Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Studiare la relazione tra Covid-19 e diabete

Nel contesto della pandemia di Corona, è diventato chiaro che il diabete significa un aumento del rischio di malattie gravi con Covid-19. Gli scienziati hanno ora scoperto che esiste anche una connessione inversa. Secondo gli studi, una grave malattia da Covid-19 può essere la causa del diabete. Secondo i dati, circa il 15% dei pazienti Covid 19 ospedalizzati ha sviluppato il diabete di nuova diagnosi.

I virus corona possono interrompere la produzione di insulina

Il team di ricerca internazionale è stato in grado di dimostrare nel loro studio che il coronavirus può effettivamente infettare le cellule pancreatiche. Gli scienziati scrivono su questo nella rivista specializzata.metabolismo cellulareLe cellule beta infette sono responsabili della produzione dell’ormone insulina. L’insulina svolge un ruolo fondamentale nel mantenere un livello di zucchero nel sangue equilibrato stimolando altre cellule ad assorbire lo zucchero dal sangue. L’insulina deve essere iniettata.

I ricercatori rendono più difficile per il coronavirus entrare in una cellula

Per lo studio sono stati esaminati sette pazienti Covid deceduti da una clinica di Basilea. I coronavirus sono stati rilevati in campioni di tessuto dalle loro cellule beta. Secondo i ricercatori, era sorprendente che le cellule infette avessero così pochi recettori ACE-2. Sorpresa perché il coronavirus di solito usa questi recettori per entrare nella cellula e alla fine distruggerla. E invece di ACE-2, i ricercatori hanno scoperto i recettori della neuropilina-1 nelle cellule beta. Di conseguenza, i ricercatori hanno scoperto che l’ingresso del coronavirus nella cellula può essere significativamente più difficile inibendo la Neuropilina-1. Questo potrebbe essere un possibile approccio per proteggere le cellule in caso di infezione da corona e infine prevenire il diabete.

READ  I dispositivi indossabili possono rilevare gli effetti a lungo termine del COVID-19

Le cellule infette si riprendono dopo il recupero?

Tuttavia, oltre a ciò, non sembra ancora del tutto chiara la questione se le cellule beta nei pazienti affetti possano riprendersi dopo il recupero. Secondo lo stato dell’attuale studio, questo non si può ancora dire, ha affermato Matthias Mater dell’Università di Basilea, che è coinvolto nella ricerca. In alcuni pazienti COVID-19, il diabete può essere identificato anche settimane o mesi dopo l’infezione. È quindi importante indagare se i pazienti possono essere protetti da questo esito somministrando inibitori della neurobilina 1.

(BRISANT / dpa / mdr know / dlf)