in vigore la legge locale 18 per gli affitti inferiori a 30 giorni, che negli ambienti industriali viene vista come un “divieto di fatto” su Airbnb. Tra l'altro gli host devono registrarsi, non possono affittare a più di due ospiti alla volta e l'host deve essere fisicamente presente all'inizio dell'affitto.

Airbnb è stata costretta a consegnare i dati dei proprietari agli uffici fiscali tedeschi

Le autorità italiane non sono le uniche ad aver intrapreso azioni contro la società di noleggio in relazione alla normativa fiscale. In Germania, migliaia di proprietari di immobili Airbnb saranno in futuro perseguiti per non aver pagato le tasse. Soprattutto nella città anseatica di Amburgo, da circa tre anni si osserva più da vicino. L'ufficio delle imposte della città, insieme ad altri uffici delle imposte in tutto il paese, aveva già ordinato ad Airbnb di pubblicare i dati dei proprietari nel 2020. I dati di circa 8.000 proprietari hanno fruttato quattro milioni di euro di entrate fiscali. Secondo quanto riferito, quest’estate sono stati nuovamente interrogati 56.000 set di dati.

READ  Concerto della Berlinale a Berlino Borchardt: magia, oro e tanto amore | divertimento

Nonostante questi sviluppi nel corso degli anni, Airbnb è rimasta scioccata: “Siamo sorpresi e delusi dall’azione annunciata”, ha detto lunedì il direttore di Airbnb Christopher Nolte. “Siamo soddisfatti di aver agito nel pieno rispetto della legge”.