Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

“Odio e gelosia sono in aumento”: Kevin-Prince Boateng denuncia gli “scherzi” in Italia

“Odio e gelosia sono in aumento”: Kevin-Prince Boateng denuncia gli “scherzi” in Italia

“Odio e gelosia in aumento”
Kevin-Prince Boateng si lamenta degli “scherzi” in Italia

In Italia, il portiere Mike Mignon è vittima dell'animosità razzista dei tifosi e il club viene punito con un gioco fantasma. L'ex stella del calcio Kevin-Prince Boateng pensa che sia ridicolo. “A nessuno importa che uno stadio sia vuoto”, dice. Non vede il suo futuro in Europa.

In seguito allo scandalo razzista che ha coinvolto il portiere dell'AC Milan, Mike Michonne, l'ex professionista della Bundesliga Kevin-Prince Boateng si è lamentato del crescente razzismo in tutta Europa. Il 36enne ha descritto la partita fantasma dell'Udinese contro il Calcio come una “commedia” mentre i tifosi lanciavano insulti a Mignon. L'ex milanista, invece, ha chiesto ancora una volta la detrazione di punti ai club dopo gli attacchi razzisti dei propri tifosi.

“L'Europa è diventata aggressiva. Crescono l'odio e la gelosia. I razzisti cercano di governare la politica, come sta accadendo con l'AfD in Germania”, ha detto Boateng in un'intervista al quotidiano rumeno “La Repubblica”.

Sulla “Gazzetta dello Sport” il fratellastro dell'ex campione del mondo Jérôme Boateng ha criticato la sanzione della Lega italiana contro l'Udinese. “A nessuno importa se a volte lo stadio è vuoto. I tifosi guardano la partita in TV e la volta successiva vengono allo stadio come se nulla fosse successo”, ha detto il berlinese.

Futures professionali in Australia

Come fa da tempo, si è espresso a favore di sanzioni ancora più severe contro i club. modifica.”

Sei mesi dopo aver concluso la sua carriera in seguito alla retrocessione dell'Hertha BSC in Bundesliga, l'ex professionista ritiene che il razzismo sia ancora un grosso problema nel calcio italiano. Fin dalla sua clamorosa uscita dal campo undici anni fa, durante il suo impegno al Milan, dopo gli insulti razzisti e il dibattito sul razzismo nel calcio professionistico, Boateng continuava: “Solo i giocatori neri devono prendere posizione contro il razzismo”.

Dopo l'insulto razzista contro Mignon, tre uomini e una donna sono stati denunciati alla Procura di Udine. Allo stesso tempo, la polizia ha imposto loro un divieto di stadio di cinque anni.

Boateng non vuole svolgere alcuna attività calcistica in Europa a causa del razzismo in molti paesi. Invece, Boateng ha descritto i suoi piani futuri come il voler andare in Australia per “contribuire allo sviluppo del calcio”.

READ  Intervento affettato sulla situazione in Italia - SWR Aktuell