Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Rapporto sui lavoratori qualificati: queste sono le qualifiche che le aziende cercano di più

Tanti posti vacanti
Report specialistico – Le aziende che stai cercando

C’è una carenza di lavoratori qualificati nel settore delle costruzioni, tra le altre cose

© andresr / Getty Images

Secondo DIHK, la carenza di manodopera qualificata è peggiore di quanto non fosse prima della crisi di Corona. Non molte aziende possono riempire le loro posizioni – c’è una carenza di candidati con doppia formazione professionale.

La crisi di Corona ha rallentato per un po’ la domanda di lavoratori qualificati e ora le aziende sono di nuovo alla disperata ricerca di dipendenti. Secondo un rapporto della Camera di commercio e industria tedesca (DIHK), la carenza di manodopera qualificata è già più grave di quanto non fosse prima della crisi di Corona – e minaccia di diventare ancora più grave.

Secondo un rapporto specializzato DIHK, più della metà delle 23mila aziende intervistate non è attualmente in grado di coprire posti vacanti, almeno temporaneamente. Un anno fa, poco meno di una società su tre (32 per cento) ha segnalato una carenza di personale. Due anni fa, prima della crisi di Corona, il 47 percento delle aziende aveva difficoltà a trovare lavoratori qualificati, ora è il 51 percento. “La carenza di lavoratori qualificati nelle aziende è tornata: più velocemente e in misura maggiore di quanto molti si aspettassero”, afferma il vicedirettore generale DIHK Achim Dirks.

La carenza di personale è particolarmente grave nel settore delle costruzioni, dove due imprese su tre non riescono a trovare lavoratori idonei. Anche i fornitori di servizi sanitari e sociali come ospedali, studi medici, asili nido, case di cura, ambulatori e servizi di assistenza agli anziani sono molto ricercati. E anche nel settore dell’ospitalità, due aziende su tre hanno ora problemi a trovare nuove persone dopo la recessione di Corona.

READ  Il mercato del lavoro statunitense: "Siamo andati via tutti" - queste sono le conseguenze della carenza di manodopera

C’è carenza di persone con formazione professionale

È stata sollevata anche la questione di quale livello di qualificazione i datori di lavoro cercano invano. Il mercato del lavoro è particolarmente vuoto tra le persone con formazione professionale. Di tutte le aziende che non sono in grado di occupare posti di lavoro, il 57 percento cerca lavoratori con una doppia formazione professionale, principalmente nel commercio, ma anche nell’industria e nell’edilizia.

Il 36 percento ha anche cercato invano dipendenti con una formazione professionale superiore come artigiani specializzati o maestri, il 35 percento ha cercato lavoratori non qualificati e il 32 percento candidati con un diploma universitario o tecnico. Nel tempo, si vede che la carenza di persone con formazione professionale e lavoratori non qualificati è aumentata in modo significativo dal 2018, mentre è leggermente diminuita per le qualifiche più elevate.

La carenza di lavoratori qualificati è in aumento

Nei prossimi anni, DIHK prevede che la carenza di manodopera qualificata continuerà ad aumentare poiché più persone andranno in pensione rispetto ai prossimi giovani. L’uomo del DIHK Dercks afferma che le conseguenze si sono fatte sentire non solo per le singole aziende, ma anche per l’economia nel suo insieme. “Se c’è carenza di esperti IT, ad esempio, questo colpisce anche le aziende di medie dimensioni che vogliono digitalizzare i processi aziendali o che vogliono migliorare la sicurezza informatica. Se non ci sono camionisti, le operazioni di produzione industriale possono essere interrotte a causa dei prodotti non vengono consegnati in tempo, c’è carenza di lavoratori qualificati, ad esempio per il trasporto di cavi in ​​fibra ottica, e l’espansione tanto necessaria dell’infrastruttura a banda larga sta rallentando”.

La carenza di manodopera qualificata è già un “tremendo impedimento alla crescita”, con un costo stimato di 90 miliardi di euro di valore aggiunto, circa il 2,5 per cento del PIL. In generale, DIHK stima il numero di posti vacanti tra 1,7 e 1,8 milioni. Il capo dell’Agenzia federale per l’occupazione, Detlev Schell, ha parlato di 1,2 milioni di lavoratori scomparsi a ottobre, inclusi due terzi di lavoratori qualificati.

Un recente studio Bertelsmann ha mostrato che la carenza di lavoratori qualificati era maggiore del previsto. Due terzi dei decisori aziendali intervistati segnalano una carenza di personale, anche nei settori infermieristico e sanitario, nelle professioni educative e nei mestieri qualificati.

Oltre a promuovere la doppia formazione, DIHK sostiene anche la facilitazione dell’immigrazione per i professionisti qualificati e gli incentivi per un ulteriore sviluppo professionale. Inoltre, l’adattamento tra famiglia e lavoro dovrebbe essere migliorato attraverso offerte di assistenza all’infanzia di qualità e modelli di lavoro flessibili come il lavoro part-time e l’home office.

Risorse: Rapporto specialistico DIHK / studio Bertelsmann