Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Stato del debito della Francia: in combutta con Grecia e Italia

Stato del debito della Francia: in combutta con Grecia e Italia

Al: 26 marzo 2024 15:26

La Francia non riesce a tenere sotto controllo i suoi problemi di bilancio. Il deficit di bilancio sale al 5,5% e il debito nazionale a circa il 111%. Con questo, il paese è ai primi posti nell’Unione Europea. Quindi che si fa?

Per Pierre Moscovici, capo della Corte dei conti francese, sono le 5 del mattino e mezzanotte passata. Da mesi lancia l'allarme: gli alti debiti della Francia rischiano di paralizzare il Paese. Adesso il governo è in bianco e nero. Il deficit di bilancio è salito al 5,5% e il debito nazionale a quasi il 111% del PIL.

Ciò rende la Francia il paese più indebitato dell’UE dopo Grecia e Italia. Quella mattina Moscovici, che aveva messo in guardia dalle conseguenze della radio France Inter, si era chiesto come la Francia avrebbe dovuto investire in futuro con questo debito: nell'ambiente e nella trasformazione digitale, nell'istruzione, nell'innovazione e nella ricerca. Ultimo ma non meno importante, sulla difesa: “Come possiamo fornire aiuti finanziari all'Ucraina quando siamo così profondamente indebitati?”

Secondo Moscovici lo spazio di manovra della Francia rischia di ridursi drasticamente. Solo quest’anno il Paese pagherà 57 miliardi di euro di interessi. L’onere è triplicato dal 2021.

La Francia è con le spalle al muro e ora deve agire saggiamente, ha chiesto il capo della Corte dei conti, riducendo deficit e debito senza mettere a repentaglio la crescita.

Aumento delle tasse?

Moscovici è riluttante ad escludere completamente aumenti fiscali mirati e l'opposizione chiede tasse più alte per le grandi aziende o i super-ricchi, cosa che il ministro delle Finanze e dell'Economia Bruno le Maire respinge categoricamente.

READ  Secondo una falsa notizia, il Paese starebbe ora boicottando completamente l’UE

Questa mattina alla televisione RTL ha ribadito di essere “assolutamente contrario all'aumento delle tasse per i nostri connazionali”. Le Maire punta invece sui tagli alla spesa. Ha già messo insieme un pacchetto di austerità del valore di dieci miliardi di euro. Prevede meno spese per gli aiuti allo sviluppo, tagli al bilancio per promuovere le ristrutturazioni ecologiche degli edifici e meno aiuti per la formazione continua. Successivamente verranno tagliati altri 20 miliardi di euro.

La Corte dei Conti stima un risparmio di 50 miliardi di euro per raggiungere l’obiettivo dichiarato e rispettare il limite di deficit del 3% fissato dall’UE nel 2027. Il ministro delle Finanze Lee Mair chiede un dibattito sociale più ampio: “Dobbiamo finalmente decidere quale spesa pubblica è buona e cosa no. Cosa promuove l'innovazione, gli investimenti e la crescita, la piena occupazione? Cosa può essere tagliato senza mettere a repentaglio la crescita del nostro Paese?”

Costi elevati

In generale, il governo francese ha una spesa più elevata rispetto a tutti i suoi omologhi europei. Costituiscono il 56% del Pil. Ecco perché il ministro sta introducendo una riforma dell'assicurazione contro la disoccupazione: più incentivi, meno aiuti. Una raccomandazione che non lo rese particolarmente popolare.

Le Maire è in carica ormai da sette anni. La sua casa è andata male? Il ministro lo sta valutando. La crescita è “circa” meno dell’1% di quanto previsto. È “relativamente buono”.

Il problema è dal lato delle entrate: “Forse abbiamo sottovalutato il fatto che l'inflazione sta scendendo molto rapidamente. Quindi meno entrate dall'Iva, meno entrate dagli stipendi lordi, meno tasse dalle imprese. In totale sono 21, miliardi di euro in meno di entrate fiscali”. .”

READ  ITA: Al via la nuova compagnia aerea italiana ITA - Economia

Per il governo e il presidente Emmanuel Macron, la crescita delle finanze pubbliche non è solo un grosso problema, ma anche motivo di imbarazzo. Perché Macron ha sempre voluto essere misurato dai dati economici.

Julia Baganda, ART Paris, Tagessao, 26 marzo 2024 14:58