Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Accordo sugli ostaggi: il leader di Hamas della Striscia di Gaza pone queste tre condizioni per Israele

Accordo sugli ostaggi: il leader di Hamas della Striscia di Gaza pone queste tre condizioni per Israele

DottSecondo quanto riportato dai media, il leader del movimento islamico Hamas nella Striscia di Gaza, Juhia Sinwar, avrebbe ancora tre richieste nell’attuale offerta negoziale per la vendita degli ostaggi.

Una fonte vicina al leader di Hamas ha dichiarato giovedì sera al canale televisivo israeliano Channel 12 che egli continua a chiedere la garanzia della fine della guerra. Finora Israele lo ha rifiutato. Intanto il governo americano accusa gli estremisti islamici di intercettare gli aiuti umanitari.

Pertanto, le altre richieste del leader di Hamas devono riguardare lo scambio di prigionieri palestinesi con ostaggi israeliani. Sinwar ha anche redatto una richiesta per maggiori dettagli sui materiali della ricostruzione.

“Come un giornale”I tempi di IsraeleGiovedì sera alcuni rapporti affermano che la leadership israeliana ritiene che Hamas rifiuterà l’accordo previsto. Il giornale ha citato come fonte un funzionario governativo. Il rapporto affermava inoltre che il gabinetto di guerra israeliano si era precedentemente riunito presso il quartier generale dell’esercito a Tel Aviv. Lì hanno discusso della possibilità di avviare il controverso attacco di terra a Rafah, a sud della Striscia di Gaza.

Le famiglie degli ostaggi e i loro sostenitori manifestano davanti al Ministero della Difesa

Fonte: Agenzia di stampa tedesca/Ilya Yefimovich

Nel frattempo, secondo il giornale, decine di familiari degli ostaggi israeliani e i loro sostenitori hanno manifestato all’estero, chiedendo che il primo ministro Benjamin Netanyahu accetti un accordo che garantisca il rilascio degli ostaggi a Gaza, qualunque sia il costo.

Leggi anche

Il presidente israeliano Isaac Herzog (a destra) in conversazione con Paul Runzheimer

Il raggiungimento di un accordo dipende ora dall’analisi del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu e di Sinwar, il cui futuro è in gioco in questa guerra, e i cui calcoli lasciano poco spazio al compromesso.giornale di Wall StreetLa sopravvivenza politica di Netanyahu dipende dai suoi partner di coalizione di estrema destra. Recentemente hanno minacciato di porre fine al governo se l’accordo sugli ostaggi proposto dai mediatori al Cairo fosse stato attuato e l’operazione a Rafah fosse stata annullata.

READ  Bild in arrivo nella capitale dopo la notte dei razzi - come stai, Tel Aviv? Politica all'estero

D’altra parte, Al-Sanwar ritiene di non dover concludere un accordo, secondo quanto riportato dal giornale, citando un esperto. Secondo i mediatori arabi, il leader di Hamas ritiene di aver già vinto la guerra, indipendentemente dal fatto che sopravvivrà o meno. Perché ha portato la sofferenza dei palestinesi e il conflitto con Israele al centro dell’attenzione globale.

Le richieste di Hamas in sintesi

Secondo la fonte di Channel 12, Sinwar esige che Israele si impegni per iscritto alla “cessazione incondizionata dei combattimenti” e quindi alla garanzia della fine della guerra. Finora Israele lo ha rifiutato.

Secondo la radio, il leader di Hamas ha anche invitato Israele a non impedire il ritorno dei prigionieri palestinesi in Cisgiordania. Secondo l’ultima bozza di accordo, Israele vuole mandare coloro che scontano l’ergastolo nella Striscia di Gaza o all’estero. È previsto il rilascio dei prigionieri palestinesi dalle carceri israeliane in cambio del rilascio degli ostaggi rapiti da Israele nella Striscia di Gaza.

Il leader di Hamas nella Striscia di Gaza vuole anche dettagli sui materiali che Israele non vuole consegnare nella zona costiera per la ricostruzione. La Israel Broadcasting Corporation ipotizza che Sinwar voglia garantire che Hamas sia in grado di ricostruire i suoi tunnel e altre infrastrutture militari.

Leggi anche

Alan Finkielkraut (74)

Secondo il rapporto, in Israele c’è la sensazione che Hamas non darà una chiara risposta negativa alla proposta a causa delle pressioni internazionali. I mediatori egiziani stanno attualmente cercando, con il sostegno americano, di superare le divergenze.

Il movimento estremista islamico Hamas aveva annunciato in precedenza che avrebbe inviato un’altra delegazione in Egitto per completare i negoziati indiretti in corso con Israele per un accordo sulla liberazione degli ostaggi e sul cessate il fuoco. Secondo il canale statale Cairo News Channel, una delegazione di Hamas dovrebbe arrivare al Cairo entro i prossimi due giorni per proseguire i negoziati.

READ  Stati Uniti d'America: tre uomini di origine palestinese sono stati uccisi a colpi di arma da fuoco

Giovedì è stato inoltre annunciato che Hamas ha intercettato per la prima volta su larga scala forniture di aiuti destinati alla Striscia di Gaza. Matthew Miller, portavoce del Dipartimento di Stato americano a Washington, ha detto che si trattava di un carico giordano portato nella regione costiera attraverso il valico di frontiera di Erez appena aperto.

“Gli aiuti sono stati poi raccolti da un’organizzazione umanitaria per essere distribuiti a Gaza, e gli aiuti sono stati intercettati e reindirizzati da Hamas sul campo a Gaza”, ha detto Miller. Secondo la sua comprensione, la merce è stata ora rilasciata e restituita all’organizzazione umanitaria. “Ma ciò non cambia il fatto che si tratta di un atto inaccettabile”.

La situazione nella Striscia di Gaza

La situazione nella Striscia di Gaza

Fonte: OpenStreetMap; Il mondo delle infografiche

Miller ha detto che questo è stato il primo caso importante di diversione degli aiuti da parte di Hamas. Ha avvertito il gruppo che tali azioni metterebbero generalmente a repentaglio la consegna degli aiuti alla popolazione civile palestinese a Gaza, e ha chiesto che ciò non accada di nuovo.

La situazione umanitaria nella Striscia di Gaza chiusa è catastrofica. Le persone dipendono urgentemente dalla consegna di cibo e medicine. A seguito della pressione internazionale, soprattutto da parte degli Stati Uniti d’America, mercoledì Israele ha aperto il valico di frontiera di Erez nel nord della Striscia di Gaza.