Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Sei morti in un attacco con coltello in un centro commerciale di Sydney

Un aggressore armato di coltello ha ucciso sei persone a Sydney. Secondo i soccorritori, otto persone ferite sono state portate in diversi ospedali dopo l'attacco al centro commerciale Westfield Bondi Junction. Secondo la polizia c'era anche un bambino di nove mesi sottoposto a intervento chirurgico, ma era troppo presto per dire qualcosa sulle sue condizioni. I morti sarebbero cinque donne e un uomo.

L'autore del reato è stato ucciso dai proiettili della polizia

Il sospetto aggressore è stato colpito ed è morto per le ferite. Secondo i primi accertamenti l'aggressore avrebbe 40 anni ed è noto alla polizia. Il capo della polizia Karen Webb ha dichiarato: “Se è davvero quello che pensiamo che sia, allora questo non è un incidente terroristico”.

Il primo ministro Antonio Albanese Ha detto che sembrava che l'autore del reato avesse agito da solo. Il crimine “non può essere descritto a parole”. Attraverso il servizio elettronico ha espresso le sue condoglianze alle vittime e ai loro parenti

La gente si nascondeva in preda al panico

Il vice commissario di polizia Anthony Cook ha detto ai giornalisti che l'uomo armato ha accoltellato le persone nel centro commerciale Westfield a Bondi Junction prima che un agente di polizia gli sparasse.

Secondo quanto riferito, i servizi di emergenza sono stati chiamati nel centro commerciale nella zona est di Sydney intorno alle 15:40 (ora locale). Secondo testimoni oculari, nel centro commerciale, che sabato pomeriggio era gremito di visitatori, è scoppiato uno stato di panico. La gente correva spaventata per mettersi in salvo. La polizia ha cercato freneticamente di mettere in sicurezza la zona. Diverse persone si sono nascoste nei negozi.

READ  Il caos della congestione del traffico in Inghilterra: la colpa della Brexit è della politica

“Urlavano: 'Corri, corri, corri, qualcuno è stato pugnalato'”, ha detto un testimone al canale televisivo australiano ABC. L'aggressore se n'è andato con calma, “come se stesse mangiando un gelato nel parco”. Salì con la scala mobile e poco tempo dopo si udirono tre spari.

“Sembrava che qualcuno stesse facendo una strage.”

Alla fine, un agente di polizia ha sparato all'aggressore, ha annunciato Cook in conferenza stampa. La Cook ha detto che l'ufficiale era sola quando ha affrontato il sospettato. Lo ha arrestato poco dopo essere arrivato sulla scena del crimine, salvando diverse vite. “Se lei non lo avesse fatto, avrebbe continuato. Era su tutte le furie”, ha detto alla ABC un testimone oculare. La poliziotta ha poi prestato i soccorsi. “Aveva una bella lama grande. Sembrava che qualcuno stesse facendo una strage.”