Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Una grande società immobiliare tedesca va in bancarotta: una svolta nel settore edile

Una grande società immobiliare tedesca va in bancarotta: una svolta nel settore edile

  1. Home page
  2. un lavoro

Insiste

Nuovi appartamenti sono in costruzione vicino alla foresta cittadina. © Rolf Wenenbernd/DPA

La crisi dell’edilizia sta lasciando impatti più profondi che mai. Sempre più aziende hanno difficoltà a restare a galla a causa della recessione nel settore edile. E ora questo accade a un gruppo immobiliare di Wiesbaden.

WIESBADEN – La prossima grande insolvenza provoca un terremoto nel settore edile: il giovedì prima di Pasqua il gruppo immobiliare Deutsche Invest Immobilien AG (Dii) ha dichiarato fallimento. “Sfortunatamente, la nostra capacità di sopravvivere per superare l'attuale riluttanza di investitori e acquirenti è stata esaurita”, ha affermato il CEO Frank Vojtalewicz.M HandelspA. Oltre all'insolvenza della società madre, verranno presentate domande di insolvenza anche per alcune società controllate.

Il gruppo immobiliare gestisce principalmente progetti di edilizia residenziale. Secondo le proprie informazioni, l'azienda gestisce un portafoglio immobiliare del valore di quattro miliardi di euro in 50 località diverse. L'azienda impiega 280 persone, la maggior parte delle quali lavora presso la sede centrale dell'azienda a Wiesbaden. Il tribunale competente non dovrebbe pronunciarsi sulla richiesta di insolvenza e nominare un amministratore prima di Pasqua.

I massicci fallimenti nel settore edile fanno parte della crisi dell’edilizia

Il gruppo immobiliare è uno dei tanti enormi fallimenti nel settore edile e immobiliare, che è caduto in una profonda crisi, soprattutto negli ultimi due anni. Il fallimento del gruppo immobiliare austriaco Signa ha suscitato scalpore nel novembre 2023, ma anche i promotori di progetti più piccoli sono stati costretti a capitolare a causa dell’aumento dei tassi di interesse, della cauta attività degli investitori e dell’aumento dei prezzi di costruzione.

Al netto dell'inflazione, i nuovi ordini nel settore edile a gennaio sono stati del 7,4% inferiori rispetto a dicembre, ha annunciato lunedì (25 marzo) l'Ufficio federale di statistica. Anche le vendite sono diminuite in modo significativo: in termini reali sono diminuite del 5,3% rispetto a gennaio 2023. La situazione è particolarmente drammatica nel settore dell'edilizia residenziale, dove l'attività edilizia è diminuita del 17,8%. Tim Oliver Müller, amministratore delegato della principale associazione dell'industria edile tedesca (HDB), ha parlato della “situazione catastrofica nel settore dell'edilizia abitativa”.

READ  Sempre più aziende interrompono la produzione, dall'acciaio al pane

Purtroppo non si prevede una ripresa del settore edile nell’immediato futuro. Nel mese di marzo l'umore nel settore edile è leggermente migliorato, come emerge dall'indagine mensile condotta dall'Ifo sulle imprese. Le aspettative sono aumentate dopo il minimo storico del mese precedente. “Tuttavia le prospettive restano fosche”, hanno concluso gli studiosi economici di Monaco.

La Banca Centrale Europea non intende tagliare nuovamente i tassi d'interesse fino all'estate

Il governo federale promette da mesi di sostenere il settore edile con nuove misure. Ma finora è stato implementato molto poco. Solo una settimana fa è stata approvata, dopo settimane di ritardi, la legge sulle opportunità di crescita che prevede sgravi fiscali per il settore edile. Altri piani, come una modifica temporanea al regolamento edilizio e l’introduzione di un programma di finanziamento “i giovani comprano i vecchi”, sarebbero bloccati nel coordinamento interdipartimentale.

Le aziende stanno lentamente esaurendo i soldi. La BCE non intende tagliare nuovamente il tasso di interesse di riferimento almeno prima dell’estate, e la situazione difficilmente migliorerà almeno per molto tempo, a meno che non vengano adottate misure di sostegno politico. L’ondata di fallimenti nel settore edile potrebbe essere appena iniziata. Alla fine del 2023 riportato Giornale tedesco dell'artigianatoAttualmente un fallimento su cinque è imputabile al settore edile.