Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Una cometa particolarmente sorprendente è in viaggio verso il nostro sistema solare

  • perBandiera di Tanya

    Vicino

Due ricercatori hanno scoperto un’enorme cometa: non solo è impressionante per dimensioni, ma è anche in viaggio verso il sistema solare.

FRANCOFORTE – Le comete sono state a lungo considerate una causa di disastri, ma quei giorni sono ormai lontani. Oggi i corpi celesti vengono misurati internamente da astronomi dilettanti e professionisti e osservati accuratamente nelle loro orbite nello spazio. Se la cometa è visibile nel cielo ad occhio nudo, allora la gioia è particolarmente meravigliosa, come nell’estate del 2020, quando La cometa Neowise (C2020 / F3) può essere vista nel cielo serale per settimane* Ero. I ricercatori hanno ora scoperto un campione particolarmente sorprendente di una cometa nelle profondità dell’universo.

Cometa Bernardinelli-Bernstein (C/2014 UN .)271) individuato dai ricercatori Pedro Bernardinelli e Gary Berstein. “Potremmo aver scoperto la cometa più grande mai vista”, afferma felicemente Bernstein. “È almeno più grande di qualsiasi cometa studiata in modo più dettagliato finora”. La cometa Bernardinelli-Bernstein è in viaggio dalla Nube di Oort verso il Sistema Solare. Questa è una buona notizia per gli astronomi: mai prima d’ora è stata rilevata una cometa in rotta verso il Sistema Solare a una distanza così grande. I ricercatori hanno molti anni per osservare la cometa nel suo viaggio.

È stata scoperta un’enorme cometa: è in viaggio verso il sistema solare

Come si comporta quando si avvicina al sole? In generale, le comete iniziano a svuotarsi quando raggiungono regioni più calde e il loro ghiaccio inizia a sciogliersi. Quindi appare la tipica coda di una cometa. Gli astronomi della cometa Bernardinelli-Bernstein potranno ora seguire tutto questo da vicino. Finora è stato stimato che la cometa abbia una dimensione di circa 100-200 chilometri, circa dieci volte la dimensione della maggior parte delle comete conosciute. I corpi celesti sono una reliquia del passato, e per la ricerca sono particolarmente interessanti perché attraverso di essi si può guardare nel “passato” del sistema solare, per così dire. L’analisi del materiale proveniente dalla cometa dovrebbe essere particolarmente interessante. “Nessuna cometa ha visitato il sistema solare negli ultimi tre milioni di anni”, afferma con certezza Bernstein.

READ  La vaccinazione incrociata è una protezione particolarmente buona e fornisce una maggiore protezione contro le varianti virali

La cometa gigante Bernardinelli-Bernstein ha già la coda di una cometa

La scoperta di una cometa gigante suona strana, ma in realtà la storia non è rara: i ricercatori Bernardinelli e Bernstein hanno scoperto la cometa nelle immagini del Dark Energy Survey, un’indagine sistematica del cielo. Per questo progetto, una fotocamera da 570MP installata su un telescopio in Cile sta raccogliendo dati; Tra le altre cose, 300 milioni di galassie sono mappate su una parte specifica del cielo. Sono state registrate anche comete o oggetti transnettunici che si muovevano attraverso il campo visivo della telecamera.

Con l’aiuto di un supercomputer e algoritmi speciali, Bernardinelli e Bernstein sono stati in grado di identificare più di 800 oggetti trans-Nettuno – corpi celesti ghiacciati che si muovono nel Sistema Solare oltre l’orbita di Nettuno – nei dati. La cometa Bernardinelli-Bernstein può essere vista anche nelle immagini dal 2014 al 2018 – tuttavia, a quel tempo, non aveva ancora una tipica coda di cometa. Questo è stato scoperto solo in seguito. Il giorno dopo aver annunciato la scoperta nel giugno 2021, gli astronomi hanno scattato nuove foto dell’interno della cometa e hanno scoperto: dal 2018, Bernardinelli Bernstein ha sviluppato una coda – è Quindi in realtà è colpevoleCome confermato dall’Unione Astronomica Internazionale (IAU).

bollettino satellitare

Cosa succede nell’universo, nel sistema solare o nei viaggi spaziali? Il FR Newsletter su Astronomia e viaggi nello spazio* Ti tiene informato.

Cometa Bernardinelli-Bernstein (C/2014 UN .)271avvicinandosi al sole

Secondo le informazioni, la cometa gigante ha iniziato il suo viaggio verso i sistemi solari a una distanza di oltre 40.000 unità astronomiche (UA) dal sole. Un’unità astronomica descrive la distanza media tra la Terra e il Sole (circa 149 milioni di km), quindi la cometa era 40.000 volte più lontana dal Sole della Terra e proviene dalla Nube di Oort nella parte esterna del Sistema Solare.

READ  Può sfuggire alle mutazioni rendere inefficaci i vaccini COVID-19? - Pratica la guarigione

Quando è stata registrata per la prima volta nel 2014, la cometa era a 29 AU dal Sole (all’incirca la distanza tra il Sole e Nettuno), e nel giugno 2021 era ancora a 20 AU (all’incirca la distanza tra il Sole e Urano). Nel 2031 la cometa Bernardinelli-Bernstein dovrebbe raggiungere il suo punto più vicino al Sole, il cosiddetto perielio. Quindi sarà molto più vicino al Sole, la distanza dovrebbe essere solo 11 AU (la distanza dal Sole a Saturno). Non si avvicinerà più al Sole ed è troppo presto per guardare un oggetto visibile ad occhio nudo: i ricercatori attualmente ipotizzano che la cometa possa essere vista solo dal suo punto più vicino con l’aiuto di un grande telescopio .

La cometa Bernardinelli-Bernstein (C/2014 UN271) è stata avvistata su questa immagine di un’indagine sull’energia oscura. L’immagine è stata scattata nell’ottobre 2017, quando la cometa si trovava a 25 UA dal Sole.

© Dark Energy Survey / DOE / FNAL / DECam / CTIO / NOIRLab / NSF / AURA / P. Bernardinelli & G. Bernstein (UPenn) / DESI Legacy Imaging Surveys

Cometa gigante (C/2014 UN271) dalla Società di Astronomia

Nei prossimi anni, la cometa Bernardinelli-Bernstein verrà seguita dalla comunità astronomica per saperne di più sulla sua formazione e comportamento. I ricercatori ritengono che ci siano altre comete in questa gamma di dimensioni nella nuvola di Oort. La teoria è che dopo la formazione di Giove, Saturno, Urano e Nettuno, questi grandi corpi celesti ghiacciati furono sparsi nelle zone più esterne del sistema solare. “Trovare oggetti di grandi dimensioni come la cometa Bernardinelli Amber è fondamentale per comprendere la storia antica del nostro sistema solare”, ha affermato Chris Davis della National Science Foundation.

READ  Accade in Germania: le settimane delle capriole finiranno presto

notizie di astronomia* Le notizie da viaggio spaziale* Possono essere trovati nelle nostre pagine tematiche.

Non è ancora chiaro quanto sarà energica e luminosa la cometa di Bernardinelli Amber quando raggiungerà la sua posizione più vicina al sole. Ma quello che è già certo è che il futuro telescopio Vera C. Rubin “misurerà costantemente” la cometa nel suo cammino verso il perielio. (Stendardo di Tania) * vista fr.de da IPPEN.MEDIA.