Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Nonostante la bassa inflazione: la Banca Centrale Europea lascia nuovamente invariato il tasso di riferimento

Nonostante la bassa inflazione: la Banca Centrale Europea lascia nuovamente invariato il tasso di riferimento

Al: 7 marzo 2024 alle 14:51

L’inflazione scende e l’economia si indebolisce. Tuttavia, la BCE preferisce mantenere i piedi ben piantati e lasciare invariati i tassi di interesse di riferimento. I mercati finanziari non prevedono il primo taglio prima di giugno.

Nonostante la bassa inflazione e un’economia debole, la Banca Centrale Europea non ha modificato i tassi di interesse di riferimento per la quarta volta consecutiva. Come previsto, il tasso di rifinanziamento chiave, al quale le banche commerciali possono accedere a nuovi fondi della banca centrale, rimane al livello attuale del 4,5%, ha annunciato il Consiglio della BCE.

Il tasso d'interesse sui depositi che gli istituti finanziari ricevono dalla Banca Centrale Europea per congelare i fondi in eccesso, e che determina la direzione del mercato finanziario, rimane al livello record del 4,00%. Gli economisti si aspettavano che le autorità monetarie, guidate dalla presidente Christine Lagarde, non avrebbero modificato nuovamente i tassi di interesse di riferimento. In realtà sono rimasti in silenzio in ottobre, dicembre e gennaio, dopo dieci rialzi dei tassi di interesse consecutivi.

La Banca Centrale Europea riduce l’inflazione Previsioni economiche

Secondo gli esperti il ​​dibattito odierno sui tassi si è concentrato soprattutto sull'inflazione e sulle prospettive economiche degli economisti della BCE. Secondo le loro stime, l'inflazione nell'area dell'euro scenderà più rapidamente del previsto nel mese di dicembre. La Banca Centrale Europea prevede ora che il tasso di inflazione raggiungerà il 2,3% per l’anno in corso. La banca centrale aveva precedentemente ipotizzato un tasso del 2,7%. Si prevede che il tasso di crescita raggiungerà il 2,0% nel 2025.

Allo stesso tempo, le prospettive economiche nell’area valutaria del G20 si sono ulteriormente deteriorate. Secondo le ultime previsioni della Banca Centrale Europea, quest'anno l'economia dell'Eurozona crescerà dello 0,6% (previsione di dicembre: 0,8). Per Lagarde e i suoi partner questa fusione potrebbe rappresentare un fattore di leggero cambiamento nella comunicazione con i mercati finanziari e dare indicazioni caute su un possibile cambiamento di rotta.

READ  App rimossa con la forza dai negozi: la Cina sciocca gli investitori dopo una massiccia IPO

Da tempo sui mercati finanziari si specula su una riduzione dei tassi di interesse. Alla fine dell'anno si potrebbero ancora considerare possibili fino a sei tagli per un totale di 1,5 punti percentuali. Tuttavia, le previsioni sono notevolmente diminuite e attualmente indicano circa tre o quattro tagli per il 2024. La probabilità che si verifichi l'incontro di giugno è attualmente stimata intorno all'84%.

I dati mancanti sui salari e l’inflazione core rimangono al 3%.

“Con il calo sorprendentemente ampio dell'inflazione dell'euro e la debolezza dei dati economici, la probabilità di un taglio dei tassi alla riunione di giugno aumenta”, afferma Friedrich Heinemann dell'Istituto ZEW. Il presupposto è però che anche l’inflazione core si avvicini al livello del 2%. Al netto dei fattori energetici e alimentari, l'inflazione è rimasta su un buon 3% a febbraio.

“In generale la lotta contro l'inflazione nell'area euro è sulla strada giusta. Ma questa strada è lungi dall'essere conclusa”, sottolinea Ulrich Katter, capo economista della Dekabank. È probabile che i tassi di interesse vengano tagliati a partire da giugno, ma il ritmo potrebbe essere più lento e cauto di quanto molti operatori di mercato vorrebbero.

La linea della banca centrale è relativamente chiara: prima di allentare la politica monetaria restrittiva, il Consiglio vuole garantire che il calo osservato dell'inflazione sia permanente. Tali dichiarazioni sono state rilasciate da diversi banchieri centrali di alto livello nelle ultime settimane. Addetti ai lavori hanno inoltre osservato che la BCE non avrà dati importanti sugli accordi salariali dei paesi dell'euro fino a maggio.