Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Un segnale improvviso da un pianeta alieno: “una forte indicazione che potremmo avere qualcosa qui”

Un segnale improvviso da un pianeta alieno: “una forte indicazione che potremmo avere qualcosa qui”

  1. Pagina iniziale
  2. sapere

creatura:

da: Stendardo Tanya

Un segnale radio proveniente da un esopianeta delle dimensioni della Terra allerta un gruppo di ricerca. Il pianeta sembra avere un campo magnetico.

BOULDER – I ricercatori di solito determinano se la vita è possibile su un pianeta extrasolare controllando se le temperature lì sono adatte a consentire all’acqua liquida di emergere. Tuttavia, ci sono altri criteri importanti che un pianeta vivibile deve soddisfare. Ad esempio, il campo magnetico è di grande importanza: protegge l’atmosfera del pianeta dalle particelle ad alta energia e dal plasma lanciato nello spazio dalla stella attorno alla quale orbita il pianeta.

Se non ci fosse un campo magnetico, l’atmosfera si eroderebbe nel tempo e scomparirebbe nello spazio. “Il fatto che un pianeta viva o meno con un’atmosfera può dipendere dal fatto che il pianeta abbia o meno un forte campo magnetico”, spiega l’astrofisico dell’Università del Colorado Sebastian Pineda in uno. comunicazione. Insieme all’astronomo della Bucknell University Jackie Feldsen, Pineda ha identificato un pianeta delle dimensioni della Terra al di fuori del nostro sistema solare che potrebbe avere un campo magnetico. Lo studio era nel diario astronomia naturale pubblicato.

Un esopianeta sta emettendo segnali – I ricercatori hanno dei dubbi

YZ Ceti b è un pianeta roccioso in orbita attorno a una stella a circa 12 anni luce dalla Terra. Pineda e Viladsen, osservando il pianeta, hanno rilevato un segnale radio ripetuto proveniente dalla stella YZ Ceti. “Ho visto questa cosa che nessuno aveva mai visto prima”, ricorda Villaadsen nel momento in cui ha rilevato per la prima volta il segnale radio. “Abbiamo visto la prima eruzione e sembrava bellissima, e quando l’abbiamo vista di nuovo è stata una forte indicazione che potremmo effettivamente avere qualcosa qui”, descrive Pineda.

Il team di ricerca sospetta che le onde radio rilevate siano interazioni tra il campo magnetico di un esopianeta delle dimensioni della Terra e la stella. Queste onde radio devono essere molto potenti a causa della grande distanza di dodici anni luce. Ad oggi, sono stati scoperti solo esopianeti delle dimensioni di Giove con campi magnetici. Per misurare i campi magnetici attorno a pianeti simili alla Terra, il team ha dovuto trovare un nuovo metodo perché i campi magnetici non sono direttamente visibili, rendendo difficile dire se un pianeta distante ce l’ha.

L’esopianeta YZ Ceti b potrebbe avere un campo magnetico

Villadsen descrive la tecnica utilizzata dal team per la ricerca: “Stiamo cercando pianeti che siano molto vicini alle loro stelle e di dimensioni simili alla Terra. Questi pianeti sono troppo vicini alle loro stelle per viverci sopra, ma poiché sono così vicini Se il pianeta attraversa abbastanza materiale stellare, “fai in modo che Stern emetta onde radio luminose”, continua Feldsen.

Un radiotelescopio che ascolta l’universo. (immagine iconica) © imago / UIG

La stella nana rossa YZ Cet e l’esopianeta YZ Ceti b si adattano perfettamente a questo approccio: l’esopianeta è molto vicino alla sua stella: ci vogliono solo due giorni per orbitare una volta. Le onde radio risultanti sono così potenti che possono essere osservate sulla Terra. Tra le altre cose, i ricercatori li usano per misurare la forza del campo magnetico di un pianeta.

Ho visto questa cosa che nessuno aveva visto prima di me.

Cosmo: continua la ricerca di pianeti potenzialmente abitabili

“La ricerca di mondi potenzialmente abitabili o abitabili in altri sistemi solari dipende in parte dal fatto che gli esopianeti rocciosi simili alla Terra abbiano effettivamente campi magnetici”, spiega Joe Pesci, direttore del programma per il National Radio Astronomy Observatory presso la National Science Foundation (NSF ). . Chi guida la ricerca è parzialmente finanziato. “Questa ricerca non solo mostra che questo particolare esopianeta roccioso ha probabilmente un campo magnetico, ma offre anche un modo promettente per trovarne di più”.

READ  Pokémon Perla luminosa Qualsiasi% Speedrun in meno di 30 minuti da Worster [Update] • Nintendo Connect

Il team di ricerca è fiducioso che YZ Ceti b sia il miglior candidato finora per un pianeta roccioso con un campo magnetico. “Ma penso che sarà necessario molto lavoro di follow-up prima che ci sia una conferma definitiva delle onde radio emesse da un pianeta”, osserva Vijadsen. La sua collega Pineda guarda al futuro con fiducia: “Ci sono molti nuovi sistemi radio in funzione o pianificati per il futuro. Una volta stabilito che questo sta realmente accadendo, possiamo affrontarlo in modo più sistematico. Siamo ancora solo all’inizio. ” (scheda)

Questo articolo è stato generato con l’aiuto di macchine ed è stato attentamente controllato dall’editore Tanja Banner prima della pubblicazione.