Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Perché l’estrazione dei noduli di manganese è così controversa?

Perché l’estrazione dei noduli di manganese è così controversa?

Al: 23 marzo 2024 alle 08:41

Per alcuni sono un faro di speranza: noduli di manganese che giacciono vicini sul fondo del mare, soprattutto nell’Oceano Pacifico. L’estrazione mineraria potrebbe fornire, ad esempio, importanti materie prime per le auto elettriche, ma comporta anche dei rischi.

Si trovano come ciottoli a una profondità di diverse migliaia di metri. Noduli polimetallici contenenti manganese, rame, nichel e cobalto. Materie prime che stanno diventando sempre più importanti per la mobilità elettrica e lo sviluppo dell’energia eolica. Christian Müller, capo del Dipartimento per l'esplorazione delle risorse marine presso l'Istituto federale di geoscienze e risorse naturali, in breve BGR, è sicuramente uno dei migliori esperti in materia in Germania.

La BGR ha già effettuato più volte un tour esplorativo nell'area Clarion-Clipperton tra le Hawaii e il Messico, dove, tra le altre cose, vengono immagazzinati i tuberi e dove la Germania dispone di un'area di licenza. La sua superficie è di 4,5 milioni di chilometri quadrati, circa la dimensione dell'Unione Europea.

La Germania come monito

Poiché l’Autorità internazionale dei fondali marini, in quanto amministratrice di quest’area, non ha ancora stabilito alcuna regolamentazione per l’estrazione in acque profonde, i paesi e le aziende finora hanno potuto solo condurre ricerche e non raccogliere nulla: “Così possiamo ridurre il fabbisogno di rame, “, afferma Müller, la cui struttura fa parte del Ministero federale dell'economia, “In Germania il 6%, il fabbisogno di nichel il 51% e il fabbisogno di cobalto l'80%”.

La Germania diventerà più indipendente dal Congo e dalla Cina. Nonostante questi vantaggi, la Repubblica federale si è espressa a favore di una moratoria o di una sospensione precauzionale dell'estrazione mineraria in acque profonde perché le conseguenze sull'ambiente non sono state ancora adeguatamente esaminate. Più di 20 stati membri dell’ISA e alcune grandi aziende come BMW, Google, Samsung e Volvo hanno aderito a questa posizione.

Il Giappone come motore silenzioso e beneficiario

Il Giappone, come la Germania, è povero di materie prime, ma gli scienziati della JAMSTEC, l’Agenzia giapponese per le scienze e le tecnologie marine e geologiche, hanno scoperto dei fanghi di terre rare nella sua zona economica. Yoshihisa Kawamura è il capo del team del progetto e dice con un sorriso sornione: “Se recuperiamo questi elementi dal giacimento, saranno delle ottime risorse minerarie per il Giappone”.

Sebbene sia tecnicamente difficile penetrare fino a una profondità di 5.000 metri, sono già stati fatti tentativi utilizzando un tubo simile per sollevare circa 12 tonnellate dal fondo del mare. Secondo Kawamura, il Giappone potrebbe sfruttare questa somma per coprire per decenni il suo fabbisogno di materie prime per auto elettriche e centrali eoliche e anche per rifornire altri paesi.

Per far sì che le cose inizino presto, il governo giapponese ha previsto finanziamenti aggiuntivi per la ricerca nel bilancio supplementare. Il Giappone vuole anche diventare più indipendente dalla Cina, dalla quale in precedenza importava terre rare.

Come la Germania, il Giappone ha licenze nell’area Clarion-Clipperton ma non sostiene la moratoria. Un'azienda locale ha già ottenuto i diritti esclusivi per la lavorazione dei primi 1,3 milioni di tonnellate di noduli di manganese. A tal fine, la società ha firmato una lettera di intenti vincolante con la società mineraria canadese Metals Company, motore commerciale dell'estrazione mineraria in acque profonde.

Il Regno di Tonga tra rifiuto e speranza

Anche il Regno di Tonga nel Pacifico meridionale ha collaborato con la Minerals Corporation o una delle sue filiali. La nazione insulare vuole risanare il suo budget vacillante e sta sponsorizzando la perforazione di noduli di manganese nell'area di Clarion-Clipperton.

READ  Un nuovo tipo di fungo: attacca il cervello e porta alla morte

Se questo aiuta i pescatori a guadagnare di più, il pescatore Roy Pani pensa che sia una buona idea: “Altrimenti dovremmo lasciar perdere”. Sam Phiao è il capo dell'Associazione dei pescatori e teme per la ricchezza ittica del suo paese, considerata una delle più importanti fonti di reddito.

Oltre alla pesca, questo include anche tour di osservazione delle balene. Ma le balene potrebbero anche soffrire se grandi mietitrici si muovessero rumorosamente sul fondo del mare – anche se lontane – per raccogliere noduli di manganese. “Le balene sono molto sensibili al rumore e al rumore”, afferma Tokiya Tatafu, che da 20 anni offre tour di osservazione delle balene.

Mostre: Tonga non giova

All’inizio del 2020, il Forum della società civile di Tonga, un’associazione di 144 organizzazioni non governative, ha chiesto il divieto delle attività minerarie in acque profonde. Drew Havea è il presidente. Teme soprattutto le richieste di asilo da parte di altri paesi del Pacifico se il ritiro dei sedimenti che potrebbero formarsi durante l'estrazione mineraria avesse un impatto sulle riserve ittiche.

Ciò potrebbe accadere se l’Autorità internazionale dei fondi marini stabilisse regole severe per l’estrazione mineraria in acque profonde. Inoltre, l’estrazione mineraria in acque profonde non è sostenibile: “Una volta estratti i noduli di manganese, a Tonga non ne rimarrà più nessuno, la lavorazione verrà effettuata altrove e non verranno creati posti di lavoro”.

Proponenti: Tonga non ha alternative

Il capo del Servizio geologico di Tonga e ministro di Stato presso il Ministero del territorio e delle risorse naturali, Taniela Kula, non lo contesta. Per lui l'estrazione mineraria in alto mare è solo un'opportunità per i 100.000 abitanti del suo paese: “Non abbiamo altro settore che possa rilanciare la nostra economia. Il turismo è fuori questione, abbiamo solo poche centinaia di letti in albergo e non possiamo mantenere un equipaggio d'oro.” Conferenza internazionale Dobbiamo quindi “trasformarci in un settore che farà crescere la nostra economia, e i minerali trovati nei fondali del mare hanno il potenziale per raggiungere questo obiettivo”.

READ  C'è vita sull'esopianeta K2-18b? Un telescopio spaziale dovrebbe portare chiarezza

Kula afferma che Tonga riceverà 2,50 dollari per ogni tonnellata di noduli di manganese sollevati, e fino a tre milioni di tonnellate potrebbero essere sollevate ogni anno.

L’impatto sull’ambiente è controverso

Ritiene che l'impatto sull'ambiente sia minimo. Lina Tolani vede la stessa cosa. L'ingegnere ambientale ha effettuato due viaggi esplorativi nell'area di Clarion-Clipperton e, tra le altre cose, ha prelevato lì campioni di sedimenti, con il finanziamento della Canadian Minerals Corporation. Contrariamente a quanto spesso si afferma, le nubi di sedimenti che si possono formare durante l'estrazione non si spostano per chilometri, ma si sollevano solo per 20 metri dal fondo del mare, per poi essere spinte nuovamente giù dalla gravità, spiega. Lo hanno determinato utilizzando veicoli e sensori controllati a distanza nel campo di prova.

I sostenitori e i critici hanno ormai presentato innumerevoli studi, ma non è ancora stato deciso chi alla fine ne uscirà vincitore. L'incontro primaverile dell'ISA è seguito da un altro incontro estivo. Poi si potranno definire le prime norme.