Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Bosnia: “Allora qui tra un’ora scoppierà la guerra”.

Bosnia: “Allora qui tra un’ora scoppierà la guerra”.

HÈ tutto lì. Documenti militari che dimostrano come gli autori abbiano pianificato ed eseguito sistematicamente gli omicidi. Ossa utilizzate per identificare le vittime. La sentenza emessa dal Tribunale per i crimini di guerra dell'Aia. Ciò che accadde a Srebrenica 29 anni fa si è rivelato un genocidio.

Oggi, lapidi bianche puntate come frecce verso il cielo commemorano i quasi 8.000 ragazzi e uomini bosniaci, per lo più musulmani, che hanno perso la vita qui. Perché agli occhi degli autori del reato appartengono al gruppo etnico sbagliato nel posto sbagliato. Le verdi colline tutt'intorno danno un'impressione di idillio.

Srebrenica si trova nella parte serba della Bosnia ed Erzegovina, Republika Srpska. Recentemente, una piazza della città è stata ribattezzata con il nome della repubblica il cui esercito, guidato dal generale serbo-bosniaco Ratko Mladic, ha commesso un genocidio in collaborazione con la polizia e i paramilitari serbi.

Fonte: Infografica Welt

Munira Subasic ha perso il marito, il figlio più giovane e decine di altri membri della famiglia. La settantenne lotta per il riconoscimento e la giustizia insieme alle Madri di Srebrenica. Porta i capelli bianchi legati indietro. Le altre donne la chiamano “la nostra eroina”.

L'eroina sembra essere una combattente e le sue parole sono realistiche. Lei dice che la politica del genocidio continua nella parte polarizzata del paese. È finalmente giunto il momento di smettere di negare il genocidio e di glorificare i crimini di guerra.

Munira Subasic, sopravvissuta al genocidio, con altre donne di un gruppo

La sopravvissuta al genocidio Munira Subasic (entrambe da destra) con altre donne del gruppo “Madri di Srebrenica”

Fonte: Carolina Druten

A tal fine, il Ruanda e la Germania hanno presentato all'Assemblea Generale una risoluzione su proposta dell'ambasciatore bosniaco presso le Nazioni Unite. Come nel caso dell’Olocausto e del genocidio contro i tutsi in Ruanda, le atrocità commesse a Srebrenica devono essere riconosciute a livello internazionale come genocidio, e l’11 luglio dovrebbe essere riconosciuto come un giorno del ricordo.

READ  Rene Benko: paranoia blu sotto la casa di un miliardario in bancarotta | divertimento

Giovedì prossimo si voterà. Berlino si aspetta l'accettazione. Ma gli oppositori alla decisione minacciano di intensificarsi.

Leggi anche

FOTO FILE: Milorad Dodik, membro serbo della Presidenza della Bosnia-Erzegovina, parla durante un'intervista nel suo ufficio a Banja Luka, Bosnia-Erzegovina, l'11 novembre 2021. REUTERS/Dado Rovik/file Photo

Milorad Dodik per Birbock

E soprattutto Milorad Dodik, presidente della parte serba del Paese. Da molti anni desidera separare la sua Repubblica serba dallo Stato bosniaco e nelle ultime settimane spinge affinché ciò avvenga con più forza di prima. Lui ha detto che se la risoluzione verrà adottata, lo Stato bosniaco si ritirerà dal processo decisionale. Servirebbe come uno spin-off di fatto. Ha il sostegno del presidente russo Vladimir Putin.

“Se Dodik annunciasse la secessione, qui scoppierebbe la guerra entro un'ora”, dice Kamil Durakovic. È uno dei due deputati di Dodik, è bosniaco, come prevede la Costituzione, e si oppone apertamente alla politica della divisione. Ma politicamente non può fare nulla se non mettere in guardia Dodik e il suo gruppo. Durakovic dice di essere davvero preoccupato e sembra che sia così.

Kamil Durakovic

Kamil Durakovic

Fonte: Carolina Druten

La Bosnia è il paese più fragile dei Balcani occidentali e sta attraversando la peggiore crisi dai tempi della guerra jugoslava. Qualsiasi conflitto potrebbe portare a un enorme incendio, come accadde negli anni ’90. A quel tempo, la disgregazione della Jugoslavia e la lotta per il territorio portarono a dieci anni di sanguinosa guerra. I combattimenti in Bosnia si sono conclusi con l’accordo di pace di Dayton, ma allo stesso tempo hanno creato uno Stato ingovernabile.

Poiché è stata richiesta anche la firma del criminale di guerra ed ex presidente jugoslavo Slobodan Milošević, che in precedenza voleva dividere il paese, sono state raggiunte molte concessioni che hanno rafforzato le differenze tra i gruppi etnici. Alla parte serbo-bosniaca del paese, la Republika Srpska, fu concessa un'ampia autonomia.

READ  Un passeggero rifiuta la maschera: un aereo americano gira! - BZ Berlino

Ostacoli all’adesione all’Unione Europea

È discutibile se Dodik fosse serio nelle sue minacce. Alcuni sostengono che egli voglia ottenere concessioni da europei e americani solo perché è sotto pressione politica. Gli Stati Uniti hanno imposto sanzioni a Dodik e anche lui dovrà comparire in tribunale. Altri credono che Dodik non sia un teorico, ma semplicemente un opportunista corrotto che vuole mantenere la sua comoda posizione.

Durakovic ritiene inoltre che Dodik stia combattendo una battaglia politica per la sopravvivenza. Ma è convinto che l’unica via d’uscita sia il conflitto. “La comunità internazionale deve intervenire”, dice.

Leggi anche

Dietro le quinte, i funzionari occidentali riconoscono apertamente che gli sviluppi in Bosnia-Erzegovina – e in tutti i Balcani occidentali – si stanno muovendo in una direzione pericolosa. Un giorno la regione dovrà aderire all’Unione Europea per mantenere la pace e la sicurezza a lungo termine nel cuore del continente. Ma la corruzione, la tirannia e la criminalità organizzata paralizzano il processo, così come le crisi politiche.

Serbia e Kosovo combattono per lo status di stato di quest'ultimo e nella zona di confine sono frequenti le rivolte, la maggior parte delle quali provocate dai paramilitari serbi. La Bosnia è protetta dalla disintegrazione violenta solo da una presenza internazionale: l’Unione Europea è sul posto con una missione militare UE. La Russia manipola le persone nella regione attraverso la disinformazione.

Vucic è il principale attore della regione

Anche Belgrado sostiene il processo della Republika Srpska. Il presidente serbo Aleksandar Vucic ha chiesto che la risoluzione sul genocidio non fosse presentata all'Assemblea generale, ma piuttosto trattata nel Consiglio di sicurezza dell'ONU, ben sapendo che un piano simile era fallito nel 2015 a causa del veto della Russia.

READ  Sfruttare i problemi russi: Londra consegna 14 carri armati principali all'Ucraina

“La Serbia sta lavorando per destabilizzare la Bosnia ed Erzegovina”, ha detto il ministro degli Esteri bosniaco Elmedin Konacovic in un'intervista a WELT AM SONNTAG. Lui ha definito scioccante la reazione di Vucic alla decisione e ha invitato il governo federale ad affermare la sua influenza economica sulla Serbia. “La Germania deve esercitare maggiore pressione”, afferma.

Perché Vucic è il principale attore della regione. “Sono preoccupato che ci stiamo dirigendo verso una crisi più grande che mai”, ha detto Konakovich.

Leggi anche

La settimana scorsa migliaia di sostenitori di Dodik hanno protestato contro la decisione a Banja Luka. Secondo i media, alcuni hanno sventolato manifesti raffiguranti Putin. Su uno degli striscioni sarebbe apparso anche il volto di Mladic, il funzionario del genocidio condannato all'ergastolo come criminale di guerra all'Aia.

Durante il voto sulla risoluzione che si terrà a New York la prossima settimana, Dodik e il suo governo vogliono riunirsi a Srebrenica, tra tutti i posti possibili, con orrore della popolazione bosniaca.

“Il 2 maggio le madri allontaneranno i loro figli da Srebrenica”, dice la sopravvissuta Munira Subasic. “Temendo di nuovo per la sua sicurezza.”

Qui troverai contenuti di terze parti

Per visualizzare i contenuti incorporati è necessario ottenere il consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché i fornitori di contenuti incorporati richiedono questo consenso in quanto fornitori di servizi terzi. [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l'interruttore su “On”, accetti questo (revocabile in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali a paesi terzi, inclusi gli Stati Uniti, ai sensi dell'articolo 49, paragrafo 1, lettera a) del GDPR. Puoi trovare ulteriori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in ogni momento utilizzando il tasto privacy a fondo pagina.