Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Meteo: caldo e incendi nel Mediterraneo, temporali nelle Alpi – intrattenimento

In Grecia, Turchia e Italia meridionale, migliaia di servizi di emergenza hanno combattuto contro incendi boschivi e incendi a temperature intorno ai 40 gradi Celsius durante il fine settimana. Danneggiate anche le strutture turistiche. Ma nel nord Italia e in Austria, violenti temporali hanno causato danni e inondazioni: due belgi hanno dovuto essere salvati da uno stretto passaggio in Carinzia.

In Sicilia, domenica, più di 800 vigili del fuoco hanno continuato a combattere i devastanti incendi. E i vigili del fuoco hanno annunciato, domenica mattina, che gli assistenti sono stati schierati più di 230 volte in dodici ore. I velivoli antincendio della flotta nazionale hanno effettuato missioni non solo in Sicilia, ma anche in Calabria e nella regione adriatica della Puglia.

In Sicilia, la grande città di Catania è stata particolarmente calda, anche le località di villeggiatura sono state colpite. Il sindaco Salvatore Pugliese ha scritto delle zone “completamente devastate” a sud della città. Sabato è scoppiato il vulcano Etna ai suoi piedi. L’esplosione è iniziata in serata ed è proseguita fino a domenica sera.

Eruzione vulcano Etna

Con colate di lava e fumo, il vulcano Etna ha creato un paesaggio sull’isola italiana di Sicilia, attualmente devastata da incendi. L’eruzione è iniziata sabato sera ed è proseguita fino a domenica notte, secondo l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) di Catania ai piedi del vulcano. Lava e cenere sono state rilasciate dal cratere sul lato sud-est della montagna, che è alto più di 3.300 metri. Quando misurato al livello del mare, il fumo si è alzato fino a cinque chilometri nel cielo notturno.

Molti incendi sono scoppiati in Grecia a causa della siccità. La televisione di Stato ha riferito che almeno 16 persone sono state curate per problemi respiratori negli ospedali della penisola del Peloponneso. Diverse case sono state distrutte vicino alla cittadina di Aegion. Gli incendi sono stati contenuti domenica mattina.

READ  Gli amici comunicano i dettagli sulla morte della star del reality

Intanto continua la “storica ondata di caldo” – di cui parlano molti meteorologi. Dopo aver toccato i 43 gradi nei giorni precedenti, domenica le temperature dovrebbero raggiungere i 45 gradi in Grecia. Di notte i valori erano sopra i 30 gradi, soprattutto nelle aree urbane. Le città hanno aperto sale climatizzate per i residenti che non hanno l’aria condizionata in casa.

In Turchia, migliaia di servizi di emergenza stanno combattendo gli incendi per il quinto giorno consecutivo. Domenica notte, diversi villaggi nel distretto turistico di Bodrum sono stati evacuati, ha detto il sindaco. Tra le altre cose, le persone sono state trasportate in salvo in barca attraverso il mare. Il consolato generale russo ad Antalya ha annunciato che sabato sera 100 turisti russi sono stati portati in salvo da un sobborgo di Bodrum. Nella provincia di Antalya, un altro villaggio è stato evacuato domenica, secondo quanto riportato da NTV.

Otto morti in Turchia

Il ministro delle foreste Bekir Bakdemirli ha annunciato domenica che cinque degli oltre 100 incendi sono ancora attivi. Gli incendi sono scoppiati nelle province meridionali e occidentali della Turchia di Antalya e Mugla. Il forte vento ha acceso ripetutamente il fuoco e ha reso difficile spegnere il fuoco.

E nella provincia di Antalya, nel sud della Turchia, due persone sono state uccise in relazione agli incendi boschivi. Questo porta il numero totale di persone uccise dagli incendi in Turchia a otto: sette persone sono state uccise ad Antalya e una a Marmaris. Il ministro della Salute Fahrettin Koca ha annunciato domenica su Twitter che centinaia di persone sono state curate.

READ  Festival del Cinema di Venezia: Cumberbatch abbaglia con una performance intensa

Sabato il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha visitato le aree colpite e ha rassicurato le vittime di una rapida assistenza.

Completamente diversa era la situazione nella regione alpina: nel nord Italia le piogge torrenziali, ad esempio in Alto Adige, hanno provocato allagamenti e abbattuto alberi. La Protezione civile italiana aveva precedentemente inviato un’allerta temporale. Particolarmente vulnerabili sono state anche le regioni prealpine della Lombardia settentrionale e del Lago di Como.

Tempesta in Austria

Le tempeste hanno causato danni anche in Austria. Come hanno riferito le autorità, le strade in Stiria sono state chiuse dopo le frane. Nella Bassa Austria, pioggia, grandine e vento hanno provocato inondazioni. In Carinzia, sabato sera un belga di 47 anni e sua figlia di 16 sono rimasti sorpresi dal rapido aumento dei blocchi d’acqua a Berkachklam. Dopo una chiamata di emergenza, la squadra di soccorso alpino ha trovato i vacanzieri in pantaloncini e maglietta, estremamente ipotermici e completamente bagnati intorno a mezzanotte.

Mentre il Mediterraneo orientale sperimenta il caldo, rimane instabile e freddo in Germania, secondo il Servizio meteorologico tedesco. Il motivo è la profondità del “Ferdinand”, che si sposta dal Mare del Nord agli stati baltici e porta l’aria fredda del mare in Germania. Le pendici del Mediterraneo orientale, invece, portano temperature elevate, in quanto consentono all’aria calda di fluire direttamente dall’Africa verso l’Italia, la Grecia e la Turchia.

© dpa-infocom, dpa: 210801-99-647244 / 8