Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Migranti dal Senegal: “Niente funziona in questo Paese”

Migranti dal Senegal: “Niente funziona in questo Paese”

Al: 12 maggio 2024 alle 14:31

Il numero di persone provenienti dall’Africa occidentale dirette in Europa è aumentato in modo significativo. Non solo vogliono sfuggire alla povertà, ma vogliono anche sentire la mancanza di prospettive.

Scritto da Kay Costner, Ard Rabat

Sheikh Ndaw, 24 anni, vuole solo andarsene. Nonostante il giovane meccanico abbia un lavoro, nulla può fermarlo in Senegal: “Ho il mio lavoro, lavoro tutti i giorni, ma non funziona niente”. “Niente funziona in questo paese.” Il suo obiettivo dichiarato è l’Europa. E sa già come arrivarci: in barca. Dal punto di vista del giovane senegalese non c’è altra via d’uscita: “L’unica opzione è andarci illegalmente perché non posso permettermi il mezzo legale, l’aereo”.

Ciò rende il giovane un caso molto tipico per la sua generazione. Almeno questo è ciò che vede il professor Ali Tandian, ricercatore sull’immigrazione dell’Università Gaston Berger di Saint Louis, nel nord del Senegal. È ingenuo pensare che la maggior parte delle persone lasci il proprio Paese in cerca di lavoro, afferma Tandiyan.

La povertà non è affatto l’unica ragione

È più complicato, e le ragioni sono più complesse: “La ricerca ci mostra che coloro che migrano non sono così poveri come si pensa”, spiega Tandiyan. “Sono persone che lavorano. Ma lavorano per gli altri affinché i profitti non ritornino a loro, oppure sono persone costrette a fare più lavori”.

Tandiyan parla dei cosiddetti “lavoratori poveri”. In effetti, le statistiche indicano che i più poveri tra i poveri dell’Africa non hanno la forza o i mezzi per intraprendere un viaggio lungo, spesso pericoloso per la vita, e tanto meno pagare i trafficanti.

READ  Papa Francesco sta bene dopo l'intervento all'intestino

Quindi sono le persone con le risorse meno limitate che vanno avanti. I dati mostrano anche che il numero di migranti che lasciano le loro case in Africa è molte volte superiore al numero che si dirige verso l’Europa a bordo, spesso di piccole barche da pesca di legno.

Il numero degli immigrati sta aumentando rapidamente

Tuttavia, nei primi tre mesi di quest’anno, attraverso la cosiddetta rotta del Nord Atlantico, sono arrivate alle Isole Canarie 13.000 persone, cinque volte il numero di persone dell’anno precedente. Molti di loro provengono dal Senegal.

La maggior parte è spinta dalla disperazione o dal sogno in testa di un futuro migliore, afferma l’esperto di migrazione Tandiyan. “Con tutte le illusioni, l’eroismo dell’immigrazione e l’esaltazione del viaggio per gli immigrati, la gente pensa che sia possibile orientarsi una volta che se ne sono andati.”

Quando Tandean parla di “deliri” e “glorificazione”, si riferisce a un fenomeno dei social media che da anni dà grattacapi agli europei: giovani immigrati e influencer in Nord Africa si sono ripetutamente ripresi in foto e video di TikTok, sorridendo e sorridendo completamente. . Nei loro pericolosi viaggi su piccole imbarcazioni attraverso il Mediterraneo.

Sono rimasti rilassati davanti alle fotocamere dei loro smartphone e si sono comportati come se fosse un viaggio innocuo e divertente con un futuro glorioso in attesa oltre l’orizzonte. E non di un volo che uccide migliaia di persone ogni anno.

Molti film apparsi anni fa ora sono stati cancellati. Ma questo non risolve il problema. Anche nell’Africa occidentale questi post, spesso condivisi centinaia di migliaia di volte, possono ancora tormentare le menti di molti giovani.

READ  Israel News: ++ Roccaforti di Hamas all'orizzonte - Israele espande la sua offensiva di terra a Gaza ++

Il nuovo governo cambierà qualcosa?

Per quanto riguarda i giovani senegalesi, gli aspiranti al potere sono saliti al potere all’inizio di aprile: “Dico spesso ai giovani: la soluzione non è andare in barca”. Con queste parole si è rivolto nel 2019 il politico Ousmane Sonko ai suoi giovani connazionali. Sonko è molto rispettato, soprattutto tra i giovani senegalesi, ed è stato primo ministro per alcune settimane dopo che il suo collega di partito Diomai Fay ha vinto con una valanga di voti le elezioni presidenziali.

Ora hai l’opportunità di fare la differenza. I compiti principali che si prefiggono sono: creazione di posti di lavoro; Migliorare le condizioni dei residenti rurali e dei pescatori; Frenare l’inflazione.

“L’immigrazione non è ancora nell’agenda dei nostri politici”, critica Tandiyan. Il neoeletto governo del Senegal, celebrato da molti giovani, ora ha l’opportunità di cambiare la situazione. La grande domanda è se lo farà.

Sheikh Ndaw, 24 anni, non vuole aspettare una risposta. È pronto a rischiare la vita e a lasciare il Senegal in barca verso l’Europa.

Kai Kostner, Rabat Land, Tagesschau, 17 aprile 2024, 20:01