Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Quanto è pericoloso questo per BMW, VW & Co., professore?

  1. Home page
  2. un lavoro

La professoressa Doris Fischer: economista aziendale e studiosa della Cina presiede il Dipartimento di economia e commercio cinese dell’Università di Würzburg © Julius-Maximilians-Universität Würzburg

La Commissione Europea accusa la Cina di abbassare i prezzi delle auto elettriche. Pechino risponde con un avvertimento inequivocabile. L’Europa è minacciata da una guerra commerciale con la Cina?

MONACO DI BAVIERA – La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha accusato la Cina di dumping sui prezzi delle auto elettriche e ha annunciato un’indagine. Pechino non vuole accettarlo e minaccia apertamente gli europei di contromisure. La professoressa Doris Fischer, scienziata ed economista cinese, della cattedra di economia e commercio cinese dell’Università di Würzburg, spiega in un’intervista quanto sia grave la situazione e quali tipiche industrie tedesche potrebbero essere maggiormente colpite da un potenziale conflitto commerciale.

Il professor Fischer e la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen hanno accusato la Cina di distorcere il mercato delle auto elettriche e hanno annunciato un’indagine sulla concorrenza. Pechino ha reagito rapidamente e ha messo in guardia dalle conseguenze negative per le relazioni economiche e commerciali tra Cina e Unione Europea. Si tratta solo di un tintinnio di sciabole o la minaccia di Pechino è seria?

Dobbiamo presupporre che il governo cinese sia serio a riguardo. Esiste un modello precedente, almeno dal punto di vista cinese: l’indagine della Sezione 301 della legge commerciale statunitense, avviata da Donald Trump, che alla fine ha portato al conflitto commerciale, alcuni dicono alla guerra commerciale, tra Stati Uniti e Cina. Anche in questo caso il governo cinese ha annunciato e attuato contromisure. Inoltre, l’indagine europea, se avrà luogo, prenderà di mira un settore cruciale dal punto di vista del governo cinese, proprio perché qui le aziende cinesi dovrebbero avere successo.

READ  Brevità tardiva - aziende e mercati

Von der Leyen accusa Pechino di fornire ingenti sussidi alle auto elettriche. Giusto?

Negli ultimi quindici anni circa, il governo cinese ha senza dubbio cercato di favorire lo sviluppo del settore cinese della mobilità elettrica in vari modi. La questione è quale di questi sussidi può essere considerato “giusto” e quale non può essere considerato “equo”. L’iniziativa della von der Leyen potrebbe basarsi su prove che suggeriscono che i produttori cinesi di auto elettriche hanno aumentato le loro vendite negli ultimi anni grazie ai sussidi legati alle vendite. Vi sono indicazioni secondo cui i produttori hanno acquistato i veicoli principalmente da soli per poter beneficiare delle sovvenzioni. Si teme che la sovrapproduzione porterà ora molte auto elettriche cinesi ad arrivare nei mercati esteri, compresa l’Unione Europea, a prezzi inferiori a quelli di mercato. Questi sussidi rappresentano un problema dal punto di vista dell’Unione Europea, che vieta ai paesi europei di fare qualcosa di simile. Tuttavia, la difficoltà è analizzare i sussidi in dettaglio e mantenere una chiara linea argomentativa su quali sussidi siano considerati accettabili e fondamentalmente accettabili, ad esempio i finanziamenti alla ricerca, che sono presenti anche qui, rappresentano concorrenza sleale. Da una prospettiva europea questo può essere abbastanza chiaro, ma da una prospettiva cinese meno.

L’Unione Europea si avvia verso una guerra commerciale con la Cina?

Speriamo di no. Sospetto che la von der Leyen volesse inviare un messaggio chiaro in vista del dialogo economico e commerciale ad alto livello tra UE e Cina che si terrà a Pechino alla fine di questo mese. L’obiettivo sarà evitare una guerra commerciale, ma anche prendere una posizione chiara prima dei negoziati.

READ  Briefing differito - Imprese e mercati | newsletter

Ma le preoccupazioni per i conflitti commerciali stanno crescendo nell’economia?

Sì, certo, la situazione economica in Germania al momento non è solo rosea e nessuno ha bisogno di un conflitto commerciale in questo momento.

Anche all’interno del governo federale si stanno manifestando delle crepe. Il ministro dell’Economia Robert Habeck ritiene giusta l’iniziativa dell’UE, ma il cancelliere federale Olaf Scholz è cauto. Quale strategia ritieni più promettente nei confronti della Cina: durezza o moderazione?

È assolutamente giusto assumere una posizione chiara nei rapporti con la Cina, definire i propri interessi e affrontare i problemi con chiarezza. La domanda è sempre come affrontare questi problemi. Per molto tempo abbiamo ritenuto che una diplomazia silenziosa fosse l’approccio migliore per trattare con la Cina. Tuttavia, il governo cinese non aderisce più sempre a questo principio. Nel caso della mobilità elettrica la situazione è difficile. Le nostre principali case automobilistiche si sono svegliate solo di recente, convinte da tempo che la mobilità elettrica non avrebbe trionfato. In Cina, devono rendersi conto che devono mettersi al passo tecnologicamente con le auto elettriche, per non parlare della necessità di imparare. Ecco perché attualmente collaborano attivamente con aziende cinesi. Un’escalation nella politica commerciale sarebbe molto scomoda.

Ma il commercio tra Stati Uniti e Cina è già gravemente teso. Pechino può permettersi un conflitto commerciale con l’Europa?

Il governo cinese certamente non lo vuole. Penso che nei prossimi mesi assisteremo a trattative molto intense. Lo spero anch’io. La cosa peggiore è lo scambio di colpi attraverso i media internazionali anziché i negoziati diretti.

Come reagirebbe la Cina se l’Unione Europea prendesse sul serio il suo annuncio?

READ  Dow in primo piano: ripresa a Wall Street

Il numero e il tipo di viti a testa zigrinata possibili è ampio. Non si dice da nessuna parte che le risposte della Cina si limiteranno al settore automobilistico.

Quali settori potrebbero essere particolarmente colpiti?

Il governo cinese potrebbe iniziare dai settori in cui il coinvolgimento europeo è particolarmente forte. Potrebbe anche tentare di prendere di mira in particolare le aziende tedesche, perché a Pechino è diffusa la convinzione che la Germania abbia un’influenza particolarmente forte nell’Unione Europea. Oltre all’industria automobilistica, saranno presenti anche l’ingegneria meccanica e l’industria chimica.