Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Le proteste contro Putin alle elezioni russe hanno raggiunto il culmine

Le proteste contro Putin alle elezioni russe hanno raggiunto il culmine

  1. Home page
  2. Politica

Insiste

La Russia vota. Le proteste hanno avuto luogo il primo giorno delle elezioni. Sono stati effettuati numerosi attacchi con incendi e pitture.

MOSCA – Nella prima giornata di votazioni per le elezioni presidenziali russe, che si terranno dal 15 al 17 marzo, si sono già verificate diverse interruzioni del voto da parte dei manifestanti. Sembra che siano stati perpetrati attacchi incendiari nei seggi elettorali in diverse zone del Paese; C'è stato anche un aumento degli attacchi di vernice.

Vladimir Putin sarà quasi certamente rieletto, ma ci sono ancora proteste. © IMAGO/Mikhail Klementiev/Paul Cremlino

Come l'agenzia di stampa indipendente russa Sota Una donna anziana sarebbe stata arrestata a Mosca per aver appiccato il fuoco a un seggio elettorale. Un video postato dall'agenzia sul servizio di messaggistica breve Il Comitato investigativo centrale di Mosca ha successivamente affermato di aver aperto un'indagine penale sull'incendio doloso. Lo ha riferito l'agenzia di stampa ufficiale russa. RIA NovostiI funzionari elettorali hanno detto che nessuna scheda elettorale è stata distrutta. Gli operatori elettorali avrebbero potuto continuare il loro lavoro immediatamente.

Almeno tre incendi dolosi alle urne di Putin – Hai ricevuto un ordine di sabotaggio da Telegram?

Anche a San Pietroburgo si è verificato un incidente in cui una giovane donna ha tentato di lanciare una bottiglia molotov contro un seggio elettorale ed è stata immediatamente arrestata. Lo riferisce l'agenzia di stampa locale Fontanka; Sul sito web dell'agenzia è possibile visualizzare un video registrato da una telecamera di sorveglianza.

Il tentativo di attacco, però, non ha avuto molto successo: il proiettile è rimbalzato due volte ed è stato raccolto nuovamente dalla giovane, finendo per schiantarsi al suolo davanti all'edificio. È stata comunque arrestata. L'agenzia di stampa sostiene che lei è una studentessa dell'Università Pedagogica, viene dall'”Estremo Oriente” e ha ricevuto “un ordine sovversivo da un certo canale ucraino su Telegram”.

READ  L'autore dell'attacco è stato ucciso a colpi di arma da fuoco davanti all'ambasciata israeliana a Belgrado

Nella regione autonoma di Khanty-Mansi, nel nord della Russia, un'altra donna avrebbe tentato di appiccare il fuoco a un'urna elettorale utilizzando una bottiglia Molotov. Lo riferisce un quotidiano russo indipendente Tempo di Mosca Citato dal notiziario locale.

Finora sette persone sono state arrestate e rischiano sanzioni per “aver ostacolato il diritto di voto”.

Si dice che la vernice verde sia stata versata nelle urne in diverse occasioni. I media russi hanno riferito che la Commissione elettorale centrale russa ha chiesto di migliorare le misure di sicurezza dopo gli incidenti avvenuti nella regione di Rostov, nel sud della Russia e nella Repubblica di Karachaevo-Circassia.

Due urne elettorali sono state danneggiate anche nella città di Borisoglebsk, nella regione di Voronezh, nel sud della Russia, oltre a un'altra urna a Mosca e nella penisola di Crimea annessa. Il colorante verde brillante, chiamato “zelionka” (letteralmente: sostanza verde) in russo, era comunemente usato negli attacchi degli anni 2000. Attivisti dell'opposizione utente. Successivamente divenne simbolo di resistenza e il verde è il colore della speranza.

Anche se difficilmente la rielezione di Vladimir Putin verrà impedita, le proteste continueranno comunque. In totale, secondo le informazioni ufficiali, almeno sette persone sono state arrestate con l'accusa di sabotaggio nei seggi elettorali Tempo di Mosca. Il capo del corpo elettorale, Ella Pamfilova, ha detto che ai detenuti era stato promesso del denaro e che non sapevano che le loro azioni sarebbero state perseguite. Ora sono accusati di “ostruzione al diritto di voto”, che in Russia prevede una pena massima di cinque anni di prigione. (Tn)