Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Violazione del copyright: Sony ottiene un'ingiunzione contro i resolver DNS

Violazione del copyright: Sony ottiene un’ingiunzione contro i resolver DNS

L’operatore di risolutori DNS aperti Quad9, recentemente immigrato dagli Stati Uniti in Svizzera per motivi di protezione dei dati, ha identificato cacciatori di diritti d’autore in Europa. Sony e lo studio legale di Amburgo Rasch hanno ottenuto un’ingiunzione contro New Swiss presso il tribunale regionale di Amburgo. Se sono minacciati con € 250.000 o in custodia, sono obbligati a bloccare l’accesso a un dominio che rende disponibili gli album dell’etichetta musicale tramite il partecipante.

Si presume che Quad9 sia un cosiddetto annidato perché la base consente di risolvere i domini corrispondenti tramite il suo servizio di risoluzione DNS pubblico, che è disponibile gratuitamente.

Il tribunale distrettuale di Amburgo ha rilevato che Quad9 non era coperto dai consueti privilegi di responsabilità di intermediari come un ISP o persino un registrar di domini. Lo studio legale Rasch ha anche ottenuto una sentenza contro il concorrente di Quad9 Cloudflare lo scorso anno. Tuttavia, era per i client CDN di Cloudflare. Come risolutore DNS pubblico, Quad9 stesso non ha client.

Vale la pena notare l’ammissione della corte che non importa che Quad9 sia solo uno dei tanti operatori di resolver DNS. Dopotutto, se gli utenti rimangono con Quad9 come risolutore DNS, le pagine pertinenti non saranno accessibili a causa dell’ingiunzione. La quota di mercato degli analizzatori di Quad9 è di circa l’uno per cento. L’organizzazione si è recentemente trasferita in Svizzera, per posizionarsi effettivamente come un’alternativa rispettosa della privacy al miglior cane nel mercato DNS, Google DNS.

Google attira la maggior parte delle query DNS che non vengono elaborate dall’ISP degli utenti. Secondo le misurazioni più recenti, il 14% delle normali query DNS e un altro 15% delle query inizialmente non riuscite passano attraverso la California. In futuro, le indagini sui trasgressori del copyright presi di mira da Sony potrebbero finire qui.

READ  Mappa interattiva: dove si vince molto in Germania - e poco

Bill Woodcock – presidente di Quad9 – ha annunciato che la fondazione si difenderà dall’ingiunzione. Non accetta l’argomento secondo cui Quad9 fornisce anche un servizio di filtraggio per malware e phishing, ovvero filtra. Questi filtri sono stati utilizzati per proteggere gli utenti dagli attacchi e costano parecchio.

Il capo dell’istituzione si lamenta anche della natura della procedura. Secondo l’ordinanza del tribunale, Quad9 ha avuto solo poche ore per rispondere alla “lettera” dell’avvocato di Sony. Inviato il 26 marzo 2021, con scadenza 26 marzo 2021 alle 16:00.

Il team di Sony non si è impegnato molto nel co-autore e nei due autori della violazione dei diritti presi di mira da Sony. Hanno scritto loro e, nel caso del proprietario del dominio, non hanno ricevuto risposta nemmeno dopo due giorni. Il fornitore di servizi ProMedia, incaricato dallo studio legale Rasch, ha inviato richieste di cancellazione al poster l’11 marzo 2021 e il 18 marzo 2021 e il 23 marzo ha inviato una “lettera all’amministratore” per i domini interessati utilizzando un modulo con scadenza 24 marzo. si sedette. Sfortunatamente, non c’è stata risposta, solo una manciata di aziende situate in Lituania e Ucraina che, secondo la ricerca, sono state rubate dal database RIPE.

In fin dei conti, il giudice dovrà riesaminare se il requisito di subordinazione richiesto nelle precedenti pronunce sia stato effettivamente soddisfatto.

Thomas Rickert, un avvocato del German Internet Industry Environmental Consortium, considera discutibile l’uso dell’operatore dell’unità di soluzione: “Non riesco a immaginare un provider più lontano dalla responsabilità per eventuali domini illegali rispetto all’operatore dell’unità di soluzione generica”, ha dice. Teme che se la decisione di Amburgo sarà effettivamente adottata, gli ISP in particolare dovranno aspettarsi più posta dagli avvocati in futuro.

READ  USA: la compagnia rivela zanzare geneticamente modificate - i residenti sono allarmati


(IMC)

alla home page