Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Salvini e la mafia esultano: in Italia sarà vietato “Easy Joint”.

Salvini e la mafia esultano: in Italia sarà vietato “Easy Joint”.

  1. Home page
  2. panorama

Canapa, qui nella versione non light. © Imago Images / Bleckwinkle

La Corte di Cassazione italiana dichiara illegale la vendita di “Cannabis Light”. Matteo Salvini e l'applauso mafioso.

Si sono diffusi come funghi negli ultimi due anni, soprattutto nelle grandi città come Roma, Milano, Bologna e Torino: negozi con foglie verdi di cannabis nel logo e nomi come “Easy Joint”, “Hemporia” o “Joint Grow”. . . Ormai sono circa un migliaio in tutta Italia. Vendono fiori di canapa, comunemente noti come marijuana, e altri prodotti della pianta di canapa.

I biscotti calmanti si trasformano in cose diaboliche

Non si tratta però di droghe, ma di “cannabis leggera”. Non ha un effetto inebriante, ma piuttosto sedativo perché il contenuto di THC non deve superare lo 0,5%. Sono 1.500 le aziende in Italia specializzate nella produzione e vendita di “Cannabis Light” – sotto forma di fiori, oli, tè, biscotti e persino cioccolato. Solo nel 2018 l’azienda ha realizzato un fatturato di 150 milioni di euro.

Forse adesso è finita. La Corte di Cassazione, la massima corte italiana, ha stabilito giovedì che la vendita di “Cannabis Light” è illegale. Chiunque fornisca i prodotti commette un reato penale, a meno che non si possa dimostrare che non si tratta di farmaci. Ma ciò richiede test individuali complessi. Il tribunale apre la strada a controlli severi e persino alla chiusura delle imprese, se il contenuto di THC dei prodotti è leggermente superiore al limite consentito, come spesso accade.

Questo è esattamente ciò che chiede da mesi il ministro dell’Interno e vicepremier di destra Matteo Salvini. Per lui i cannabis shop sono spacciatori che inducono gli italiani a drogarsi. “Ispezionerò questi negozi individualmente e li chiuderò uno per uno”, ha minacciato. Dopo la decisione della corte, fino a 15.000 dipendenti del settore potrebbero perdere il lavoro, comprese migliaia di start-up.

READ  Napoleone e Giuseppina: "Una volta che li vedrai, vorrai conservarli per sempre."

Il leggero boom della cannabis in Italia è dovuto a una legge del 2016 che regola la coltivazione della canapa industriale. La pianta può essere coltivata con un contenuto di THC inferiore allo 0,6% per produrre cibo, cosmetici, abbigliamento, corde e materiali da costruzione.

Due attivisti della città di Parma, che si battono per legalizzare il fumo di marijuana, hanno scoperto la scappatoia: la legge non dice nulla sull'uso dei fiori. I due furono i primi a vendere prodotti a base di cannabis leggera online con il nome “Easy Joint”, aprendo la strada al boom. Adesso il tribunale ha deciso: proprio perché la legge non dice nulla sui fiori, non possono essere venduti.

Boccali pieni di birra sono un buon intrattenimento

Secondo l'associazione agricola Coldiretti, la superficie coltivata a canapa in Italia è decuplicata negli ultimi cinque anni, arrivando a circa 4.000 ettari. 2.000 agricoltori hanno investito in questa zona e hanno fatto rivivere l'antica tradizione della coltura della canapa. Secondo la Società Agricola, fino agli anni ’40 l’Italia era il secondo produttore di canapa al mondo dopo l’Unione Sovietica.

Poi le fibre sintetiche, ma anche la criminalizzazione della pianta, hanno cominciato a declinare. Nel 1961, l’allora governo italiano firmò un accordo internazionale che prevedeva l’eliminazione della pianta di cannabis entro 25 anni nell’ambito della lotta alla droga. Ma i suoi benefici sono stati da tempo riscoperti in tutto il mondo. Per non mettere a repentaglio l'agricoltura, il Parlamento italiano deve ora occuparsi della situazione giuridica, ha chiesto venerdì l'associazione agricola.

Luca Marola, fondatore di Easy Joint, avverte che il divieto darà alla mafia un altro lucroso business. Sarebbe meglio legalizzare la marijuana in generale. Salvini lo respinge con forza: “Se legalizziamo qualcosa, sarà la prostituzione”, dice il ministro. Dopo la decisione del tribunale ha annunciato che lui e il suo partito sono a favore del sano intrattenimento. “Siamo contro ogni tipo di droga, senza condizioni né riserve”. Questo potrebbe non applicarsi all'alcol. Salvini ama postare su Facebook foto in cui si mostra con un bicchiere di vino rosso o un boccale pieno di birra.

READ  Cyclassics: tutto sulla pista, principianti e favoriti